[Libri] "Le regole di Hibiki" di Cristiano Pedrini, recensione di Paola Casadei

Le-regole-di-Hibiki-Cristiano-Pedrini

Le regole di Hibiki di Cristiano Pedrini, CreateSpace, 2016. Un romance M/M, una favola con i buoni e i cattivi, il bambino malato e il riscatto di una vita.

Mi è capitato il libro sotto gli occhi davvero per caso. Non avevo mai letto niente del genere M/M. Non leggo neanche romanzi rosa. Ma questo mi ha fatto riflettere e, dopo le prime pagine, mi ha incuriosita e ho sentito la necessità di arrivare all’ultima riga. 
La prima impressione che ho avuto leggendo Le regole di Hibiki di Cristiano Pedrini è stata quella di avere di fronte una favola. Scritta con uno stile molto lineare, fresca, all’apparenza leggera, nonostante il tema sia molto nuovo e non del tutto leggero, ma di certo una favola. Con i buoni e i cattivi, il bambino malato e il riscatto di una vita. Non lo dico in senso dispregiativo: in fondo anche Pretty Woman lo era!
Questa favola racconta in modo leggero tante verità, adatte anche a un pubblico adulto. Racconta la storia di Hibiki Cole, un ragazzo inglese di diciotto anni che porta sulle spalle troppe responsabilità da quando sua madre è morta e ha dovuto interrompere gli studi per prendersi cura del fratellino malato, Owen, un ragazzino dodicenne, sveglio e maturo, ironico e dalla mente aperta come pochi bambini possono esserlo (soprattutto di fronte a un fratello omosessuale e alle difficoltà che i due devono affrontare per sopravvivere).
Per procurarsi i soldi necessari per le cure e le medicine per questa imprecisata malattia – e ci sta che resti imprecisata, se consideriamo il tutto come una favola - Habiki sceglie, o forse si vede costretto a farlo, di prostituirsi saltuariamente.
Il fratello, per aiutarlo e fargli cambiare vita, gli procura un colloquio di lavoro per un posto da fattorino presso uno studio legale
Chris Page, ventotto anni, è uno degli avvocati migliori della città. Quando, per un caso fortuito, da sotto la scrivania a sorpresa esce questo giovane bello, testardo, indipendente e orgoglioso, ne rimane immediatamente affascinato e decide di assumerlo.
Una casualità davvero sorprendente (e di nuovo si capisce di essere di fronte a una favola) fa sì che il passato del ragazzo torni subito fuori e rischi di rovinare fin dall’inizio questa opportunità di riscatto. Il ragazzo, però, trova un inaspettato alleato nel suo nuovo capo Chris, che tenta in tutti i modi di avvicinarsi a lui, al contrario dei suoi soci. 
Hibiki a volte è impertinente, sfrontato, orgoglioso; non cede davanti a certa gente che ha avuto più fortuna di lui e si crede superiore; ha sempre la risposta pronta, e tenta inutilmente di tenere il suo capo lontano dalla sua vita.
Seguono varie vicissitudini che non fanno altro che avvicinare Chris a Hibiki, fino al riscatto finale, alla giustizia che alla fine vince
Insomma una storia d’amore al maschile dove alla fine vincono valori come il rispetto, l’amicizia, l’affetto. Dolce e romantica. Una lettura poco impegnativa e, per quanto mi riguarda, inaspettata.

Quali sono, dunque, le regole di Hibiki, che rappresentano anche i capitoli del romanzo ?

Regola numero uno: Improvvisare
Regola numero due: Non dire bugie
Regola numero tre: Non nascondere ciò che sei
Regola numero quattro: Mai ammettere di aver avuto una pessima giornata
Regola numero cinque: Mai pranzare con il capo
Regola numero sei: Mai porgere l’altra guancia
Regola numero sette: Non attraversare Harlesden da solo
Regola numero otto: Mai accettare passaggi a casa
Regola numero nove: Imparare dall’insuccesso
Regola numero dieci: Evitare i ristoranti di lusso
Regola numero undici: Non comprare biancheria intima insieme al tuo ragazzo
Regola numero dodici: Scegliere sempre il lato destro
Regola numero tredici: Preferire la doccia alla vasca da bagno
Regola numero quattordici: Pensare sempre a tuo fratello
Regola numero quindici: Tenere delle valigie a portata di mano
Regola numero sedici: Mai chiudere tutte le porte dietro di sé
Regola numero diciassette: Un latte caldo prima di andare a letto non sempre concilia il sonno
Regola numero diciotto: In teatro meglio evitare i posti in platea
Regola numero diciannove: Il tè rende nervosi
Regola numero venti: Essere sempre pronto a spiccare il volo

Le-regole-di-HibikiLe regole di Hibiki

Hibiki ha una vita difficile alle spalle e un fratellino malato di cui prendersi cura. Si prostituisce per necessità, finché trova lavoro allo studio legale di Chris Page, tra i maggiori avvocati della city. 
La relazione fra i due si fa presto intima, Chris non sa resistere a quello sfacciato ragazzino a cui non mancano certo coraggio e orgoglio. 
Molti però sono gli ostacoli, Hibiki capirà ben presto che per sopravvivere in un mondo ostile dovrà seguire le proprie regole. 


di Cristiano Pedrini | CreateSpace | Romance M/M
ISBN 978-1537039886 | cartaceo 12,90€ | ebook 2,99€ Acquista







Paola Casadei
In origine farmacista e direttore tecnico di laboratorio omeopatico, ha lasciato Forlì per trasferirsi prima a Roma, poi a Montpellier, quindi per dodici meravigliosi anni in Africa (otto in Sudafrica e quattro in Mozambico), dove ha insegnato musica e italiano. Ora risiede a Montpellier con la famiglia.
L'elefante è già in valigia, Lettere Animate Editore.
Malgré-nous. Contro la nostra volontà, traduzione, Ensemble Edizioni.
Dal buio alla luce. Il bisso marino e Chiara Vigo, traduzione, Cartabianca Editore.

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Stefania Bergo

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità