Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Le strane circostanze, una raccolta di racconti di Loris Grassulini

Le strane circostanze, una raccolta di racconti di Loris Grassulini

Libri Comunicato stampa. Le strane circostanze (Giovane Holden Edizioni), una raccolta di Loris Grassulini. Quattordici racconti che tratteggiano un sesso senza amore, greve, fatticcio, spoglio e didascalico, situazioni kafkiane che decretano la fine di una vita o l’inizio di un incubo.

A fatica cercavo di tenere lo sguardo fisso sul suo volto poiché ad ogni minima distrazione gli occhi cadevano senza rimedio tra le sue gambe, sulla sua passera scura appena velata. La farsa non durò più di tanto, nonostante lei, con diabolica compostezza, riuscisse ancora a fingersi innocente e a far sembrare quella grottesca commedia una normale discussione tra colleghi di studio o tra due vecchi amici. Si alzò, addirittura sistemandosi la gonna, tirandola più giù possibile sopra le gambe, quasi a volersi coprire al mio sguardo: Ipocrita! Mi prese la tazzina vuota dalle mani e la pose sul tavolo. Si accese una sigaretta dandomi le spalle, in piedi davanti a me. D’un tratto smise di parlare e si fece seria. Traspirava profondamente il fumo tiro dopo tiro. Tirava così forte e con decisione che finì per scappellarla. Poi spense l’amaro tizzone nel guscio di cocco che aveva sul tavolo. Ancora se ne stava in silenzio. Quel silenzio mi imbarazzava ancora di più delle sua gambe divaricate. Ma era quello il momento buono: la fine di una sigaretta è sempre l’inizio di una nuova circostanza, è una pausa che d’improvviso s’interrompe. La sigaretta è un alibi o una scusa, è un momento di pensiero e di elevazione, è una sana sospensione del destino. Ed ora la pausa era finita, la vita doveva continuare. Era quello, lo sentivo bene, lo scoglio più temuto, il confine sul quale il pensiero deve trasformarsi in azione, l’emozione in carne. Si sedette al mio fianco, sul piccolo sofà, e l’effluvio del suo profumo m’inondò di nuovo. Tenevo la testa china in avanti, seduto proprio all’estremità del divano. Sentivo i suoi occhi addosso ma non trovavo il coraggio di incrociare il suo sguardo. Che coglione! pensai. Poi la sua mano gentile mi sfiorò la nuca e un brivido di piacere mi scosse le budella fino al basso ventre.
Eccoci! la farsa era finita, quel primo contatto fisico, seppur appena accennato, ancorché tanto desiderato, decretò la fine di ogni indugio. La carne non mente. La guardai, ma non feci in tempo a metterne a fuoco l’immagine che l’altra sua mano, impertinente, si avventurò sui miei pantaloni.
Loris Grassulini, Le strane circostanze


Le strane circostanze

di Loris Grassulini
Giovane Holden Edizioni
Racconti | Erotico | Drammatico
ISBN 9788832928662
Ebook 5,99€
Cartaceo 15,00€

Sinossi

14 racconti che tratteggiano spaccati d’esperienze similari e aliene a un tempo. Caoticamente eclettici nel loro susseguirsi e nel linguaggio, sovente crudo e diretto, a volte gergale; sempre costellato di metafore e allusioni, perlopiù sessuali, più sboccato che lascivo, un po’ guascone. Il sesso quindi: un sesso brullo, senza amore, neanche particolarmente allegro, spesso greve, fatticcio, spoglio e didascalico, tanto più bello e sincero quanto squallido. Altre volte il linguaggio si fa più curato, elegante, e indugia su descrizioni accurate degli ambienti e dei personaggi, per poi fluire impaziente a definire le trame. Alcune sono narrazioni amaramente divertenti, a tratti scollacciate, spinte e licenziose, che fanno intuire un approccio alla sessualità e alla vita dalle sfumature rusticane, volutamente grossolane, un misto di farsa e commedia. I personaggi sono per lo più soggetti veraci di periferia, figli di quella nostalgica cultura rionale e rurale, schiavi dei loro atavici pregiudizi, inclini alla supremazia delle passioni. Si muovono con protervia nell’alveo di una disincantata ordinarietà, gelosi e succubi dei propri vizi sublimandoli a fondamenti dell’esistere. S’insinuano poi, avulse e stridenti, situazioni kafkiane, che decretano la fine di una vita o l’inizio di un incubo. Poiché la vita, in fondo, non è altro che una magmatica poliritmia di strane circostanze.


Loris Grassulini


Nato a Pontedera, 07/01/1976, vive a Ponsacco (PI), nella suggestiva Toscana. Una Laurea in Filosofia conseguita presso l’Università di Pisa. Socio amministratore di una azienda che opera nel settore del gioco legale. Una passione profonda per la scrittura e un vivido interesse per la Politica, intesa nell’accezione più nobile del termine. Ama definirsi inguaribile realista e cinico sognatore.

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità