Gli scrittori della porta accanto

Pag. 69 | #36 "Emma" di Jane Austen

EMMA
Acquista
di Jane Austen
Mondadori |  528 pagine

Mr e Mrs Knightley, per la loro lunga assenza dal Surrey, suscitavano ancor più interesse del solito. Dal matrimonio ogni lunga vacanza veniva divisa fra Hartfield e Donwell Abbey; ma quell’anno le vacanze autunnali erano state dedicate esclusivamente al mare per i bambini e quindi erano trascorsi molti mesi dalla loro ultima visita nel Surrey. Anche Mr Woodhouse non li vedeva da tempo, visto che non si convinceva ad andare a Londra, neppure per amore della povera Isabella, e quindi adesso era molto nervoso e apprensivo nell’attesa di quella visita troppo breve.
Si preoccupava molto dei disagi del viaggio per la figlia, e si preoccupava soprattutto dell’affaticamento dei suoi cavalli e del cocchiere che dovevano trasportare parte del gruppo per la seconda metà del tragitto; tutte paure inutili: le sedici miglia furono felicemente percorse e i Knightley, i loro cinque figli, più una nutrita schiera di bambinaie, sbarcarono a Hartfield sani e salvi. La confusione e la gioia di quell’arrivo, le molte persone cui dovette rivolgersi per offrire il benvenuto, dare incoraggiamento, assegnarli e sistemarli nelle varie stanze, producevano un chiasso che i suoi nervi non avrebbero potuto sopportare per nessun’altra ragione né resistere molto più a lungo nemmeno per questa, ma Mrs Knightley rispettava attentamente le abitudini di Hartfield e i sentimenti del padre. Nonostante le attenzioni materne perché i piccoli stessero bene, godessero di libertà e cura, potessero mangiare, bere, dormire e giocare a volontà, controllava che non lo infastidissero a lungo, né i bambini direttamente, né le attenzioni agitate dedicate loro.
Mrs Knightley era una signora minuta, carina ed elegante, dal carattere tranquillo e gentile, e un’indole decisamente amabile e affettuosa; tutta concentrata sulla famiglia, moglie devota, madre innamorata, e così legata al padre e alla sorella che, eccetto quei legami più stretti, non sarebbe stato possibile un amore più profondo. In loro non vedeva difetti. Non era particolarmente intelligente o brillante, come il padre al quale somigliava molto anche per costituzione. Era delicata per salute e ansiosa per quella dei figli, piena di paure e apprensioni, ed era fissata con il dottor Wingfield in città quanto il padre lo era con il farmacista Perry. Si somigliavano anche per il buon carattere e per il tenace attaccamento alle vecchie conoscenze.

~ 69 ~

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità