• Dai graffi del cuore nascono parole, di FraSté - Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Il mare e la nebbia di Rosa Santi
  • Sei mesi di prova
  • Petrolio bollente
  • Copertina del libro
  • La ricamatrice Maurizio Spano
  • Andrà tutto bene
  • Un errore di gioventù   Elena Genero Santoro
  • Telma - Claudia Gerini
  • Il buio d'Etiopa - Nicolò Maniscalco
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Grilli e Sangiovese
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Recensione: L’uomo con il berretto rosso, di Emanuela Navone

Recensione: L’uomo con il berretto rosso, di Emanuela Navone

Libri Recensione di Elena Genero Santoro. L’uomo con il berretto rosso di Emanuela Navone (PubMe – Collana Policromia). Quanto l’opinione che gli altri hanno di noi ci porta a migliorarci o a cadere sempre più in basso? 

La letteratura è piena di libri che cercano in un modo nell’altro di descrivere la follia. C’è chi lo fa in modo più didascalico, chi mettendosi dal punto di vista di uno spettatore esterno, chi invece si immedesima in un personaggio e vive con lui la sua discesa agli inferi.
La scrittura di Emanuela Navone, che a me piace sempre per la sua immediatezza e per la sua originalità, ci porta a condividere con Patrizio la sua storia di caduta verso il basso.

Patrizio è un uomo medio: di mezza età, con un lavoro da cameriere, trascorre la sua vita senza infamia né lode. 

Ha una fidanzata, Elena, che a un certo punto si scopre incinta, e un fratello gemello, Riccardo, che ha una moglie, Maria, e due figli piccoli. Patrizio è un uomo medio e, se vogliamo, anche un po’ mediocre: nel paragone col fratello esce sempre male. Infatti Patrizio è in cura da uno psicologo da quando era ragazzino, è sempre al verde, ha avuto problemi col gioco d’azzardo. Insomma, Patrizio è un antieroe, di quelli che a Emanuela Navone  piacciono molto e che piacciono molto anche a me per la loro ordinarietà, perché potrebbero essere chiunque di noi.

La vita – mediocre ma senza intoppi – di Patrizio si complica quando uno sconosciuto con un berretto rosso inizia a guardarlo sul treno senza dirgli nulla. Ce l’ha con lui e con nessun altro. 

Lo stesso uomo ricompare in una serie di occasioni e circostanze. Lo osserva, lo punta, lo scruta e lo mette a disagio. Chi è quell’uomo? Cosa vuole da lui? Perché vuole logorargli i nervi col suo silenzio e col suo sguardo sempre fisso su di lui? Lo sta seguendo? Ha dei conti sospesi con lui? Come fa a conoscere tutti i posti in cui lui va? Si deciderà, prima o poi, a dirgli perlomeno cosa vuole da lui?
Patrizio non hai il coraggio di affrontarlo. Eppure trova la forza di dirlo a Riccardo, a quel gemello ingombrante e perfettino che da sempre lo giudica un inetto. Nonostante i timori di Patrizio, Riccardo prende sul serio la faccenda, si offre di parlare a quest’uomo, è convinto che lo sconosciuto dal berretto rosso abbia a che fare con i debiti di gioco di suo fratello.
Riccardo trascorre un intero pomeriggio in attesa dell’uomo dal berretto rosso, ma non lo vede, forse troppo sprofondato nella lettura del suo libro per accorgersi della sua presenza dietro di lui. Invece Patrizio, che sta lavorando, lo nota eccome, dietro le spalle di Riccardo, sempre silenzioso, sempre fisso su di lui.

Tuttavia Riccardo si convince che l’uomo dal berretto rosso sia solo un vaneggiamento di Patrizio. 

Da quel momento Patrizio non viene più creduto da nessuno, viene preso per pazzo dal fratello, dalla fidanzata, dalla cognata, dal datore di lavoro. E questa sfiducia di cui si vede circondato lo porterà a commettere un errore dietro l’altro, uno sbaglio dietro l’altro, fino a perdere il controllo di sé e a comportarsi come l’individuo instabile che gli altri vedono in lui. Di certo nemmeno la fortuna lo assiste.
Non voglio dire di più per non fare spoiler. Al lettore il compito di capire chi sia l’uomo dal berretto rosso e come possa indurre Patrizio a commettere mille passi falsi senza neppure aprire bocca.
Solo una breve riflessione: quanto l’opinione che gli altri hanno di noi ci porta a migliorarci o a cadere sempre più in basso? Si dice che per coltivare l’autostima nei bambini si debba dare loro fiducia. Può una persona perdere il proprio equilibrio solo perché gli altri non hanno fiducia in lui e lo giudicano disturbato? O il problema è a monte?
Consiglio vivamente L’uomo con il berretto rosso di Emanuela Navone  a tutti gli amanti del thriller, perché scorre veloce senza il minimo cedimento nella trama e a modo suo indaga in alcune pieghe nascoste della mente umana.

L’uomo con il berretto rosso

di Emanuela Navone
Independently published
Thriller psicologico
ISBN 979-8675111640
Ebook 2,99€
Cartaceo 15,60€

Sinossi

Ormai era chiaro che non si trattava di una coincidenza.
Coincidenza è quando incontri uno sconosciuto sul treno e questo ti fissa.
Coincidenza è quando lo stesso uomo lo incontri anche davanti al ristorante dove lavori. E ti fissa.
Ma non è più una coincidenza se il medesimo soggetto si presenta vicino al bar, sempre nella stessa posizione, e poi, ancora, di nuovo davanti al ristorante.

Non sai cosa voglia da te, sai solo che ovunque tu vada lui è lì. Immobile, a fissarti.
Potresti chiedere aiuto, ma a chi?
Nessuno, a parte te, vede l'uomo con il berretto rosso.
Stai perdendo la testa?
Sai che non è vero, ma tutti intorno a te ne sono convinti: la tua fidanzata, tuo fratello, la sua famiglia.
È un vortice quello che ti ha preso, e uscirne è sempre più difficile.
Fino a quando non incontri qualcuno che, come te, sembra vedere l'uomo con il berretto rosso.
E allora dovrai agire e guardare in faccia le tue paure.

Dall’autrice del romanzo “Io sono l’usignolo” e dei racconti “Reach” e “Buia fu la notte”, una storia ad alto tasso di suspense che indaga i meandri della mente umana e invita a porsi più di una domanda sulle ossessioni e le paure che albergano in tutti noi.

«Ti ho tenuto d’occhio i giorni successivi. Il tuo comportamento era tale quale il mio. Lì ho avuto la conferma. E ho riso di gioia.»
«Perché?» Patrizio lo fissava oltre il fumo della sigaretta.
«Perché se anche tu lo vedi allora ho sempre avuto ragione io. Non sono pazzo. E neanche tu.»
Elena Genero Santoro

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni (seconda edizione).
L’occasione di una vita, Lettere Animate.
Un errore di gioventù, PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto.
Gli Angeli del Bar di Fronte, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni (seconda edizione).
Il tesoro dentro, PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto.
Immagina di aver sognato, PubGold.
Diventa realtà, PubGold.
Ovunque per te, PubMe – Collana Policromia.
Claire nella tempesta, Leucotea.
L'utima risata, PubMe – Collana Policromia

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità
Promozione laFeltrinelli


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram