Recensione: Nives, di Sacha Naspini

Recensione: Nives, di Sacha Naspini

Libri Recensione di Cristina Naj. Nives di Sacha Naspini (E/O). Dall'autore di Ossigeno, una commedia amara, un viaggio introspettivo sul sé presente e nell'intricato passato.

Pur senza le atmosfere cupe e claustrofobiche dei Cariolanti e di Ossigeno, ma strizzando l’occhio alle dinamiche da villaggio di Le Case del malcontento, Sasha Naspini ci porta in un viaggio su due piani: uno, estremamente personale e introspettivo sul sé, nel presente; uno sugli intrecci del passato, in termini di fatti e persone, con le relative ripercussioni sul medesimo presente, non sempre consce.

Le prime pagine ci portano a conoscere Nives, il suo presente, il suo mondo.

Nel suo cercare di essere tutto d’un pezzo, un po’ scorbutica, in conflitto tra la libertà che dona la solitudine e il timore di non bastarsi da sola, è impossibile non empatizzare con lei.
È la telefonata al Bottai che ci rivela chi è stata Nives, attraverso aneddoti del passato, rivelazioni improvvise, detti e non detti, amicizie, amori e disillusioni giovanili, rancori, fatti di cronaca irrisolti.
Ho letto il libro di Sacha Naspini con mia figlia. Ci siamo divertite un sacco a enfatizzare i dialoghi con la doppia voce, calcando anche un po’ di più la parlata toscana, complice il fatto di aver assistito alla presentazione del romanzo. Il botta e risposta lo rende una lettura leggera ed estremamente piacevole, quasi una pièce teatrale.
Impariamo a conoscere nel profondo tutti i personaggi che intrecciano le loro vite a quelle di Nives e Loriano, attraverso le medesime emozioni dei due protagonisti, parteggiando ora per uno, ora per l’altro.

Nessuno è un “villain”, e non ci sono stinchi di santi.

Nessuno è immune dagli scheletri dell'armadio; in un paesino di provincia in cui tutti sanno tutto di tutti, quello che rende speciale Nives di Sacha Naspini è proprio l’imperfezione: dei personaggi e delle situazioni, e la quasi “banalità” del quotidiano. A chi non è capitato almeno uno dei fatti narrati?
Nives è una commedia amara, di quelle che ti fanno ridere e riflettere. Non è un mostro di simpatia ed empatia, la nostra Nives, ma nei suoi panni, siamo certi che non avremmo commesso, anche solo in parte, i medesimi errori?


Nives

di Sacha Naspini
E/O
Narrativa
ISBN 978-8833572499
Cartaceo 10,00 €
Ebook 11,99€

Sinossi 

Dopo la morte del marito, per Nives è un problema adattarsi alla solitudine e al silenzio di Poggio Corbello. Prendersi cura del podere senza scambiare una parola con anima viva la fa sentire come un fantasma. La notte è il momento più difficile. Poi ecco la soluzione: Giacomina. E la sua chioccia preferita, la vedova comincia a tenerla con sé. Tutte le angosce svaniscono d'incanto. Nives è sollevata, eppure non sa darsi una spiegazione: ha sostituito il marito con una bestiola? Arriva addirittura a pensare di essere felice... Una sera si verifica un incidente che mette a repentaglio la salute della gallina. Dopo vari tentativi di soccorrere l'animale, s'impone l'ultima soluzione: chiamare Loriano Bottai, il veterinario. Quella che segue è una telefonata lunga una vita. Con l'occasione di una piccola emergenza, lo scambio tra Nives e Loriano devia presto altrove. Tra riletture di fatti lontani nel tempo e vecchi rancori si scoprono gli abissi di amori perduti, occasioni mancate, svelamenti difficili da digerire in tarda età. Finché risuonerà feroce una domanda: com'è scoprire di aver vissuto all'oscuro di sé?
Cristina Naj

Cristina Naj
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità