• Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Corpo di vento
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L età dell erba
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lettera alle parole
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Cina, trekking sulle montagne di Avatar: viaggio nei Parchi Naturali

Trekking sulle montagne di Avatar: i Parchi Naturali della Cina

Viaggi Di Alessandra Nitti. Cina, a un passo dal Paradiso: trekking sulle montagne di Avatar, nel Parco Nazionale di Zhangjiajie, o percorsi adrenalinici nel Parco Naturale di Tianmenshan.

Quando si parla della Cina, la prima cosa che viene in mente di solito sono i tetti dai templi con gli angoli in su, le romantiche montagne rocciose circondate da riccioli di nuvole, masse e masse di persone con la mascherina antismog. Pochi, però, conoscono il suo lato selvaggio, naturale, a tratti ultraterreno.
Come tutti sanno, la Cina è grande quanto un continente e ha climi e zone diversissime tra loro: si va dal freddo siberiano con i suoi festival di ghiaccio in Manciuria alle dune del deserto, dalla steppa in Mongolia interna, all’altopiano tibetano, dalle secche depressioni nello Xinjiang all’umido clima tropicale del sud-est.
Negli ultimi anni ho cercato di visitare quanti più luoghi in questo vasto, diversificato Paese. Recentemente è stata la volta di un piccolo angolo di mondo lontano anni luce dai treni super veloci e dai grattacieli, il cui nome può risultare sconosciuto a molti: Zhangjiajie (张家界). Eppure, chi ha visto il film di Cameron Avatar non può non riconoscerlo.

Il Parco Nazionale Forestale di Zhangjiajie (张家界国家森林公园) a Wulingyuan (武陵源), nell’est della provincia meridionale dello Hunan: le montagne di Avatar.

Hunan (湖南), la provincia dove nacque Mao Zedong nel Sud della Cina, ospita una delle creazioni più particolari di Madre Natura, un immenso parco geologico, un tempo sommerso dall’Oceano, in cui svettano colonne di roccia frastagliata alte fino a cinquecento, seicento metri; levigate dall’azione del vento e dei fenomeni atmosferici, strette alla base e larghe in cima, sfidano le leggi della gravità, creano ponti naturali sospesi sul vuoto, ospitano scimmie golose di merendine confezionate che saltano da un albero all’altro incuranti dei precipizi.
Il Parco Nazionale Forestale di Zhangjiajie a Wulingyuan, a circa 50 km dalla cittadina di Zhangjiajie, nell’est della provincia meridionale dello Hunan – con capoluogo Changsha (长沙) –, è un’area protetta in cui sentirsi un tutt’uno con l’Universo. I monti si susseguono con dolcezza, ammantati di verde e silenzio, così introvabili in molte zone della Cina, fino all’infinito, fino a fondersi nell’azzurro del cielo che tanto è normale in Italia quanto dimenticato nelle metropoli asiatiche, dove vivo. Tra essi, gruppi di pinnacoli rocciosi si innalzano arroganti e vanitosi dinanzi agli occhi di chi ha il coraggio di camminare sugli stretti sentieri scavati nella roccia, a diverse centinata di metri altezza, ignorando il capogiro e le gambe molli causati dalle vertigini; di chi ha la voglia di mettersi in gioco e trascorrere tre o quattro giorni a fare trekking lungo le migliaia e migliaia di gradini che costellano il Parco Nazionale unendo le varie zone, immersi nella pace interrotta solo dal frusciare degli alberi, dal profumo del verde; di chi sfida la propria paura e si arrampica sulle scale di ferro incastonate nelle rocce lì dove non si potevano creare vie, esposti sul niente, le mani piene di polvere, le ginocchia tremanti, il pensiero che dice “non guardare giù”, ma giù il panorama è il più bello che tu abbia mai visto.

La cima One step to Heaven – A un passo dal Paradiso

A un passo dal Paradiso.

E alla fine, con i polpacci doloranti, pieno di adrenalina, sporco di sudore e di terra, la pelle scottata dal sole tropicale, arrivi sulla cima più alta, con la vista più spettacolare, il punto più difficile da raggiungere verso il quale solo in pochi si avventurano; ma una volta lì su ci si sente davvero, come dice il nome della vetta, a un passo dal Paradiso, così sopra al mondo da sentirsi un dio, da divenire un tutt’uno con l’universo che ci circonda. Sembra quasi una metafora della vita, quella di percorrere tanti gradini in salita, di sentire il dolore anche se si è nella bellezza, di doversi sporcare e passare attraverso tanto sudore prima di giungere al Paradiso.
Certo, c’è anche la scorciatoia, come sempre nella vita: il Parco Nazionale di Zhangjiajie, infatti, è super attrezzato e ben collegato, ci sono autobus che collegano una zona all’altra, diverse funivie sospese tra i pinnacoli e l’ascensore esterno più alto del mondo (323 metri) totalmente in vetro e creato dentro la montagna per soddisfare il gusto dell’estremo proprio dei cinesi.

La funivia più alta e più lunga del mondo e la grotta di Tianmen, un foro naturale di alcune centinata di metri

Gusto che si può assaporare anche nel parco di Tianmenshan (天门山), La montagna delle porte celesti, questa volta accanto alla città di Zhangjiajie, da non confondersi con il parco di Avatar.

L’ingresso a questo secondo Parco è accanto alla stazione centrale e la montagna è visitabile in un solo giorno.
Non è possibile arrivare in cima a piedi: la soluzione più gettonata è quella di prendere la cabinovia più lunga e più alta del mondo, sette chilometri e mezzo percorsi in mezz’ora, con un’angolazione di 70 gradi in alcuni punti (quasi in verticale, per intenderci), per un dislivello di 1200 metri. Alla fine la funivia entra direttamente nelle nuvole e ci si ritrova a camminare in uno scenario totalmente bianco, lungo un sentiero scavato sul lato della montagna, sul dirupo visibile solo in pochi momenti quando una folata di vento riesce a spazzare via la nebbia.

Il Parco Naturale di Tianmenshan: una vera scarica di adrenalina.

È possibile percorrere anche tratti della passerella in vetro, per osservare il nulla sotto i piedi (o camminare piangendo attaccati alla roccia per l’ilarità dei più coraggiosi), schiacciati tra le orde di eccitati turisti in impermeabile (ci sono fino a 10 gradi di differenza con la temperatura della città ed essendo nelle nuvole, l’umidità è forte).
Se si sopravvive al terrore, si può replicare l’esperienza con una nuova cabina a mo’ di altalena sospesa sul nulla, o andare a ringraziare di essere sopravvissuti nel monastero buddhista di Tianmen (天门寺) sull’altro lato della montagna.
Dopo aver completato il percorso e aver raggiunto anche qui i punti più lontani e quasi inaccessibili del parco, sul punto più alto e arduo, sospeso nella caligine e in cui sembra di essere immersi in un barattolo di panna, il vento talmente forte da farvi immaginare di volare giù nel baratro, inizia la discesa: con le scale mobili create dentro la montagna. Davvero! Dopo circa un quarto d’ora si raggiunge una grotta naturale alta qualche centinaio di metri che buca la roccia e poi un’infinita rampa di scale quasi in verticale fino ala stazione dei bus.
Infine, l’inferno: i 99 tornanti della via che conduce in città, scavata lungo il crinale della montagna, e a ogni svolta sembra di ruzzolare giù. Insomma, il Parco di Tianmenshan è una vera scarica di adrenalina, ma solo per chi non soffre di vertigini.

I 99 tornanti e la passerella di vetro


Foto di @eugene.khablenko




Alessandra Nitti
Sinologa, viaggiatrice, appassionata lettrice, yogini e scrittrice. Trascorro le giornate nel mio mondo di poesia inventando trame di racconti, progettando viaggi intorno al mondo o in posizioni yoga a testa in giù. Laureata in lingue e letteratura straniere solo per il gusto di conoscere lingue difficili. Vivo a Canton, nel sud-est della Cina, per insegnare italiano a giovani cinesi. Tra una lezione e l’altra gestisco Durga – Servizi editoriali.
L’amuleto di giada, Arpeggio Libero Editore.
Faust – Cenere alla cenere, Arpeggio Libero Editore.
Esilio, Arpeggio Libero Editore.

About Davide Dotto

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page
Pubblicità
Amazon Prime



Novità editoriali



Pubblicità
Booking.com


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram