Gli scrittori della porta accanto

Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin: pagina 69

Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin: pagina 69

Pagina 69 #120 | Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin, IlMioLibro, 2017. 1857 chilometri a piedi, dal San Bernardo a Santa Maria di Leuca, il punto di vista di chi sa guardare alla Natura e alle cose del mondo con occhio semplice e riflessivo.

Diciottesima tappa. La Storta – Roma.
Sicuramente non bella, molti la fanno in autobus, consigliati dalla guida, perché è una tappa un po’ pericolosa per il traffico: si cammina su strade dove le auto corrono e i pedoni sono sempre in pericolo, ma ormai ci siamo, Roma ci aspetta e ci vedrà arrivare a piedi. Si passa da Monte Mario e dai suoi 139 metri ci facciamo le prime foto con il cupolone in lontananza. Ultimo tratto su viale Angelico e via di Porta Angelica.

Siamo arrivati a Roma! Per nessuno di noi è la prima volta perciò non siamo certo stupiti della sua bellezza, ma per tutti è la prima volta che ci arriviamo a piedi e la sensazione nuova è di averla conquistata. A noi che veniamo dalla piccola Venezia sembra enorme, è il comune più esteso d’Italia con tre milioni di abitanti. Entriamo subito in piazza San Pietro con lo zaino sulle spalle. Tutta l’emozione del momento atteso da tre anni la esprimiamo con un lungo e commosso abbraccio.

Naturalmente l’ultimo timbro sulla credenziale è dell’Opera Romana Pellegrinaggi, situata in piazza San Pietro, poi c’è il rito del ritiro del “certificato” dell’avvenuto pellegrinaggio a piedi, con la consegna del “Testimonium peregrinationis peractae ad limina Petri” firmata fatalità da Angelo Cardinal Comastri, anzi, ancora meglio: Angelus.
Abbiamo percorso circa quattrocentoquaranta chilometri a piedi in diciotto giorni. Adesso che è finito un progetto diviso in tre anni che ci ha portati insieme a percorrere circa mille chilometri, dal Passo del Gran San Bernardo fino a Roma, mi rendo d’un tratto conto che “la meta non conta niente”.

Alti e bassi, fatica e soddisfazioni, come nella vita, la meta è nota a tutti, ma ciò che conta e ciò che rimane, è la strada percorsa. Farla bene, assaporando gioie e dolori, salite e discese, c’è il momento dell’acqua da bere anche un po’ calda, ma sai che arriverà anche quello della birra fresca. Nella vita c’è spazio per tutto. Meno male. Abbiamo imparato ogni giorno da un Maestro diverso: il grande segreto è, che ognuno e ogni cosa ci possono essere Maestri, basta tenere la mente e il cuore aperti, troveremo insegnamenti ovunque.




Quarta di copertina
"Lungo la via Francigena" di Angelo Gavagnin.

Molte sono le guide che parlano della via Francigena: questo libro ci propone un punto di vista diverso, quello di chi sa guardare alla Natura e alle cose del mondo con occhio semplice e riflessivo, di chi sa esprimere emozioni e sensazioni genuine, aneddoti arguti e divertenti, pensieri in libertà. Per cinque anni è partito con un gruppo di amici veneziani per percorrere a piedi i 1857 chilometri che vanno dal Passo del San Bernardo a Santa Maria di Leuca, camminando sui mille e mille sentieri segnati dai pellegrini che attraversavano l’Italia dalle Alpi a Roma e poi da Roma all’estrema punta della penisola, per imbarcarsi alla volta della Terrasanta, meta e mito da raggiungere per la salvezza dell’anima.


Leggi le altre pagine 69:


Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità