Gli scrittori della porta accanto

Dialoghi da Il quinto potere, di Condon

Dialoghi da Il quinto potere, di Condon

Cinema Di Tamara Marcelli. Da Il quinto potere di Bill Condon, pillole di cinema: dialogo tra Daniel Berg (Daniel Brühl) e Nick Davies (David Thewlis) e monologo di Julian Assange (Benedict Cumberbatch).

Il quinto potere è un film drammatico del 2013, del regista Bill Condon, musiche di Carter Burwell e sceneggiatura di Josh Singer, con Benedict Cumberbatch, Daniel Brühl e David Thewlis.
Il film è ispirato a due libri: Inside WikiLeaks. La mia esperienza al fianco di Julian Assange nel sito più pericoloso del mondo di Daniel Berg e WikiLeaks. La battaglia di Julian Assange contro il segreto di stato scritto dai giornalisti inglesi del The Guardian, Luke Harding e David Leigh.

Il quinto potere mostra la veloce ascesa nel mondo dell'informazione di WikiLeaks, piattaforma fondata da Julian Assange e dal suo braccio destro, nonché portavoce, Daniel Berg.

La storia ripercorre il periodo dal 2007, anno dell'incontro tra i due protagonisti, al 2010, momento di estrema crisi che vedrà il definitivo distacco e l'abbandono del fronte comune. Al centro del film, il mondo dell'informazione in tutte le sue sfaccettature, un mondo fatto di apparenze e equilibri instabili. Colmo di tante parole e poca sostanza; di poche luci e tante ombre.
La prima scena ci catapulta a Berlino, nel dicembre 2007, prima alla Electronics Data Systems dove lavora Daniel Berg, esperto di computer, poi al centro congressi per il Chaos Communication Congress, dove i due protagonisti si incontrano e iniziano la loro collaborazione, via via sempre più stretta. Il principio cardine dell'informazione libera getta i suoi semi per il futuro.
Fate uscire la verità stando al sicuro.

Il primo discorso pubblico di Julian Assange, di fronte a una platea di poche persone, colpisce per la logicità del ragionamento: due persone e un segreto sono l'inizio di un complotto e di tutte le corruzioni.

Date a un uomo una maschera e lui vi dirà la verità.

E ancora i due che insieme decidono di guardare Berlino dal tetto di una chiesa, fortemente simbolico.
Assange racconta al giovane Daniel la sua infanzia in Australia, la sua esperienza in una setta, la fuga con sua madre. I suoi capelli bianchi che diventeranno il punto di svolta tra realtà e manipolazione, tra verità e finzione. Dopo una iniziale diffidenza, i due si ritrovano in un locale e iniziano a chattare. In questa scena, Julian spiega l'esistenza della piattaforma criptata chiamata Rubberhose, dove far confluire le informazioni, i documenti recuperati e condivisi dai numerosi collaboratori sparsi nel mondo. Il sistema creato quando aveva 20 anni per nascondere le informazioni sotto strati di dati falsi. Dati falsi da fonti false per monitorare i dati veri e proteggere le gole profonde. Il tutto affinché nessuno fosse rintracciabile. Così, tra segreti off shore, banche svizzere, incontri segreti, viaggi in Kenya, Islanda, Belgio, Olanda, Norvegia, collegamenti con Egitto e Libia, il lavoro di WikiLeaks comincia a diventare più globale e, per qualcuno, pericoloso.
Il coraggio è contagioso.

Dopo la tempesta sui paradisi fiscali alle isole Cayman, su richiesta di una banca svizzera, il sito di WikiLeaks viene chiuso.

In questo frangente, alcuni giornalisti londinesi riescono a dare il loro supporto e a far revocare l'ordine di chiusura. Così, vedranno la luce numerosi scandali internazionali, dagli attentati di Nairobi, Guantanamo Bay, le torri gemelle, la lista dei componenti del partito nazionalista britannico, la banca islandese, gli squadroni della morte in Kenya...
Si può cambiare il mondo se si ha una grande idea, ma non lo si può fare da soli. C'è bisogno di persone che siano disposte a mettersi in gioco.

La crisi tra i due protagonisti inizia a germogliare durante una cena di Natale.

Julian, invitato a casa dei genitori di Daniel, fugge via senza motivo apparente. Ma Julian ha ancora bisogno di Daniel e lo chiama nella sua fuga dalla Norvegia verso l'Islanda, seguito da spie russe e agenti della Cia.
Intanto, la notizia della morte a Bagdad di due reporter dell'agenzia Reuters segna un ulteriore punto di svolta nella storia di WikiLeaks. Quello che lo stesso Assange definirà un «omicidio collaterale», svelerà i retroscena del mondo dell'informazione. L'arresto di un soldato americano rischierà di mettere in crisi Stati e persone. La condivisione di rapporti di guerra dell'esercito e l'intero database del dipartimento di stato americani sulla guerra in Afganistan e in Iraq determineranno un innalzamento del livello di gioco tra le varie parti.
Proteggere le fonti o divulgare senza filtri i documenti mettendo a rischio gli informatori?

La crisi tra i due protagonisti diventa più tangibile e si riflette sulla diversa valutazione dei principi alla base dell'informazione.

Un profeta pazzo ha bisogno di paletti e regole per vivere in società, ma così snatura se stesso.
Dopo un tentativo di delegittimazione messo a punto con una precisa e serrata campagna diffamatoria, Assange conferma il proprio credo: «WikiLeaks non revisiona».
La breve alleanza con alcuni media tradizionali permetterà al mondo intero di conoscere informazioni non altrimenti fruibili. Per proteggere le fonti, Daniel decide di disabilitare la piattaforma di consegna. Ora Julian è solo.
I capelli bianchi...

Dialogo tra Daniel Berg e Nick Davies, il giornalista del Guardian.


La rivoluzione è la lotta che avviene tra il passato e il futuro. E il futuro è appena iniziato.



Monologo finale di Julian Assange.




Tamara Marcelli
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Isola TM

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità