Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Recensione: Storia di un misogino, di Federico Boccuzzi

Recensione: Storia di un misogino, di Federico Boccuzzi

Libri Recensione di Elena Genero Santoro. Storia di un misogino di Federico Boccuzzi (Lettere Animate). Una bella sorpresa, cinque racconti apparentemente slegati, che si ricongiungono in una storia circolare.

Proprio una bella sorpresa Storia di un misogino di Federico Boccuzzi. Si tratta di cinque racconti che di primo acchito sembrano slegati uno dall’altro, ma che si ricongiungono tutti alla fine, quando il lettore capisce che c’è un senso, c’è una storia circolare che ritorna. Soprattutto il primo racconto in appetenza è slegato dal resto, perché ambientato in tutta un’altra parte del mondo, e invece...
La storia si apre con la vita di un misogino, un individuo che odia le donne, anche perché abituato a vedere il padre maltrattare la propria madre. E lui le donne le odia così tanto che vorrebbe vederle tutte, ma tutte morte. Già su questo racconto da solo ci sarebbe molto da dire: come nasce un misogino? Sono i condizionamenti in casa che forgiano il futuro odiatore di donne? Quali sono le cause del maschilismo?
Nei racconti successivi ci si sposta in Sudamerica. Vedremo l’uccisione di un allevatore di conigli da parte di un gruppo di animalisti fanatici e un anziano alle prese con la demenza senile della moglie. Vi assicuro: avere in casa un'anziana con cui non si può ragionare e che ha solo un mare di pretese farebbe scappare la pazienza ai santi.

Insomma, i temi in Storia di un misogino di Federico Boccuzzi sono tanti, l’intento di denuncia c'è, ma questo libro va letto anche con un’altra chiave di lettura. 

In questo libro si racconta la storia di alcune anime: anime belle, anime che si manifestano corrotte nel momento della debolezza, anime che si evolvono. C’è chi dice che quando si legge un libro non bisognerebbe conoscere la vita dell’autore, ma io so che Federico Boccuzzi vive da anni in Sudamerica. E secondo me il suo stile ha assorbito parte di quella cultura, che emerge nell’alternanza tra dolcezza e parti decisamente cruente, in un po’ di realismo magico e sicuramente nell’idea radicata che ci sia un destino, che nulla accade per caso ma tutto ha una ragione spirituale.
La circolarità che si trova in Storia di un misogino di Federico Boccuzzi, in cui si torna sempre al punto di partenza, è un'espressione della stessa visione della vita.
A parte tutto, io il libro di Federico Boccuzzi me lo sono bevuto in due sere, perché ricco di risvolti e di colpi di scena. Lo consiglio agli appassionati del genere.

Storia di un misogino di Federico Boccuzzi

Storia di un misogino

di Federico Boccuzzi
Lettere Animate
Racconti
ISBN 978-8871124377
cartaceo 8,99€

Sinossi
Ciò che siamo veramente, la nostra essenza più intima, la nostra anima, si reincarna? Possiamo scegliere di ricominciare per non ripetere all'infinito gli stessi errori? Cos'è veramente la felicità? È giusto rinunciare al proprio benessere per qualcun altro? Tutte queste domande si pongono i singolari protagonisti del romanzo, che sono in sintesi gli stessi quesiti che ognuno di noi si fa nel corso della propria vita. Ognuno di questi personaggi racconterà a suo modo la propria storia, all'apparenza, una diversa dall'altra, ma in realtà tutte unite da un invisibile filo che si snoda da una parte all'altra dell'oceano solcando le infinite profondità dei nostri animi.
Elena Genero Santoro

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag.
L’occasione di una vita, Lettere Animate.
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni.
Gli Angeli del Bar di Fronte, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni (seconda edizione).
Il tesoro dentro, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni (seconda edizione).
Immagina di aver sognato, PubGold.
Diventa realtà, PubGold.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Elena Genero Santoro

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità