Gli scrittori della porta accanto

Recensione: Il giardino dei Finzi-Contini, di Giorgio Bassani

Recensione: Il giardino dei Finzi-Contini, di Giorgio Bassani

Libri Recensione di Davide Dotto. Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani (Feltrinelli). La storia di una famiglia al tempo fascismo, mentre le contraddizioni del regime si fanno via via più evidenti.

Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani è la storia dei “nuovi ricchi”, della “classe media” assente all’epoca in cui è ambientato Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Essa si fa strada lentamente, divenendo protagonista, nei primi del Novecento, di romanzi memorabili.

Tra gli anni Venti e Trenta del secolo scorso, con il consolidarsi del regime fascista, la situazione si fa delicata. Poco alla volta i personaggi si scontrano con contraddizioni via via più evidenti.

I Finzi-Contini non possono ribellarsi a loro stessi. Non sono individui ma membri di un gruppo (classe media) o di un popolo (ebreo). Non c’è una dimensione “altra”, diversa. Essere espulsi da quello che hanno a causa di quello che sono è insostenibile. Tanto quanto il trovarsi l’ufficiale giudiziario in casa durante un pignoramento (succede, con le debite proporzioni, ne Gli indifferenti di Moravia).
Cercano – nonostante siano toccati dagli eventi – di tirare avanti. Strenuo e disperato è lo sforzo di scrollarsi di dosso uno scomodo presente. Di fronte a esso non si sa che fare. Da qui la difficoltà di “arrestare l’inarrestabile” o evitare l’inevitabile. Non mancano invettive contro Giolitti o Benedetto Croce, correi di un certo stato di cose. Sul punto è opportuno considerare il saggio di Gaetano Salvemini, Le origini del fascismo in Italia (Feltrinelli).

Arriviamo, nel racconto, al 1938, l'anno delle leggi razziali.

Ciascuno con le unghie e coi denti custodisce e trattiene la propria normalità, si aggrappa al poco che rimane, fino a distaccarsi dal resto. Così avviene in Frédéric Moreau (protagonista di L'Educazione sentimentale di Flaubert), le cui vicissitudini lo  estraniano dalle barricate di Parigi del 1848. Flaubert non è citato a sproposito, il padre del narratore ne riprende un tema di fondo. Anzi, Il giardino dei Finzi-Contini è una sorta di “educazione sentimentale”: quando si è giovani si può reagire alle circostanze avverse; dopo si diradano le energie per rimediare, ricominciare da zero.

Con la deportazione, nessuno dei Finzi-Contini avrà modo di maturare, di sorprendersi vecchio, guardarsi indietro e dire:  quello vissuto è stato il tempo migliore.

A conti fatti, è terribile la condizione del popolo ebraico, da sempre. È un problema essere praticanti, o non esserlo (non lo era Kafka, né Irene Nemirovsky, autrice di Suite francese).
C'è quindi chi non si rassegna (ma vive senza scopo); chi "spera di morire prima che i tempi peggiorino"; chi non piange, ma “sorride di disappunto”; chi dissipa il dissipabile, al fine di non consegnare nulla a chi verrà a incassare o a prendere.
Da ricordare, infine, il film di Vittorio De Sica del 1970, del quale Bassani non era soddisfatto, dove viene raccontato – ma non mostrato – ciò che nel romanzo è mostrato – ma non raccontato.
Nel libro sappiamo che vi sono state le deportazioni. A dirlo è il cimitero ebraico, la tomba monumentale dei Finzi-Contini, dove solo uno della famiglia (il più fortunato?) è sepolto.
Da qui l’idea forte che molto è andato perduto, non solo dimenticato.

Il giardino dei Finzi-Contini

Il giardino dei Finzi-Contini

di Giorgio Bassani
Feltrinelli
Romanzo storico
ISBN 978-8807881084
Cartaceo 9,02€
Ebook 6,99€

Sinossi 

Pochi romanzi italiani del Novecento sono entrati così profondamente nel cuore dei lettori come "Il giardino dei Finzi-Contini", un libro che è riuscito a unire emozioni private e storia pubblica, convogliandole verso un assoluto coinvolgimento narrativo. Un narratore senza nome ci guida fra i suoi ricordi d'infanzia, nei suoi primi incontri con i figli dei Finzi-Contini, Alberto e Micòl, suoi coetanei resi irraggiungibili da un profondo divario sociale. Ma le leggi razziali, che calano sull'Italia come un nubifragio improvviso, avvicinano i tre giovani rendendo i loro incontri, col crescere dell'età, sempre più frequenti. Teatro di questi incontri, spesso e volentieri, è il vasto, magnifico giardino di casa Finzi-Contini, un luogo che si imbeve di sogni, attese e delusioni. Il protagonista, giorno dopo giorno, si trova sempre più coinvolto in un sentimento di tenero, contrastato amore per Micòl. Ma ormai la storia sta precipitando e un destino infausto sembra aprirsi come un baratro sotto i piedi della famiglia Finzi-Contini.
Davide-Dotto

Davide Dotto
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità