• Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Il mare e la nebbia di Rosa Santi
  • Sei mesi di prova
  • Petrolio bollente
  • Copertina del libro
  • La ricamatrice Maurizio Spano
  • Andrà tutto bene
  • Un errore di gioventù   Elena Genero Santoro
  • Telma - Claudia Gerini
  • Il buio d'Etiopa - Nicolò Maniscalco
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Grilli e Sangiovese
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Astrid Lindgren, la mamma di Pippi Calzelunghe

Astrid Lindgren, la mamma di Pippi Calzelunghe

Professione scrittore Di Ornella Nalon. Astrid Lindgren, nominata Dama dell'Ordine del Sorriso, è stata un'autrice svedese di libri per l'infanzia, gialli e fantasy. Ma principalmente è nota per essere la "mamma" di Pippi Calzelunghe.

Alzi la mano chi non conosce Pippi Calzelunghe. Non solo quelli della mia veneranda età, ma anche tanti bambini di oggi, sanno che si sta parlando di quella ragazzina forzuta e un po' buffa, con i codini rossi e le lentiggini, che vive in una villa con la sola compagnia di una scimmietta, dal nome “Signor Nelson” e di un cavallo bianco a pois neri, che risponde al nome di “Zietto”. Suo padre è un pirata che naviga per i Mari del Sud e lei è convinta che sia diventato il re dell'isola di Taka Tuka, nel Corno d'Africa. Vive da sola, dunque e non va a scuola, gestendo, in totale autonomia, la propria vita e il proprio carattere, rendendola, di gran lunga, più simpatica ai bambini che ai loro genitori.
Di sua madre non si sa niente, di quella biologica, intendo. Si sa molto, invece, della donna che l'ha partorita dalla propria fantasia: Astrid Lindgren.

Astrid Lindgren, nasce a Vimmerby, nella Svezia meridionale, il 14 novembre 1907. 

Seconda di quattro figli, trascorre la sua infanzia serena nella fattoria di famiglia, immersa nelle sue letture, che ama molto.
All'età di 17 anni, diventa correttrice di bozze e poi scrive qualche articolo per un giornale locale.
A 18 anni rimane incinta e la famiglia decide di allontanarla da casa e trasferirla a Stoccolma, per evitare le chiacchiere che una gravidanza fuori dal matrimonio possono fomentare, in un'epoca in cui il moralismo imperversa. Le difficoltà economiche, le impediscono di mantenere il piccolo Lars e si vede costretta a darlo in affidamento.
Poco dopo, trova impiego presso l'Automobile Club del Regno, dove conoscerà Sture Lindgren, che diventerà suo marito. Nel frattempo, la madre affidataria di suo figlio verrà a mancare e la neo famiglia lo accoglierà a sé, ricongiungendo madre e figlio. Dopo qualche anno, nasce la figlia Karin.

Corre l'anno 1941 e la bambina si ammala di polmonite. Astrid Lindgren rimane per lungo tempo al suo capezzale e ogni sera si inventa una storia per conciliarle il sonno. 

In una di quelle sere, Karin le chiede se le racconta la storia di Pippi Calzelunghe, un nome che ha appena inventato. Considerando la stranezza del nome, la donna decide di dare fondo alla propria fantasia per creare un personaggio altrettanto particolare e da quel momento, Pippi Calzelunghe diventa la protagonista di innumerevoli racconti che solo dopo un infortunio della sua autrice e la sua temporanea infermità, vengono posti nero su bianco, facendole scoprire che scrivere è appassionante quanto leggere.

Per il decimo compleanno della figlia, Astrid Lindgren pensa di regalarle la raccolta di racconti che le aveva narrato sino ad allora, corredandolo anche di illustrazioni.

Sarà soltanto un anno dopo, nel 1945, che Pippi Calzelunghe verrà pubblicato, costituendo l'esordio di un considerevole numero di opere per l'infanzia ma non solo: nella sua produzione letteraria, sono inclusi anche gialli, racconti di avventura e fantasy, nonché lavori per il cinema e la televisione.
Le sue opere sono state tradotte in più di 70 lingue, dall'arabo allo zulu.
Non tutti i lavori di Astrid Lindgren, sono stati tradotti in italiano e tra questi, decisamente, Pippi Calzelunghe ha ottenuto la maggiore notorietà, grazie anche alla realizzazione di una serie televisiva del 1970.



Se da noi, il suo successo è relativo quasi esclusivamente a una sola opera, nel suo paese ottiene numerosi riconoscimenti e premi, sia per la sua attività di scrittrice, sia per il suo attivismo nella difesa dei bambini e degli animali. Ottiene, inoltre alcune lauree honoris causa. Nel 1977 è nominata personaggio svedese dell'anno.

Quando Astrid Lindgreen muore, il 28 gennaio 2002, il governo svedese istituisce un premio per la letteratura infantile e per ragazzi, a lei dedicato, il cui valore ammonta a cinque milioni di corone svedesi (circa 540.000€).

Nel 2005, la raccolta dei suoi manoscritti originali, trattenuti presso la biblioteca reale di Stoccolma, è posta sotto l'egidia dell'Unesco.
In seguito sonostati pubblicati, in Svezia, anche 17 volumi tratti dai diari che Astrid Lindgren ha scritto durante il periodo di guerra, dal 1939 sino alla fine delle ostilità del 1945. L'opera è stata commissionata dalla nipote, Annika, che ha guidato un team per ben due anni, tanta era l'imponenza del materiale trovato. In essi, vi si legge un racconto dettagliato delle vicende belliche e degli orrori della guerra, ma anche esperienze di vita personali, il vissuto di una donna, madre di due figli, che espone le sue ansie e i suoi dolori.
Un'opera che si contrappone totalmente al testo allegro e fantasioso delle sue favole, facendoci conoscere le varie sfaccettature della personalità di questa grande donna. Anche se per tutti resterà principalmente la mamma di Pippi Calzelunghe.
Ornella Nalon - Gli scrittori della porta accanto

Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo, 0111 Edizioni
Non tutto è come sembra, 0111 Edizioni.
Una luce sul futuro, Gli scrittori della porta accanto Edizioni.
Sulle ali della fantasia, Gli scrittori della porta accanto Edizioni (seconda edizione).

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità
Promozione laFeltrinelli


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram