• Copertina del libro
  • La ricamatrice Maurizio Spano
  • Andrà tutto bene
  • Un errore di gioventù   Elena Genero Santoro
  • Telma - Claudia Gerini
  • Il buio d'Etiopa - Nicolò Maniscalco
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Grilli e Sangiovese
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Roberto Marzioli presenta: L'inafferrabile senso delle cose

Roberto Marzioli presenta: L'inafferrabile senso delle cose

Presentazione Libri Intervista a cura di Silvia Pattarini. Roberto Marzioli presenta il suo terzo romanzo, L'inafferrabile senso delle cose: la vulnerabilità dell’essere umano davanti ai sentimenti, l’imprevedibilità della vita, l'amore. «Perché l’amore è tutto… »

Chi sono? Un essere umano. Come te. Un pensiero. Un’emozione. Una storia…
Roberto Marzioli
Le giornate di Roberto Marzioli sono piene di numeri, ma questa è solo una parte della sua vita: l’altra, quella più appassionante, è fatta di emozioni e di parole.
Il primo amore? La ragazza del primo banco.
Il secondo? Il libro di antologia.
Inizia a scrivere sui banchi delle scuole medie, spinto da un’esigenza interiore e dal desiderio di trasmettere e condividere emozioni. Abbandona la scrittura negli anni a cavallo fra l’università e il primo lavoro. Ma qualcosa gli viene a mancare.
Durante una lezione sulla creatività all’interno di un corso aziendale scrive un brano intimista. E di nuovo scocca la scintilla. Riprende in mano carta e penna e frequenta i corsi di scrittura creativa di 1° e 2° livello tenuti dallo scrittore Mauro Martini Raccasi.
La prima esperienza nel mondo editoriale è la pubblicazione di un racconto all’interno dell’antologia La morte è fatta a scale. Successivamente si dedica alla scrittura di romanzi. Alcuni capitoli inviati in lettura alla sua scrittrice preferita, Margaret Mazzantini, incontrano gli apprezzamenti dell'autrice.
Non può stare a lungo senza leggere o scrivere. Ovunque vada ha sempre con sé un libro o un blocco di fogli e una penna. Non ama solo le storie su carta, ma anche quelle dei film. E davanti a quelle più intense a volte gli capita di lasciare spazio alla commozione.
Ha amato ed è stato rifiutato. Ha amato ed è stato amato. Lo incuriosiscono la psicologia, le mille sfaccettature della mente e dell’animo umano, l’universo femminile, l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande che contiene, le sue stelle luminose e i suoi buchi neri, luci ed ombre, materia ed energia. Adora la campagna, il mare, gli ampi spazi, la natura, le emozioni che suscitano le atmosfere musicali dei Pink Floyd, di Mike Oldfield e di Ludovico Einaudi. Ha praticato arti marziali e conseguito la cintura nera 1° Dan di Aikido. Ha camminato sui carboni ardenti... e dice che sia stato straordinario. Vorrebbe visitare il Tibet in solitario e riposare almeno una notte sotto il cielo stellato del deserto.
Cosa farebbe per l’eternità? Viaggiare, leggere libri, scrivere storie.


L'inafferrabile senso delle cose di Roberto Marzioli

L'inafferrabile senso delle cose

di Roberto Marzioli
ISBN 978-1673696424
Narrativa
cartaceo 12,99€

Sinossi

Quanto è difficile ascoltare il cuore? Quanto mantenere una promessa? Per un uomo verso il padre. Per un prete verso Dio. Carlo è il titolare di una società di consulenza. Ha giurato di proseguire l’attività secondo i desideri del padre. Nonostante gli sforzi, però, il lavoro non va come dovrebbe e trascura la famiglia, il figlio Massimo e la moglie Viviana. La donna sembra nascondergli qualcosa dietro un’esistenza che conduce senza grandi gioie né soddisfazioni. Lui teme che lei lo tradisca. Padre Federico è il parroco di quartiere. La sua fede non è mai stata solida. Da sempre rimpiange un amore di gioventù, Lilly, perduta nel tunnel della droga dopo che lui l’aveva lasciata per dedicarsi a Dio. È innamorato di Viviana, un amore impossibile, che rende ancora più precaria la sua vocazione. Un evento imprevisto che coinvolgerà Viviana e il passato che tornerà a tagliare come una lama cambieranno per sempre l’esistenza di Carlo e padre Federico. L’amore di entrambi per la donna, l’ombra del tradimento, la relazione sentimentale fra due adolescenti, le tante domande senza risposta li porteranno a riflettere sulle incognite della vita e sui labirinti dell’amore. Ma sarà troppo tardi? E soprattutto, avrà ancora senso?


L'autore racconta



Buongiorno Roberto Marzioli e bentornato nel nostro web magazine culturale Gli Scrittori della porta Accanto. Entriamo subito nel vivo di questa intervista, iniziamo già col presentare il tuo ultimo libro, L'inafferrabile senso delle cose. Com’è nata l’idea di questo romanzo, è nata prima la trama o prima il titolo?

Buongiorno a tutti e buongiorno Silvia. Grazie per l’ospitalità.
Prima la trama o prima il titolo?
Certamente prima la trama. Solitamente penso al titolo solo in un secondo momento. Può arrivare come un flash a cui non metto più mano o come un abbozzo allusivo che poi rifinisco durante il processo di scrittura fino alla versione definitiva. Per L’inafferrabile senso delle cose il titolo ha seguito quest’ultima modalità.
L’inafferrabile senso delle cose è il terzo romanzo di un progetto di quattro nato dalla lettura del testo Le ferite dell’eroe di G. Covini. Il primo nucleo embrionale della storia, o se vogliamo il tema centrale, era già nella mia mente appena terminata la lettura del manuale. Lo sviluppo successivo della trama invece è nato da una mescolanza di ricordi e sensazioni che si sono accavallati nel tempo.
Tutto è iniziato da una passeggiata per il quartiere della mia infanzia e della mia adolescenza. Ho rivissuto momenti del passato, con la scuola, la chiesa, il viale alberato, i compagni, le compagne. A questo ho aggiunto elementi più attuali della mia quotidianità: il lavoro in ufficio, il pensiero del tempo che passa, la ricerca di un significato della vita che crescendo, a differenza di quanto atteso, è diventato meno chiaro. E infine il tema dell’amore, costante dei miei romanzi, con il suo mistero, i suoi labirinti, la sua indecifrabile maestosità.


E.M. Cioran affermava: «I libri andrebbero scritti unicamente per dire cose che non si oserebbe confidare a nessuno». Ci anticipi qualche indiscrezione su L’inafferrabile senso delle cose?

Credo che nella storia e nei personaggi di un romanzo ci sia sempre qualcosa dell’autore.
L’inafferrabile senso delle cose è il romanzo, fra quelli che ho scritto, che sento più vicino. C’è il mio rapporto con la religione, con la speranza, con la paura, con i ricordi, con una vita che riserva sorprese, incognite, imprevisti e con il senso di vulnerabilità e fragilità che ne consegue.
Ogni personaggio del romanzo, come l’autore, e in fondo come ognuno di noi, ha domande a cui trova difficile dare risposta, cose non dette e cose che non si possono dire. Ogni personaggio del romanzo riflette, chi più chi meno, l’animo di colui che lo ha creato, ma in cui anche il lettore può rispecchiarsi attraverso il filtro della sua esperienza e in cui può trovare cose che nemmeno lui oserebbe confidare a nessuno. Come diceva Joseph Conrad, «Si scrive soltanto una metà del libro, dell'altra metà si deve occupare il lettore».



Si dice che lo scrittore sia un “ladro di vite”. Per creare i tuoi personaggi hai “rubato” la vita a persone di tua conoscenza?

Come accennato, la trama del romanzo è nata da una mescolanza di ricordi e sensazioni.
Mi hanno ispirato il ricordo di un frate che veniva a scuola a parlarci di religione in sella a una moto di grossa cilindrata, il ricordo del primo amore, il volto di un’amica di cui non ho saputo più nulla. Ho preso poi spunto dall’esperienza quotidiana in ufficio, dalle persone che ho incontrato nel corso della mia attività lavorativa. Direi che ho rubato qua e là elementi dalla realtà, completando la caratterizzazione dei personaggi con aspetti di fantasia funzionali alla storia.

E quanto c’è di Roberto Marzioli?

Più o meno inconsciamente in tutti i personaggi c’è una parte di me: padre Federico, in perenne conflitto con se stesso, che fa a pugni con Dio e con un sentimento più grande di lui, Carlo, alle prese con un lavoro che lo svuota, i dubbi, i ricordi, il desiderio di essere sempre all’altezza e la voglia di leggerezza, Viviana, con le sue paure, la malinconia, l’incertezza del domani, Massimo e Stella Lucia, con il loro entusiasmo, la loro voglia di vita, di credere nell’impossibile e in un amore senza fine, Lilly, con il suo passato ingombrante, le cadute e il desiderio di rialzarsi e ricominciare.
Di certo ci sono pezzi di me in ognuno di loro. Ma d’altra parte tengo a precisare che tutti questi personaggi non sono l’autore e vivono di una vita propria.

I luoghi del libro sono reali o di fantasia?

Come spesso accade, nei miei romanzi realtà e fantasia si accavallano, si influenzano, si supportano a vicenda. La realtà mi aiuta ad ancorare le storie alla vita concreta, la fantasia mi permette libertà espressiva e creatività.
Alcuni luoghi del romanzo hanno attinenza con la realtà, altri sono di fantasia.
Fra i primi, la chiesa del mio quartiere di infanzia e adolescenza, le vie e i viali alberati dello stesso quartiere (per chi conosce Parma mi riferisco alla zona di via San Leonardo, via Gobetti, via Milano e dintorni). Per una scena ho richiamato come ambientazione la piazza della cattedrale di Parma con il Battistero e il palazzo del Vescovado. Per la sede della società di consulenza di Carlo mi sono ispirato a uffici che ho frequentato nella mia attività lavorativa. L’abitazione di Carlo e Viviana invece è di fantasia, costruita prendendo spunto da foto raccolte sul web.

A monte di L'inafferrabile senso delle cose c’è un lavoro di ricerca o di documentazione?

Per la tipologia di romanzi che scrivo c’è sempre una ricerca e un’analisi prima di tutto interiore.
Mi avvalgo poi dell’ausilio di manuali di scrittura e testi che trattano di psicologia, soprattutto per la caratterizzazione dei personaggi, ma niente di complesso.
Regolarmente compilo per ogni personaggio di un certo rilievo una scheda in cui vado a dettagliare le componenti riguardanti l’aspetto fisico, sociologico e psicologico. Questo mi è di grande aiuto per l’immedesimazione e lo sviluppo della storia.
Per quanto concerne le ambientazioni, procedo ad una raccolta di foto per avere ben in mente luoghi presenti nella realtà oppure per creare, in una sorta di collage, luoghi di fantasia adatti alla trama e alla narrazione.

Italo Calvino citava così: «Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che poi venga scoperto». Tra le righe di L'inafferrabile senso delle cose si cela qualche messaggio particolare che il lettore dovrà scoprire?

Come accennato in altre occasioni, ho sempre un po’ di timore a parlare di messaggi contenuti all’interno di un mio romanzo. Direi piuttosto che si tratta di punti di vista che ho nei confronti della realtà o di una porzione di essa. Il tema del romanzo L’inafferrabile senso delle cose è la vulnerabilità dell’essere umano davanti ai sentimenti e all’imprevedibilità della vita, è una riflessione su quanto controllo abbiamo realmente sulle emozioni, su ciò che proviamo e su ciò che ci circonda. Quello che propongo è una mia interpretazione e un’analisi delle debolezze e delle risorse che ritengo siano comuni a molti di noi esseri umani.
Se proprio devo sbilanciarmi con un messaggio, condenserei tutto in una frase: «Perché l’amore? Perché l’amore è tutto… »

Grazie Roberto Marzioli per essere stato con noi, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.

Crepi! Grazie a voi!
Un caro saluto!
www.robertomarzioli.it

Silvia Pattarini

Silvia Pattarini
Madre di tre figli, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.
Il tempo di un caffè, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni.

About Silvia P.

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page
Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com




Novità editoriali


br/>
Pubblicità
Approfitta della promozione Feltrinelli


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram