Gli scrittori della porta accanto

Essent’ial: ecosostenibilità made in Italy

Essent’ial: sostenibilità made in Italy

People A cura di Elena Genero Santoro. Intervista a Federica, dell'Ufficio Commerciale Essent’ial, ecodesign sostenibile e made in Italy dal 2006: borse, pantofole e complementi d'arredo da carta, plastica e fibre vegetali.

Come si legge nel loro sito, Essent’ial è «Ecodesign Made in Italy» dal 2006.
Utilizzano materiali interamente riciclati, «soggetti a particolari trattamenti che li rendono unici, duraturi e confortevoli», sostengono «i temi della tutela ambientale portandoli concretamente nella pratica produttiva quotidiana», si definiscono con due concetti chiave: «Eco sostenibilità e responsabilità sociale d’impresa».
Producono interamente in Italia borse, pantofole e complementi d'arredo.
Oggi ho il piacere di intervistare Federica, dell'Ufficio Commerciale Essent’ial. I loro prodotti sono certificati FSC® (FSC® C051142).

I nostri prodotti sono pensati per portare la bellezza nella quotidianità, per questo diamo massima importanza al design e al processo creativo. Osare e sperimentare ogni giorno sono i nostri must.
Essent’ial

Ciao Federica, benvenuta nel nostro spazio virtuale.
Innanzitutto devo dirti che mentre ti sto intervistando ho addosso le vostre pantofole ottenute dal riciclo di bottiglie di plastica e sono molto confortevoli. Queste e lo zainetto in pannetto dello stesso materiale sono state il mio regalo di Natale!

Buonasera Elena, siamo molto felici che trovi comode le nostre pantofole, le abbiamo pensate proprio per allietare queste giornate in cui gran parte del nostro tempo la trascorriamo in casa, in pantofole appunto!

Negli ultimi anni parole come “economia circolare” e “sostenibilità” riempiono la bocca di tutti. Che significato hanno per voi? L’idea di concepire un nuovo modo di consumare e di cercare risorse in ciò che prima ritenevamo rifiuti è una necessità dovuta alla precarietà del nostro pianeta o è anche un’opportunità e un’ispirazione?

I concetti di “economia circolare” e “sostenibilità”, costituiscono la nostra filosofia da sempre, il nostro brand Essent’ial è nato proprio in quest’ottica. La sostenibilità rappresenta da sempre per noi motivo di ispirazione, i materiali utilizzati per realizzare i nostri prodotti, che derivano dal riciclo di materiali quali carta, plastica, ma anche fibre vegetali (scarti della lavorazione delle mele, foglie d’ananas) ne sono la dimostrazione.
Tra i nostri obiettivi quindi possiamo senz’altro includere quello di salvaguardare il nostro pianeta e dare valore a ciò che in precedenza veniva considerato semplicemente uno scarto.

La sostenibilità per noi non è una moda ma è parte del nostro DNA da sempre.
Essent’ial

Ci racconti la storia della vostra azienda? Quando è stata fondata? Com’è nata l’idea di creare un marchio che producesse solo prodotti rispettosi della natura? Qual è stato il primo prodotto “storico” che avete immesso sul mercato?

L’azienda AGC srl nasce nel 1999 come cartotecnica, mentre il brand Essent’ial prende vita nel 2006, da un’idea da Albano Ghizzoni che insieme alla madre, che ha da sempre fatto lo sarta a Carpi, iniziano a recuperare scarti e rimanenze di magazzino dell’azienda, provando a cucire vari materiali per dare loro una seconda vita. Il prodotto storico di Essent’ial è senza dubbio il sacchino del pane, che nasce come alternativa “usa-usa” ai contenitori usa e getta, per pane ed alimenti, offrendo un prodotto che rispetta l’ambiente, sia per l’origine del suo materiale che per la possibilità di essere lavato (anche in lavatrice) e quindi riutilizzato. La nostra cellulosa è inoltre certificata FSC®, un sistema di certificazione forestale riconosciuto a livello internazionale che ha come scopo la corretta gestione forestale e la tracciabilità dei prodotti derivati.

Il vostro nome è Essent’ial, i vostri prodotti hanno linee molto pulite e semplici, oserei dire minimaliste. Cosa c’è dietro questa scelta? Qual è il target di clienti e utenti che vi proponete di conquistare?

La scelta di mantenere linee semplici e pulite esprime la nostra volontà di esaltare forme essenziali e matericità estrema. Tutti i nostri prodotti infatti prendono idealmente vita dalla forma del sacchino, mantenendo la stessa costruzione d’origine (basti confrontare tra loro il fondo dei nostri sacchi e delle nostre borse). Il nostro “messaggio”, e quindi il nostro prodotto, sono rivolti a tutti gli amanti del design, dello stile, delle linee essenziali e naturalmente dell’ambiente!


Vendete zaini e borse fatti di cellulosa, di cuoio rigenerato, di scarti di mela, di foglie di ananas e di plastica di bottiglie. Il riciclo della plastica qualcosa di cui si parla da un pezzo, ma una borsa di foglie di ananas non è qualcosa che tutti abbiano nell’armadio. Cosa vi fa orientare su certi materiali? Come nasce l’idea di utilizzare un certo tipo di scarto e di trasformarlo in un altro oggetto? E come la sviluppate fino a ottenere un prodotto di qualità?

L’orientamento verso certi materiali è frutto di una costante ricerca finalizzata a selezionare materiali sostenibili, resistenti, adatti all’uso quotidiano, ma che non trascurino lo stile, al quale il nostro pubblico è molto attento. Il punto di partenza rimane sempre e comunque il riutilizzo di materiali di scarto. Le prove necessarie per giungere alla realizzazione del prodotto finito sono numerose, ma rincorrono tutte lo stesso obiettivo: combinare sostenibilità, funzionalità e stile in ogni nostra creazione.

Ci vuoi anticipare qualcosa dei vostri futuri progetti e degli obiettivi che vi proponete?

Certo, possiamo darvi un’anticipazione di quelli che saranno i nuovi articoli della collezione primavera/estate, ovvero pochettes, zaini e borse in canvas, materiale derivato anch’esso dal riciclo delle bottiglie di plastica, in diverse varianti colore, ottenute da tinture completamente naturali.
Siamo infine in procinto di ottenere le certificazioni ISO 14001, B Corporation, e GOTS.
La certificazione ISO 14001, in particolare, ci fornirà le linee guida necessarie ad attuare e migliorare costantemente il nostro sistema di gestione ambientale. La certificazione B corporation, rappresenta per la nostra azienda la volontà di migliorare le nostre performance non solo ambientali ma anche dal punto di vista sociale. La certificazione GOTS, infine, promossa dalle principali organizzazioni internazionali leader nell’agricoltura biologica, garantisce lo sviluppo responsabile e sostenibile nel settore tessile, per una gestione ed un utilizzo responsabile delle risorse.

Grazie per essere stata con noi!

Grazie a voi per questa intervista e per averci dato modo di condividere i nostri valori e la nostra mission!
Elena Genero Santoro

Elena Genero Santoro
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Elena Genero Santoro

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità