Recensione: Nives, di Sacha Naspini

Recensione: Nives, di Sacha Naspini

Libri Recensione di Cristina Naj. Nives di Sacha Naspini (E/O). Dall'autore di Ossigeno, una commedia amara, un viaggio introspettivo sul sé presente e nell'intricato passato.

Pur senza le atmosfere cupe e claustrofobiche dei Cariolanti e di Ossigeno, ma strizzando l’occhio alle dinamiche da villaggio di Le Case del malcontento, Sasha Naspini ci porta in un viaggio su due piani: uno, estremamente personale e introspettivo sul sé, nel presente; uno sugli intrecci del passato, in termini di fatti e persone, con le relative ripercussioni sul medesimo presente, non sempre consce.

Le prime pagine ci portano a conoscere Nives, il suo presente, il suo mondo.

Nel suo cercare di essere tutto d’un pezzo, un po’ scorbutica, in conflitto tra la libertà che dona la solitudine e il timore di non bastarsi da sola, è impossibile non empatizzare con lei.
È la telefonata al Bottai che ci rivela chi è stata Nives, attraverso aneddoti del passato, rivelazioni improvvise, detti e non detti, amicizie, amori e disillusioni giovanili, rancori, fatti di cronaca irrisolti.
Ho letto il libro di Sacha Naspini con mia figlia. Ci siamo divertite un sacco a enfatizzare i dialoghi con la doppia voce, calcando anche un po’ di più la parlata toscana, complice il fatto di aver assistito alla presentazione del romanzo. Il botta e risposta lo rende una lettura leggera ed estremamente piacevole, quasi una pièce teatrale.
Impariamo a conoscere nel profondo tutti i personaggi che intrecciano le loro vite a quelle di Nives e Loriano, attraverso le medesime emozioni dei due protagonisti, parteggiando ora per uno, ora per l’altro.

Nessuno è un “villain”, e non ci sono stinchi di santi.

Nessuno è immune dagli scheletri dell'armadio; in un paesino di provincia in cui tutti sanno tutto di tutti, quello che rende speciale Nives di Sacha Naspini è proprio l’imperfezione: dei personaggi e delle situazioni, e la quasi “banalità” del quotidiano. A chi non è capitato almeno uno dei fatti narrati?
Nives è una commedia amara, di quelle che ti fanno ridere e riflettere. Non è un mostro di simpatia ed empatia, la nostra Nives, ma nei suoi panni, siamo certi che non avremmo commesso, anche solo in parte, i medesimi errori?


Nives

di Sacha Naspini
E/O
Narrativa
ISBN 978-8833572499
Cartaceo 10,00 €
Ebook 11,99€

Sinossi 

Dopo la morte del marito, per Nives è un problema adattarsi alla solitudine e al silenzio di Poggio Corbello. Prendersi cura del podere senza scambiare una parola con anima viva la fa sentire come un fantasma. La notte è il momento più difficile. Poi ecco la soluzione: Giacomina. E la sua chioccia preferita, la vedova comincia a tenerla con sé. Tutte le angosce svaniscono d'incanto. Nives è sollevata, eppure non sa darsi una spiegazione: ha sostituito il marito con una bestiola? Arriva addirittura a pensare di essere felice... Una sera si verifica un incidente che mette a repentaglio la salute della gallina. Dopo vari tentativi di soccorrere l'animale, s'impone l'ultima soluzione: chiamare Loriano Bottai, il veterinario. Quella che segue è una telefonata lunga una vita. Con l'occasione di una piccola emergenza, lo scambio tra Nives e Loriano devia presto altrove. Tra riletture di fatti lontani nel tempo e vecchi rancori si scoprono gli abissi di amori perduti, occasioni mancate, svelamenti difficili da digerire in tarda età. Finché risuonerà feroce una domanda: com'è scoprire di aver vissuto all'oscuro di sé?
Cristina Naj

Cristina Naj

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità
Promozione laFeltrinelli