Ekaterina, la piccola pittrice affetta da distrofia muscolare

Ekaterina, la piccola pittrice affetta da distrofia muscolare - Arte

Arte | Di Ornella Nalon. Ekaterina Yulia Borodulkina è una bambina affetta da distrofia muscolare e lotta contro l'immobilità del suo corpo creando strabilianti dipinti.

C'era una volta una principessina con gli occhi azzurri e i capelli biondi a cui una perfida strega aveva fatto un sortilegio. Sembra l'inizio di una favola, invece non lo è. Questa è una storia vera: la principessina è una bambina russa di dieci anni che si chiama Ekaterina e la cattivissima strega è una terribile malattia dal nome che suona come una condanna, distrofia muscolare
I primi sintomi sono apparsi quando Kate era molto piccola, ma la malattia non è stata subito diagnosticata per cui non si è provveduto sin dall'inizio a praticare le dovute cure per contrastare o ritardare i suoi effetti devastanti. Così si è verificata una progressiva e inesorabile perdita di massa muscolare, tanto che ora la bimba si nutre con un sondino, non riesce più a muoversi né a respirare autonomamente. Si sposta con una sedia a rotelle automatizzata e le è stata praticata la tracheostomia, grazie alla quale può respirare attraverso un apparecchio di ventilazione artificiale.
I suoi genitori cercano di far vivere nella normalità la loro bambina, per quanto possibile; a lei riservano le stesse regole, le stesse attenzioni e lo stesso amore con cui crescono la figlia più piccola che, fortunatamente, è sana. Come la sorellina, Kate frequenta la scuola pubblica, ottenendo dei buoni risultati, ed è altrettanto curiosa di imparare, di conoscere, di fare nuove esperienze e conoscenze.
Come tutti i bambini della sua età ha molte aspettative e molti desideri, tra cui quello di diventare una cantante, ma forse, considerata la difficoltà ad esibirsi con il canto e visto quanto bene le riesce dipingere, probabilmente sarà questa attività artistica a garantirle la fama.

Circa un anno fa Ekaterina ha cominciato a prendere lezioni di pittura e i risultati sono stati strabilianti.

Considerato anche il modo in cui la bimba dipinge: sdraiata su un fianco, muovendo a stento le mani che non sempre rispondono ai suoi comandi, questa principessa crea delle meravigliose pitture. Sinora è riuscita a comporne una quindicina, una più bella dell'altra, come potrete giudicare voi stessi.



Come dicevo, questa non è una favola nella quale l'amore del principe azzurro riuscirà a sconfiggere il maleficio, ma è una storia vera. Vera come l'affetto profondo e incondizionato che i genitori provano per la loro sfortunata bambina, vera come la forza che sono riusciti a trasmetterle e come quel tenero e dolce sorriso con cui Katerina accoglie la vita.

Ornella Nalon

Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, 0111 Edizioni.
Una luce sul futuro, StreetLib collana Gli scrittori della porta accanto.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Lisi

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
1 commenti

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità