Gli scrittori della porta accanto

Oscar 2022: tutti i vincitori

Oscar 2022: tutti i vincitori

Cinema Di Stefania Bergo. Trionfa Dune con sei statuette, CODA è il miglior film dell'anno e tra i registi vince l'unica donna candidata, Jane Campion.

Questa notte sono stati assegnati gli Oscar del cinema 2022. Si tratta della 94ª edizione e si è svolta in una versione snellita, dopo la decisione di non consegnare durante la kermesse i premi tecnici, ma di comunicarlo a inizio serata sul profilo Twitter ufficiale.
Nel corso della serata è stato osservato un minuto di silenzio per la guerra in Ucraina – avrebbe dovuto esserci addirittura un collegamento con Zelensky. È stata una edizione celebrativa del grande cinema del passato, dato che quest'anno cadono i 60 anni dalla prima uscita di James BondAgente 007 - Licenza di uccidere, con l'indimenticabile Sean Connery – i 50 anni de Il Padrino – standing ovation al trio Coppola, DeNiro e Pacino sul palco – e i 50 anni di Cabaret – Lady Gaga ha premiato Lisa Minnelli, che ritira il riconoscimento seduta in carrozzina.

«And the Oscar goes to...»: chi sono i vincitori dell'Oscar 2022?

Il miglior film dell'anno è CODA. I segni del cuore, già disponibile, a pagamento, su TIM Vision, Prime Video ed Apple TV.
Dune, disponibile su Sky e a pagamento su TIM Vision, risulta essere il film più premiato, con ben sei statuette tecniche, dal sonoro alle scenografie, e per la colonna sonora del pluripremiato Hans Zimmer – già vincitore dell'Oscar per le musiche del Re Leone e del Gladiatore, oltre ad aver ricevuto numerosissime altre nomination.
Niente da fare per Paolo Sorrentino, candidato con È stata la mano di Dio per il miglior film straniero. Vince il giapponese Drive My Car, di Ryûsuke Hamaguchi, tratto dal romanzo omonimo di Murakami – negli ultimi anni il cinema asiatico sta ottenendo sempre più riconoscimenti – e disponibile su Sky.
Il coloratissimo Encanto, disponibile su Disney+ e su Sky Primafila, vince l'Oscar come miglior film d'animazione del 2022.


La regista Jane Campion, che ha diretto il celebre Lezioni di piano, unica donna candidata nella rosa dei registi, vince con Il potere del cane, un western originale Netflix che pone l'accento sulla violenza e manipolazione psicologica e sulla mascolinità tossica.

Miglior attore è Will Smith, per il film biografico Una famiglia vincente – King Richard, che subito prima di ricevere il riconoscimento si rende protagonista di uno spiacevole episodio.

Il comico Chris Rock se ne esce con una battuta infelice sul taglio di capelli della moglie di Smith, che soffre di alopecia, e lui risponde salendo sul palco e sferrandogli uno schiaffo. Salvo poi scusarsi nel momento della premiazione, giustificandosi con una reazione protettiva nei confronti della sua famiglia, così come il protagonista del film da lui interpretato – discutibile, la risposta violenta poteva essere evitata, magari con una battuta intelligente, tagliente o decisa.

Miglior attrice non protagonista è Ariana DeBose, per il ruolo di Anita nel rifacimento di Spielberg di West Side Story.

Rita Moreno, che ha una parte anche nel film di Spielberg, ottenne lo stesso riconoscimento, per lo stesso ruolo, per il film originale.
Troy Kotsur, attore realmente sordo – il film è interpretato per larga parte con il linguaggio dei segni essendo protagonista una famiglia di sordi – vince come miglior attore non protagonista in CODA. I segni del cuore. Mentre Jessica Chastain, sposata dal 2017 con l'imprenditore italiano Gian Luca Passi, ritira il premio come miglior attrice protagonista in Gli occhi di Tammy Faye, che racconta la vera storia di Tammy Faye Bakker e di suo marito Jim, due predicatori televisivi americani degli anni '70 e '80.
Di seguito, tutti i vincitori di questa edizione degli Oscar 2022.

Le categorie e le nomination tra cui sono stati scelti i vincitori

Miglior film
Belfast, di Kenneth Branagh
CODA, di Siân Heder
Don’t Look Up, di Adam McKay
Drive My Car, Ryûsuke Hamaguchi
Dune, di Denis Villenueve
Una famiglia vincente – King Richard, di Reinaldo Marcus Green
Licorice Pizza, di Paul Thomas Anderson
La fiera delle illusioni – Nightmare Alley, di Guillermo Del Toro
Il potere del cane, di Jane Campion
West Side Story, di Steven Spielberg

Miglior attore protagonista
Javier Bardem, A proposito dei Ricardo
Benedict Cumberbatch, Il potere del cane
Andrew Garfield, Tick, Tick … Boom!
Will Smith, Una famiglia vincente – King Richard
Denzel Washington, Macbeth

Miglior attrice protagonista
Jessica Chastain, Gli occhi di Tammy Faye
Olivia Colman, La figlia oscura
Penélope Cruz, Madres paralelas
Nicole Kidman, A proposito dei Ricardo
Kristen Stewart, Spencer

Miglior attore non protagonista
Ciaran Hinds, Belfast
Troy Kotsur, CODA
Jesse Plemons, Il potere del cane
J.K. Simmons, A proposito dei Ricardo
Kodi Smit-McPhee, Il potere del cane

Miglior attrice non protagonista
Jessie Buckley, La figlia oscura
Ariana DeBose, West Side Story
Judi Dench, Belfast
Kirsten Dunst, Il potere del cane
Aunjanue Ellis, King Richard

Miglior regia
Paul Thomas Anderson, Licorice Pizza
Kenneth Branagh, Belfast
Jane Campion, Il potere del cane
Steven Spielberg, West Side Story
Ryûsuke Hamaguchi, Drive My Car

Miglior montaggio
Hank Corwin, Dont’ look up Joe Walker, Dune
Pamela Martin, Un famiglia vincente-King Richard
Peter Sciberras, Il potere del cane
Myron Kerstein e Andrew Weisblum, Tick, Tick… Boom!

Miglior film internazionale
Drive My Car (Giappone), di Ryûsuke Hamaguchi
Flee (Danimarca), di Jonas Poher Rasmussen
È stata la mano di Dio (Italia), di Paolo Sorrentino
Lunana: A Yak in the Classroom (Bhutan), di Pawo Choyning Dorji
La persona peggiore del mondo (Norvegia), di Joachim Trier

Miglior colonna sonora originale
Nicholas Britell, Don’t Look Up
Hans Zimmer, Dune
Germaine Franco, Encanto
Alberto Iglesias, Madres paralelas
Jonny Greenwood, Il potere del cane

Miglior scenografia
Patrice Vermette e Zsuzsanna Sipos, Dune
Tamara Deverell e Shane Vieau, La fiera delle illusioni-Nightmare Alley
Grant Major e Amber Richards, Il potere del cane
Stefan Dechant e Nancy Haigh, Macbeth
Adam Stockhausen e Rena DeAngelo, West Side Story

Migliori effetti visivi
Dune
Free Guy – Eroe per gioco
Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
No Time to Die
Spider-Man: No Way Home


Miglior sceneggiatura originale
Kenneth Branagh, Belfast
Adam McKay (sceneggiatura e soggetto) e David Sirota (soggetto), Dont’ look up
Zach Baylin, Una famiglia vincente-King Richard
Paul Thomas Anderson, Licorice pizza
Eskil Vogt e Joachim Trier, La persona peggiore del mondo

Miglior sceneggiatura non originale
Siân Heder, CODA
Ryusuke Hamaguchi e Takamasa Oe, Drive My Car
Jon Spaihts, Denis Villeneuve e Eric Roth, Dune
Maggie Gyllenhaal, La figlia oscura
Jane Campion, Il potere del cane

Miglior film d’animazione
Encanto, di Jared Bush e Byron Howard
Flee, di Jonas Poher Rasmussen
Luca, di Enrico Casarosa
I Mitchell contro le macchine, di Michael Rianda e Jeff Rowe
Raya e l’ultimo drago, di Don Hall e Carlos Lopez Estrada

Miglior fotografia
Greig Fraser, Dune
Dan Laustsen, La fiera delle illusioni – Nightmare Alley
Ari Wegner, Il potere del cane
Bruno Delbonnel, Macbeth
Janusz Kaminski, West Side Story

Migliori costumi
Jenny Beavan, Crudelia
Massimo Cantini Parrini e Jacqueline Durran, Cyrano
Jacqueline West e Robert Morgan, Dune
Luis Sequeira, La fiera delle illusioni–Nightmare Alley
Paul Tazewell, West Side Story

Miglior documentario
Ascension, di Jessica Kingdon
Attica, di Stanley Nelson Jr. e Traci A. Curry
Flee, di Jonas Poher Rasmussen
Summer of Soul, di Questlove
Writing with fire, Rintu Thomas e Sushmith Ghosh

Miglior cortometraggio documentario
Audible, di Matthew Ogens
Lead Me Home, di Julien Hosmalin
The Queen of Basketball, di Ben Proudfoot
Three Songs for Benazir, di Elizabeth e Gulistan Mirzaei
When We Were Bullies, di Jay Rosenblatt

Miglior trucco e acconciatura
Coming 2 America
Crudelia
Dune
Gli occhi di Tammy Faye
House of Gucci


Miglior canzone originale
“Be Alive”, Beyoncé Knowles-Carter & Darius Scott (Una famiglia vincente – King Richard)
“Dos Oruguitas”, Lin-Manuel Miranda (Encanto)
“Down to Joy”, Van Morrison (Belfast)
“No Time to Die”, Billie Eilish & Finneas O’Connell (No Time to Die)
“Somehow You Do”, Diane Warren (Quattro buone giornate)

Miglior corto d’animazione
Affairs of the Art, di Joanna Quinn
Bestia, di Hugo Covarrubias
Boxballet, di Anton Dyakov
Robin Robin, di Michael Please e Dan Ojari
The Windshield Wiper, di Alberto Mielgo

Miglior cortometraggio
Ala Kachuu — Take and Run, di Maria Brendle
The Dress, di Nicole Emiliana Mendez
The Long Goodbye, di Aneil Karia
On My Mind, di Martin Strange-Hansen
Please Hold, di KD Davila

Miglior sonoro
Belfast
Dune
No Time to Die
Il potere del cane
West Side Story



Stefania Bergo
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità