Gli scrittori della porta accanto

Recensione: Nelle sue ossa, di Maria Elisa Gualandris

Recensione: Nelle sue ossa, di Maria Elisa Gualandris

Libri Recensione di Silvia Pattarini. Nelle sue ossa di Maria Elisa Gualandris (Bookabook). Precariato, femminicidio e violenza di genere in un giallo ambientato sulle rive del lago Maggiore.

Nelle sue ossa è il romanzo d’esordio di Maria Elisa Gualandris, promettente autrice che non conoscevo.
La vicenda si svolge ai giorni nostri sulle rive del Lago Maggiore, territorio suggestivo e pieno di fascino, custode di antichi segreti.
La protagonista, Benedetta Allegri, per gli amici Benny, 35 anni, è reporter freelance di un giornale on line, alle prese con la condizione di lavoro precario e una situazione sentimentale abitudinaria.

In una villa sul lago vengono ritrovati dei resti umani. Risultano appartenere a una donna.

Benny inizia un’indagine destinata a riportare a galla una verità scomoda, che negli anni in paese, quasi tutti avevano dimenticato.
Aiutata dal commissario Giuliani, non demorde, è decisa a scoprire il mistero e fare giustizia per la povera ragazza, nonostante le reticenze di avvocati omertosi e compaesani diffidenti.
Solo nei libri gialli i magistrati sono generosi nel divulgare informazioni. O forse in procure più grandi. Qui di sicuro no. I giornalisti vengono visti come la peste, salvo quando c’è bisogno di far sapere al mondo una notizia che faccia comodo, ovviamente.
Maria Elisa Gualandris, Nelle sue ossa

Chi è questa ragazza, chi l’ha uccisa e perché ha nascosto il cadavere nella cantina di Villa Camelia?
Domande a cui si troverà risposta un po’ alla volta, scorrendo pagina dopo pagina, facendo un salto temporale indietro nel tempo di una quarantina d’anni, mentre la vicenda intricata si dipana e il lettore ha ampio spazio per immedesimarsi nel contesto e nei sentimenti dei protagonisti.

Ho trovato la scrittura di Maria Elisa Gualandris scorrevole e godibile, è riuscita a creare una bella atmosfera, in cui non mancano scene di suspense, mistero e intrighi; insomma tutti i crismi del giallo.

I protagonisti sono ben caratterizzati e credibili, tant’è che la lettura non risulta mai ridondante e si legge volentieri fino all’ultima pagina, desiderosi di scoprire l’assassino.
Maria Elisa Gualandris è riuscita a realizzare un bel pretesto letterario per affrontare argomenti, purtroppo, sempre d’attualità: precariato, femminicidio e violenza di genere. Per questo motivo non mi limito a consigliarlo solo agli amanti del genere giallo e thriller, ma anche a quanti amano il giornalismo d’indagine, le storie vere e d’attualità.


Nelle sue ossa

di Maria Elisa Gualandris
Bookabook
Giallo | Thriller
ISBN 978-8833234069
cartaceo 15,00€
ebook 6,99€

Sinossi

Durante un restauro, nella cantina di una villa sul lago vengono trovate ossa umane. Sono lì da almeno quarant'anni e nessuno ha idea di chi possano essere. La giornalista Benedetta Allegri si imbatte nella vicenda e spera che possa essere l'occasione per rilanciare la sua carriera precaria. Aiutata dall'affascinante commissario Giuliani, scopre che le ossa sono di Giulia Ferrari, una studentessa scomparsa nel 1978 che nessuno ha mai veramente cercato. La procura ha fretta di archiviare il caso e cerca di far ricadere la colpa su quello che all'epoca era il fidanzato della ragazza. Benedetta, però, intuisce che la sua tranquilla cittadina di provincia nasconde molti segreti ed è pronta a tutto pur di giungere alla verità e ottenere giustizia per Giulia.


Silvia Pattarini
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Silvia P.

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità