Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Il domani che non voglio, il nuovo romanzo di Marco Fasoli

Il domani che non voglio, il nuovo romanzo di Marco Fasoli

Libri Comunicato stampa. Il domani che non voglio (Calibano editore), il nuovo romanzo del maestro Marco Fasoli, che sa raccontare i giovani attraverso i loro eccessi e il loro pudore.

«Freddy! Freddy, svegliati, è tardi». Mia madre non ripete mai due volte.
«Ok, arrivo». Apro un occhio, poi l’altro: le 7:28.
L’autobus passa alle 7:41. Merda! Anche stamattina sono in ritardo.
«Freddy!» urla per la seconda volta.
«Sono sveglio... ora vado».
«E la colazione? Guarda che non passi anche questa mattina a prenderti stupidate al bar».
«Non ho fame mamma, non mangio» rispondo con la bocca piena di dentifricio.
«Affari tuoi, soldi non te ne do più per questa settimana». «Ma siamo a mercoledì... come faccio?»
«Lavora, o chiedili a tuo padre: magari, invece che a mignotte, forse stavolta li spende bene».
«Ok, ci vediamo oggi, ciao» la saluto e, prendendo le scale, salto la prima rampa di dieci scalini, poi mi butto come un matto fuori a correre mentre vedo già il 98 che si avvicina alla fermata.
Urlo a Osso e a Spriz di bloccare il bus finché non arrivo. Purtroppo in questi casi Spriz si dimentica le buone maniere, e vedo che sta già litigando con un ragazzo perché voleva salire e Spriz glielo sta impedendo. Arrivo nel momento in cui, con una manata in faccia, Osso lo allontana di brutto.
«Osso, che cazzo fai? Ti metti a menare di primo mattino?» gli urlo in faccia.
«Per un semplice cinquino in faccia! Dai, Freddy, non rompere le palle anche tu, che già mio fratello stamattina...» «Tu tuo fratello, io mia mamma: gode nel rompermi i coglioni, cazzo».
«E stamattina c’è la Soffiatti, quella zoccola».
«Almeno è figa».
«Sì, ma rompicoglioni... e stronza».
«Quasi quasi mi faccio interrogare, così per ridere un po’. Tanto un quattro o un tre non mi cambia la vita».
«Io se riesco fingo di stare male come l’ultima volta». «Guarda che si vedeva che facevi finta».
«Ok, allora dammi un calcio nelle palle e vedrai che non fingo». «Spiritoso».
«Dai, scendiamo». Spintonando tutti scendiamo di corsa dal bus.
Come inizio di giornata è proprio una merda.
Marco Fasoli, Il domani che non voglio

Il domani che non voglio

Il domani che non voglio

di Marco Fasoli
Calibano editore Narrativa 
ISBN 978-8894992434
Cartaceo 14,25€

Sinossi

Freddy e Sara sono due diciassettenni. Freddy è il classico bullo da strada che consuma le giornate tra bar, amici e avventure amorose; Sara una ragazza seria che non ha altro in testa oltre alla scuola e alla famiglia. Il loro incontro è burrascoso, ma l’attrazione irresistibile. Attraverso una serie di esperienze anche tragiche come uno stupro, ambedue ne usciranno cambiati.
Un romanzo che sa raccontare i giovani attraverso i loro eccessi e il loro pudore, con partecipazione e senza compromessi.
I disagi, le paure, gli amori e le tragedie di due adolescenti allo sbando.


Marco Fasoli


Veronese, violinista con una passione sfrenata per la lettura, Marco Fasoli pubblica il suo primo romanzo, La Tournée, nel dicembre 2018 per le edizioni Betelgeuse. Insegnante di violino e concertista con il Quartetto Maffei, attivo anche come compositore (suoi lavori sono pubblicati dalla Casa Musicale Sonzogno), Il domani che non voglio è la sua seconda fatica letteraria.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Stefania Bergo

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità