• Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano oggi

È così che si uccide, di Mirko Zilahy

È così che si uccide, di Mirko Zilahy

Libri | Recensione di Franco Mieli. È così che si uccide, il noir di Mirko Zilahy, Longanesi, 2016, ambientato in una Roma di fine estate.

È così che si uccide, il noir di Mirko Zilahy, è stato l’ultimo libro che ho letto nel 2017. Terminato esattamente il 31 dicembre.
La storia inizia con il ritrovamento del cadavere di una donna orribilmente squartato nei pressi della Basilica di San Paolo. A seguire quello di un frate nel vecchio mattatoio del Testaccio e poi quello di un chirurgo nelle vicinanze del Gazometro.
Delle indagini viene incaricato il commissario Enrico Mancini, vecchia leggenda della Polizia, proveniente dalla scuola di profiler di Quantico, negli Stati Uniti. Ma Enrico Mancini non è più lo stesso, da quando un anno prima un cancro si è portata via l’amata Marisa. Contemporaneamente sta conducendo una indagine personale sulla scomparsa di Mauro Carnevali, oncologo di fama che era stato proprio il medico di riferimento di Marisa durante la sua malattia.
Mentre il killer continua a mietere vittime seguendo uno schema ben preciso, appare chiaro che anche il commissario è tra i suoi obiettivi.
Mi fermo qui con la trama, perché andando oltre svelerei dettagli significativi.
Il noir è ambientato in una Roma di fine estate insolitamente grigia e piovosa da assomigliare a una grande metropoli del nord. Le scene dei delitti e i teatri di azione dei personaggi sono luoghi che da romano conosco bene. L’ex mattatoio del Testaccio, la Basilica di San Paolo, il Gazometro, scheletro metallico che con la sua altezza domina i quartieri a sud della Capitale, il Mitreo di Ostia Antica, la piana Pontina. Perciò mi è venuto facile seguire gli spostamenti del commissario e dell’assassino, ma l’impresa non dovrebbe essere difficile anche per un esterno, vista la minuziosità e la precisione con cui vengono descritti i luoghi, da cui si deduce una presenza dell’autore sul posto per documentarsi e vedere con i propri occhi.
I personaggi sono ben descritti e approfonditi, il commissario Mancini ma anche il temibile killer in misura maggiore, ovviamente.


È così che si uccide

di Mirko Zilahy
Longanesi
Thriller
ISBN 978-8830442009
ebook 9,99€
cartaceo 13,94€

SINOSSI
La pioggia di fine estate è implacabile e lava via ogni traccia: ecco perché stavolta la scena del crimine è un enigma indecifrabile. Una sola cosa è chiara: chiunque abbia ucciso la donna, ancora non identificata, l’ha fatto con la cura meticolosa di un chirurgo, usando i propri affilati strumenti per mettere in scena una morte.
Perché la morte è uno spettacolo.
Lo sa bene, Enrico Mancini. Lui non è un commissario come gli altri. Lui sa nascondere perfettamente i suoi dolori, le sue fragilità. Si è specializzato a Quantico, lui, in crimini seriali. È un duro. Se non fosse per quella inconfessabile debolezza nel posare gli occhi sui poveri corpi vittime della cieca violenza altrui. È uno spettacolo a cui non riesce a riabituarsi. E quell’odore. L’odore dell’inferno, pensa ogni volta. 
Così, Mancini rifiuta il caso. 
Rifiuta l’idea stessa che a colpire sia un killer seriale. Anche se il suo istinto, dopo un solo omicidio, ne è certo. E l’istinto di Mancini non sbaglia: è con il secondo omicidio che la città piomba nell’incubo.
Messo alle strette, il commissario è costretto ad accettare l’indagine... E accettare anche l’idea che forse non riuscirà a fermare l’omicida prima che il suo disegno si compia. Prima che il killer mostri a tutti – soprattutto a lui – che è così che si uccide.



Franco Mieli

Franco Mieli
Da ragazzo scrivevo nel giornalino della scuola. Poi per decenni le varie fasi della vita mi hanno fatto abbandonare questa mia passione. Da circa 10 anni, con i figli ormai grandi, ho deciso di riprendere la scrittura. Coltivo la passione per l’archeologia e il trekking di cui ho trasferito le esperienze nei miei racconti.
Ombre pagane, Montecovello.
Lupi nella nebbia-Zanne, Montecovello.
La conquista dell'Etiopia del 1935-1936, Monetti Editore.
Dieci agosto, Monetti Editore.
10 agosto, Manetti Editore.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
2 commenti
  1. Ed oltre a questa recensione, ho sentito parlare un gran bene di questo libro!

    RispondiElimina

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO