• Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Corpo di vento
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L età dell erba
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lettera alle parole
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Noi e il 68
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Life=Cinematic Imperfections, un film-documentario di Avo Kaprealian

Life=Cinematic Imperfections, un documentario di Avo Kaprealian

Cinema Di Mario D'Acunto. Prima assoluta mondiale sul grande schermo per Life = Cinematic Imperfections, il film-documentario del regista siriano Avo Kaprealian, al 36° Torino Film Festival.

Prima assoluta mondiale sul grande schermo per Life = Cinematic Imperfections, di Avo Kaprealian, film con cui il regista ha partecipato al 36° Torino Film Festival.
Un modo innovativo, anche se non da primo ingegnere, con cui Avo Kaprealian stravolge la classica concezione di “film”, l’idea tradizionale di sviluppo narrativo ad essa sottesa, con un’alternanza di sequenze che travolgono lo spettatore e al contempo appaiono lente, nude e crude nella loro drammaticità.
Chiare marche registiche risultano allora l’assenza quasi totale di dialoghi e la sporadica presenza di una voce extra-diegetica, oltre all’adozione di un sonoro che spesso riproduce in maniera fedele i naturali rumori che circondano il set. Il silenzio e la conseguente sensazione di vuoto, trasmessa magistralmente dai gesti e dagli sguardi dei pochi attori in scena, creano “una sfera” nella quale lo spettatore si interroga su questioni esistenziali e in cui si trova a muoversi: realtà devastante, cinema, teatro, letteratura, metacinema e metateatralità. Una commistione di elementi che con il contributo di qualche “scossa sonora” a ritmo di rock, riesce a far desistere lo spettatore (o almeno chi decide di esserlo sino alla fine) dal desiderio di abbandonare la sala.

Life=Cinematic Imperfections di Avo Kaprealian: siamo all’interno di un impero della mente.

Non spaventatevi... nulla a che vedere con il Lynch di Inland Empire. Siamo nell’insieme di ramificazioni e di direzioni che la nostra mente intraprende nello svolgersi della nostra esistenza. Il tutto alla velocità di un click.
Forse è proprio qui il senso del titolo: “Life” è vita e la nostra vita, sembra dirci Avo Kaprealian, è proprio un susseguirsi di imperfezioni in un continuo mutamento funzionale all’unità del tutto, ma allo stesso tempo autonomo nel suo manifestarsi nel presente. Imperfezioni che, se riprese, diventano cinematografiche nella loro stessa imperfezione. Perché non esiste la perfezione e tanto meno il film vuole essere perfetto.
Ci troviamo di fronte a un film-documentario che è allora composto da tanti film, legati da un’unità che è presente quantomeno a livello di contenuto.
Un’opera d’arte, che in quanto tale è aperta e portatrice di un esempio. Senza scomodare Wittgenstein, ci basti ricordare che l’opera d’arte vive nel continuo dialogo tra essa e il suo fruitore. E probabilmente è così che Avo Kaprealian ha concepito il suo film: un’opera d’arte sempre aperta, in continua evoluzione.
Vi starete chiedendo cosa ne è della trama e del finale… beh, chi ha ben letto, ha ben inteso!
Visione consigliata: sì.




Mario-D-Acunto

Mario D'Acunto
Sono un cantautore e studente universitario in Letteratura, Musica e Spettacolo presso l’Università La Sapienza di Roma. Ho visto nascere la mia passione per la musica sui banchi di scuola, scrivendo il mio primo brano durante una lezione di Greco. Ho iniziato ad appassionarmi al cinema, materia di studio nel mio corso, con spirito critico. Mi piace viaggiare e rimanere incantato davanti alle bellezze della natura. Credo l'arte, che si tratti di musica, cinema o letteratura, sia una delle più alte manifestazioni dello spirito umano, da accogliere, condividere e trasmettere…

About Davide Dotto

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page


Pubblicità
Booking.com


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram