Gli scrittori della porta accanto

Recensione: L'Arminuta, un romanzo di Donatella Di Pietrantonio

Recensione: L'Arminuta, di Donatella Di Pietrantonio

Libri Recensione di Davide Dotto. L'Arminuta di Donatella Di Pietrantonio (Einaudi). Cenerentola alla rovescia, da una inconsapevole situazione ideale proiettata bruscamente nella cruda realtà, in cui è la necessità a farla da padrona.

L’Arminuta di Donatella Di Pietrantonio, Premio Campiello 2017, è scritto con un linguaggio essenziale e fortemente evocativo. Grazie a esso, e senza complicati giri di parole, il lettore condivide da subito la curiosa condizione della protagonista, una ragazzina restituita alla famiglia d'origine dalla zia che l'ha accudita e allevata negli ultimi tredici anni. Non le è dato sondarne i motivi, a quanto pare di dominio pubblico.
Ero l'Arminuta, la ritornata. Non conoscevo quasi nessuno ancora, ma loro ne sapevano più di me sul mio conto, avevano sentito le chiacchiere degli adulti.
Donatella Di Pietrantonio, L'Arminuta
Di solito, in storie simili, il canovaccio è diverso: si tende a voler tornare nella famiglia di provenienza quando ci si accorge che quella in cui si è vissuto fino a ora non lo è. Spesso è un modo per migliorare le proprie condizioni, materiali (per i nobili natali) oltre che affettive. Si può annoverare, esempio tra i tanti, Senza famiglia, il celebre romanzo di Hector Malot (1878).

L'Arminuta (non sappiamo il nome di battesimo) non è affatto entusiasta del mutamento.

Deve prendere confidenza con un ambiente, una routine e una dimensione affettiva completamente differenti. Non è figlia unica ma ha una sorella e dei fratelli.
È una fiaba ribaltata, con un totale capovolgimento di situazioni. Cenerentola alla rovescia, da una inconsapevole situazione ideale è proiettata bruscamente nella cruda realtà, in cui è la necessità a farla da padrona. E dove la nuova madre è la vera madre, il nuovo padre è il suo vero padre. In seno alla nuova famiglia si sente estranea, la reciproca fiducia è tutta da conquistare.
Non l'ho mai chiamata, per anni. Da quando le sono stata restituita, la parola mamma si è annidata nella mia gola come un rospo che non è più saltato fuori. Se dovevo rivolgermi a lei con urgenza, cercavo di catturarne l'attenzione in modi diversi.
Donatella Di Pietrantonio, L'Arminuta
Il suo è un duro risveglio.
Dopo qualche giorno avrei saputo competere per il cibo e restare concentrata sul piatto a difenderlo dalle incursioni aeree delle forchette.
Donatella Di Pietrantonio, L'Arminuta

Leggi anche Elena Genero Santoro | Recensione: L'Arminuta, di Donatella Di Pietrantonio

Le domande sono molte. La più urgente è capire perché la donna che l’ha cresciuta (sua zia) ha rinunciato a lei: cosa impedisce di sfuggire a un'esistenza a cui non è abituata?

L’altra, altrettanto indifferibile, (perché la madre naturale l'ha data via) non se la pone neppure, quasi mancasse un legame che giustifichi una ricerca in tal senso.
Vi sono molti temi affrontati (il rapporto madre-figli è quello che fa da perno al romanzo), tra cui quello dell’identità di cui, la ragazza, non è mai stata priva. Ne ha avuto una diversa, la stessa che per tutto il racconto desidera recuperare ma che, invece, è perduta per sempre. L’identità originaria le risulta incomprensibile, nonostante il vincolo di sangue paradossalmente più reale di quella che le è stata sottratta.
Nessuno sembra avere né la responsabilità, né la regia di quello che le succede, vittime tutti di meccanismi di cui non si ha il pieno controllo. Sullo sfondo ci sono scelte che, per salvare il salvabile, esigono radicali vie d'uscita.
Dal romanzo è tratto il film diretto da Giuseppe Bonito, in uscita il 21 ottobre.


L'Arminuta

di Donatella Di Pietrantonio
Einaudi
Narrativa
ISBN 978-8806232108
Cartaceo 16,62€
Ebook 8,99€

Sinossi 

Ci sono romanzi che toccano corde così profonde, originarie, che sembrano chiamarci per nome. È quello che accade con "L'Arminuta" fin dalla prima pagina, quando la protagonista, con una valigia in mano e una sacca di scarpe nell'altra, suona a una porta sconosciuta. Ad aprirle, sua sorella Adriana, gli occhi stropicciati, le trecce sfatte: non si sono mai viste prima. Inizia così questa storia dirompente e ammaliatrice: con una ragazzina che da un giorno all'altro perde tutto - una casa confortevole, le amiche più care, l'affetto incondizionato dei genitori. O meglio, di quelli che credeva i suoi genitori. Per «l'Arminuta» (la ritornata), come la chiamano i compagni, comincia una nuova e diversissima vita. La casa è piccola, buia, ci sono fratelli dappertutto e poco cibo sul tavolo. Ma c'è Adriana, che condivide il letto con lei. E c'è Vincenzo, che la guarda come fosse già una donna. E in quello sguardo irrequieto, smaliziato, lei può forse perdersi per cominciare a ritrovarsi. L'accettazione di un doppio abbandono è possibile solo tornando alla fonte a se stessi. Donatella Di Pietrantonio conosce le parole per dirlo, e affronta il tema della maternità, della responsabilità e della cura, da una prospettiva originale e con una rara intensità espressiva. Le basta dare ascolto alla sua terra, a quell'Abruzzo poco conosciuto, ruvido e aspro, che improvvisamente si accende col riflesso del mare.
Davide-Dotto

Davide Dotto
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità