Gli scrittori della porta accanto

Antonino Borzì presenta: XY. La fine e l'inizio

Antonino Borzì presenta: XY. La fine e l'inizio

Presentazione Libri Intervista a cura di Silvia Pattarini. Antonino Borzì presenta il suo romanzo d'esordio XY. La fine e l'inizio (PubMe - Collana Gli Scrittori della porta accanto): «Ciascuno, nessuno escluso, è stato un essere minuscolo, invisibile a occhio nudo, un semino».

Antonino Borzì è nato nel 1955 in provincia di Catania. Vive, insieme alla moglie, a Ragalna, una tranquilla cittadina ai piedi dell’Etna. Ha tre figli che lavorano e studiano all’estero.
Dopo aver conseguito la maturità scientifica, si è laureato in Ingegneria Civile-Edile con indirizzo “Architettura e pianificazione” presso l’Università degli Studi di Catania. Interessato ad ogni espressione artistica e, in particolare, all’architettura, si diletta anche nella scrittura, sperimentando nuove forme espressive, alla ricerca di percorsi alternativi.

XY
La fine e l'inizio

di Antonio Borzì
PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto
Narrativa
ISBN 978-8833668604
cartaceo 12,00€
ebook 2,99€

Sinossi

Un ciclo che si rinnova, tra miliardi di esseri umani che popolano il pianeta. Ciascuno, nessuno escluso, è stato un essere minuscolo, invisibile a occhio nudo, un semino. “Ogni essere umano, in apparenza simile agli altri, possiede dei particolari che lo distinguono; ha le sue personali, uniche e irripetibili caratteristiche. Ciascuno potrebbe avere eserciti di fratelli e sorelle, milioni di compagni e compagne; un solo essere umano, nell’arco di una vita media, sarebbe in grado di popolare l’intero pianeta. Sarebbe possibile che, nella miriade di fratelli, un determinato individuo fosse sostituito da un altro. Tutto viene stabilito in un attimo. Anzi, in quell’attimo, in quel giorno, in quell’ora. Nascere o non nascere, vivere o morire, tutto sembra assolutamente casuale. Dalla più assoluta casualità, emerge con prepotenza il concetto di infinito. Le infinite forme di vita, le infinite varietà di individui diversi, seppur tanto simili tra loro.”In questo viaggio a ritroso, Francesco ripercorre il suo presente, alcuni episodi dell’ultimo anno di liceo, quando ha incontrato Margherita, dando inizio a una storia d’amore in cui si gioca – ancor prima di averne coscienza – il tutto e per tutto per avere una chance.


L'autore racconta



Antonino Borzì, benvenuto sul blog Gli scrittori della porta accanto.  Per scrivere un libro è necessario avere una storia da raccontare: com’è nata l’idea di questo libro XY - La fine e l’inizio?

La nascita dei miei figli (in particolare del primogenito) mi ha sicuramente dato l’idea originaria. Il prodigioso evento del concepimento e della formazione di una nuova vita mi ha incuriosito e allo stesso tempo emozionato, tanto da darmi l’ispirazione per il mio racconto. Ho, poi voluto inserire la mia storia fantastica, - storia vecchia come il mondo – in un’altra dove ho fatto rivivere ai miei personaggi gli anni della loro giovinezza, vissuti in momenti diversi, i secondi dentro i primi che, a loro volta, sono dentro ad altri, come in una sorta di matrioska.

Qual è il tema del tuo romanzo? Ci anticipi qualche indiscrezione per incuriosire il lettore?

XY – La fine e l’inizio presenta due racconti apparentemente diversi tra loro ma in realtà strettamente legati . Il primo potrebbe sembrare una timida storia d’amore con sfumature d’altri tempi. Un gruppo di compagni di scuola si rivedono dopo circa vent’anni. Francesco, il protagonista, ripercorre alcuni momenti trascorsi durante l’ultimo anno di liceo, quando conobbe Margherita, sua moglie.
Il secondo si sviluppa invece in chiave fantastica, mostrando un aspetto inconsueto dell’amore, ma al contempo sempre uguale, pur nella sua molteplice varietà per ciascuno di noi. È la storia di un essere infinitamente piccolo che unirà per sempre i protagonisti, creando una nuova vita che verrà al mondo.

I protagonisti del tuo libro sono reali o di fantasia? Ti sei ispirato a qualcuno che conosci?

Sono di fantasia, anche se alcune scene e qualche nome sono tratti dalla realtà. Mi piace osservare ciò che mi accade intorno e spesso mi capita di far rivivere alcune scene reali ai personaggi dei miei racconti.

Ora parliamo un po’ di te. Come progetta Antonino Borzì la sua idea? Scrivi direttamente al computer, su quaderni, taccuini o hai un sistema tutto tuo?

Di solito scrivo al computer. Mi piace che ciò che scrivo ampli anche le mie conoscenze. Per la stesura del libro ho letto alcuni testi, soprattutto di carattere scientifico. Ho costruito la parte immaginaria della storia su “basi” teoriche di riferimento dalle quali ho cercato di non allontanarmi. Così il lettore, leggendo la parte fantastica, potrà acquisire qualche nozione di biologia e/o anatomia in modo piacevole e divertente.

Quanto tempo ti ha impegnato la stesura di XY – La fine e l’inizio?

Scrivere un libro, ancorché un’operazione in apparenza semplice, è in realtà un progetto che richiede un certo impegno; si potrebbe dire quasi che sia come costruire un intero edificio, dalle fondamenta al tetto.
Diciamo che dall’”inizio lavori” al “fine lavori”, considerando vari periodi di “fermo” intermedi e di studio, sono passati diversi anni, prima di considerare il mio lavoro concluso.

Quali sono i tuoi gusti in fatto di libri, che generi prediligi leggere e quali preferisci scrivere?

Tutto quello che è scritto bene mi interessa, ma in particolare preferisco la Narrativa (“classica”). I libri, comunque, devono lasciare qualcosa a chi li legge ed è compito dello scrittore far si che ciò avvenga.

Come intendi impostare la promozione di XY – La fine e l’inizio? Sei disponibile a impegnarti personalmente in presentazioni presso biblioteche, librerie, centri culturali e assessorati alla cultura (restrizioni permettendo) oppure preferisci il web o tutte le soluzioni possibili purché se ne parli?

No, preferisco sicuramente il web, per la grande capacità di divulgazione dei media, cioè la possibilità di raggiungere una vasta platea in breve tempo. Oggi si è molto presenti sui social (soprattutto i giovani) e l’uso di internet ci coinvolge sempre più nei vari aspetti della vita, ritengo quindi riduttivo e allo stesso tempo parecchio impegnativo, divulgare il libro tramite i canali tradizionali.

Progetti per il futuro: ci sono nuovi lavori in corso, nuove pubblicazioni o ambizioni particolari?

Scrivere è uno dei miei hobby preferiti. Ho da parte qualche idea su cui sto riflettendo. Appena sarà ben definita, comincerò a scrivere. Spero quanto prima ma… non voglio mettermi fretta.

Ringraziamo Antonino Borzì per essere stato con noi. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!

Silvia Pattarini

Silvia Pattarini

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Silvia P.

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità