Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

It, il ritorno del terrificante clown Pennywise di Stephen King

It, il ritorno del terrificante clown Pennywise di Stephen King - Recensione, cinema, film

Cinema Recensione di Valentina Gerini. It: dall'omonimo romanzo di Stephen King, il terrificante pagliaccio Pennywise torna a spaventare i bambini di Derry.

Premetto che non ho letto il libro di King e non ho mai visto il primo film, quindi non sapevo bene cosa aspettarmi da questa storia. Credevo fosse un crescendo di paura e scene orribili, credevo di non riuscire a reggere l'infinità quantità di sangue, mani mozzate, figure demoniache che di solito gli horror spiattellano sullo schermo.
Insomma non avevo grandi aspettative. Ma dalle prime scene si intuisce che il film va ben oltre l'horror.
Questo nuovo It racconta una storia di amicizia vera, di amore tra fratelli che alleggerisce la drammaticità del thriller. Il film è ambientato nella cittadina di Derry alla fine degli anni '80, dove, a causa di motivazioni ancora misteriose, i bambini spariscono.
La loro scomparsa è nettamente superiore alla media delle altre città statunitensi e la cosa desta sospetto a un gruppetto di ragazzini, definiti Il club dei perdenti perché vittime di continuo bullismo a scuola. In questo gruppo c'è Bill, il cui fratellino è scomparso l'anno prima senza alcuna motivazione: stava giocando con una barchetta durante una giornata di pioggia e non è più tornato a casa. Bill è convinto che il fratellino sia una delle tante vittime di questa strana entità che vive a Derry, di cui tutti sanno ma nessuno parla.


It - Film, recensione cinema, libri, scrittori




It

REGIA Andy Muschietti 
PRODUZIONE Seth Grahame-Smith, Barbara Muschietti, David Katzenberg, Dan Lin, Roy Lee
DISTRIBUZIONE Warner Bros. Pictures
SCENEGGIATURA Chase Palmer, Cary Fukunaga, Gary Dauberman
MUSICHE Benjamin Wallfisch
ANNO 2017

CAST
Bill Skarsgård, Owen Teague, Jaeden Lieberher, Finn Wolfhard, Wyatt Oleff





I ragazzi, convinti di questa loro teoria, iniziano a studiare la questione in maniera più approfondita e in questo modo attirano l'attenzione del temibile clown Pennywise che fa di tutto per spaventarli e catturarli. Il pagliaccio rappresenta le paure di ognuno di loro e si manifesta quando questi sono più vulnerabili e soli. Un lavandino che esplode macchiando di sangue l'intero bagno, un dipinto con una donna dalla faccia deforme che prende vita, il palloncino che galleggia e preannuncia l'arrivo di un momento terribile...
La ricerca e il desiderio di sconfiggere l'orribile clown, che ogni 27 anni esce dalle fogne per fare scorpacciata di bambini per poi tornare in letargo fino alla sua prossima uscita, è il filo conduttore di tutto il film.
Ma c'è di più.
La trama racconta di questi amici, uno diverso dall'altro, con difetti e pregi reali che spesso negli horror perdono d'importanza o non vengono nemmeno accennati: c'è quello che balbetta, quello grassoccio, l'ipocondriaco, quello che ha paura di fare il gradasso, quello che parla sempre e una ragazzina che fa girare la testa a tutti quanti.
Il film, che a leggere dalla scheda di comingsoon non rispecchia pienamente il romanzo, anzi ne rimescola un po' le carte e i personaggi, mette in risalto questioni reali come i rapporti tra adolescenti, le prime cotte, i primi amori, le paure, i litigi e le passioni.
It per me è stata una piacevole scoperta. Il regista Andy Muschietti ha trovato un modo di raccontare l'horror e il thriller fuori dagli schemi, che forse riesce ad appassionare anche chi questo genere non lo ama. Non vi svelo il finale, ma una cosa posso dirvela: nell'ultimo fotogramma si legge "Capitolo uno". A buon intenditor...



Valentina-Gerini

Valentina Gerini
Dopo la maturità scientifica e uno studio approfondito della lingua inglese inizia a lavorare all’estero. Le sue più grandi passioni sono i viaggi e la scrittura. Dei viaggi ne ha fatto la sua professione, diventando accompagnatrice turistica; della scrittura il suo hobby, occupandosi degli articoli di copertina per un mensile dedicato alle storie di paese.
Volevo un marito nero, 0111Edizioni.
La notte delle stelle cadenti, Lettere Animate.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Anonimo

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità