• Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Noi e il 68
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Recensione: Il ponte delle Vivene, di Davide Dotto

Recensione: Il ponte delle Vivene, di Davide Dotto

Libi Recensione di Elena Genero Santoro. Il ponte delle Vivene di Davide Dotto (Ciesse Edizioni). Un romanzo molto particolare che fonde la storia con la leggenda. 

La vicenda si snoda su un lasso di tempo che parte dal Settecento e arriva all’inizio del ventesimo secolo.
Protagoniste assolute sono le Vivene, creature mitologiche legate alla natura, molto presenti, insieme ad altre, nella narrazione delle saghe ladine.
Il romanzo si apre con un antefatto. Andreas, proprietario di un castello il cui terreno confina, separato solo da un ponte, con un bosco invalicabile, si innamora di una Vivena. Spenderà tutta la sua vita, fino al suo tragico finale, alla ricerca di questa creatura affascinante, che non potrà mai amare per davvero. Dopo la morte di Andreas, la Vivena diventerà la padrona assoluta del castello, che per la gente del paese rimarrà sempre un luogo inavvicinabile.
La storia riprende con un salto temporale di decenni, quando la giovane Giuseppina arriva al paese come sposa del soldato Oreste. Tutte le donne intorno a lei diventano madri, ma lei non riesce a concepire e allora, alla soglia della quarantina, lei sale fino al castello e chiede una grazia alla Vivena. La Vivena le concede una figlia, ma le anticipa che la creatura non le apparterrà: sarà proprietà delle montagne e delle valli. È l’inizio di una vera e propria saga familiare, sullo sfondo di guerre e altre vicende storiche, che racconterà la vita di Giuseppina, dall’adolescenza fino alla vecchiaia.

Ma chi è la Vivena di cui parla Davide Dotto? 

La Vivena nasce come una donna normale, ma in realtà è una prescelta, che uno spirito legherà a sé, donandole dei poteri e servendosi del suo corpo. Le Vivene del libro pertanto si avvicendano nel corso dei secoli e saranno sempre diverse, fino alla fine della loro vita oppure fino a quando lo spirito che le possiede non le libererà. Se per le predestinate abbracciare il loro destino di Vivena sia una benedizione o una maledizione non è dato di sapere. A loro sarà riservata una vita straordinaria, ma anche la mancanza di libertà e la solitudine. Una cosa è certa: al destino non si sfugge. In questo libro non c’è possibilità di scelta e nemmeno di autodeterminazione. Inoltre l’ambivalenza della condizione della Vivena va di pari passo con l’ambivalenza delle grazie che ella concede. Ogni favore che la Viveva elargisce porta con sé uno scotto da pagare e bisogna stare attenti a ciò che si domanda perché ogni richiesta sarà presa alla lettera.
Ma è colpa della Vivena se una figlia non appartiene alla propria madre, o piuttosto è il destino ineluttabile di ogni genitore quello di dover lasciare andare le proprie creature? E se la figura della Vivena, con tutto quello che ciò comporta, fosse solo uno specchio della condizione umana?

Il ponte delle Vivene di Davide Dotto, dalla resa concreta, dalla scrittura puntigliosa e ricercata, dall’incedere lento, mi ha ricordato, per alcuni tratti e con le debite differenze, Cent’anni di solitudine.

Il magico è parte di una storia altrimenti reale e di durata secolare. Una delle protagoniste, Giuseppina, è presente come Ursula quasi dall’inizio alla fine. E poi l’alternarsi delle Vivene, ciclico come quello degli Aureliano e dei José Arcadio, che tornano, uno la reincarnazione dell’altro. Nel libro di Davide Dotto un Andreas apre e uno chiude la storia, a rimarcare il fatto che cambia tutto per non cambiare nulla. Infine il destino, ineluttabile, dal quale non si può scappare.


Il ponte delle Vivene, di Davide Dotto

Il ponte delle Vivene

di Davide Dotto
Ciesse Edizioni
Romanzo storico
EAN 9788866601777
Ebook 4,49€
Cartaceo 12,75€

Sinossi
XIX secolo. Valchiusa è un paese sperduto della Valle del Chiese. Un antico castello incastonato nella roccia ne domina la piazza, mentre lo strapiombo sul retro è attraversato da un ponte di corda pencolante. Da secoli i montanari convivono con la Vivena, spirito ineffabile che ha membra e tratto di donna, memoria e destino della valle. Non sarà facile per Giuseppina, proveniente dalle campagne trevigiane, integrarsi in un mondo di cui non conosce le tradizioni. Sposata da anni con Oreste, sente la mancanza di un figlio che la leghi per sempre a luoghi così nuovi per lei. Non esiterà a incalzare la Vivena per ottenere la tanto agognata grazia. Imparerà a sue spese che, se la Vivena è capace di grandi slanci d'amore nei confronti della comunità cui dà protezione, non esiterà a pretendere, a tempo debito, il prezzo di quanto accordato.
Elena Genero Santoro

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag.
L’occasione di una vita, Lettere Animate.
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni.
Gli Angeli del Bar di Fronte, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni (seconda edizione).
Il tesoro dentro, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni (seconda edizione).
Immagina di aver sognato, PubGold.
Diventa realtà, PubGold.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO
#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram