Gli scrittori della porta accanto

I have a dream: 60 anni fa il celebre discorso di Martin Luther King

I have a dream: 60 anni fa il celebre discorso di Martin Luther King

Di Stefania Bergo. Il 28 agosto del 1963 Martin Luther King pronuncia il suo celebre discorso I have a dream, diventato simbolo della lotta al razzismo negli Stati Uniti. Sessant'anni dopo possiamo dire che si sia finalmente realizzato?

È il 28 agosto del 1963. Il dottor Martin Luther King, attivista, politico e pastore protestante statunitense, leader del movimento per i diritti civili degli afroamericani, pronuncia il suo celebre discorso I have a dream al Lincoln Memorial di Washington, nell'ambito della marcia su Washington per manifestare contro la disparità di trattamento delle persone di colore negli Stati Uniti, cent'anni dopo l'abolizione della schiavitù, ma ancora nel pieno della segregazione razziale.

Il testo di I have a dream è diventato il simbolo della lotta contro il razzismo negli Stati Uniti, trascinandoli, al pari di altre proteste on violente, come quella di Rosa Parks, verso l'abolizione della segregazione – abrogata dal Civil Rights Act nel 1964.

Il celebre discorso fu preparato la sera precedente, ma la versione finale che tutti conosciamo è differente. Fu solo durante l'orazione, infatti, che Martin Luther King ebbe l'idea di focalizzarsi sulle parole «I have a dream», in risposta alla sollecitazione della famosa cantante gospel Mahalia Jackson che, tra la folla, continuava a urlare: «Parla del sogno, Martin!» Fu allora che lui accantonò i fogli e iniziò a parlare a braccio, improvvisando.

Ne venne fuori un discorso in grado di sensibilizzare a tal punto l'opinione pubblica da far breccia nella gretta struttura della società razzista di quegli anni.

Iniziando così a demolirne alcuni capisaldi, infondendo l'ardente speranza che un giorno la popolazione afroamericana avrebbe goduto degli stessi diritti dei bianchi. Lo fece sottolineando la paradossale distanza tra "il sogno americano" e la realtà, in cui la supremazia bianca violava proprio il credo della sua stessa nazione.
Ma sessant'anni dopo, possiamo dire che il sogno di Martin Luther King, assassinato il 4 aprile 1968 proprio per le sue idee, si sia finalmente realizzato?

I have a dream



And so even though we face the difficulties of today and tomorrow, I still have a dream.
It is a dream deeply rooted in the American dream.
I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: "We hold these truths to be self-evident, that all men are created equal".
I have a dream that one day on the red hills of Georgia, the sons of former slaves and the sons of former slave owners will be able to sit down together at the table of brotherhood.
I have a dream that one day even the state of Mississippi, a state sweltering with the heat of injustice, sweltering with the heat of oppression, will be transformed into an oasis of freedom and justice.
I have a dream that my four little children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character.
I have a dream today! I have a dream that one day, down in Alabama, with its vicious racists, with its governor having his lips dripping with the words of “interposition” and “nullification” — one day right there in Alabama little black boys and black girls will be able to join hands with little white boys and white girls as sisters and brothers.
I have a dream today! I have a dream that one day every valley shall be exalted, and every hill and mountain shall be made low, the rough places will be made plain, and the crooked places will be made straight; and the glory of the Lord shall be revealed and all flesh shall see it together.
This is our hope, and this is the faith that I go back to the South with. With this faith, we will be able to hew out of the mountain of despair a stone of hope. With this faith, we will be able to transform the jangling discords of our nation into a beautiful symphony of brotherhood. With this faith, we will be able to work together, to pray together, to struggle together, to go to jail together, to stand up for freedom together, knowing that we will be free one day.
And this will be the day — this will be the day when all of God’s children will be able to sing with new meaning: My country ’tis of thee, sweet land of liberty, of thee I sing. Land where my fathers died, land of the Pilgrim’s pride, From every mountainside, let freedom ring! And if America is to be a great nation, this must become true. And so let freedom ring from the prodigious hilltops of New Hampshire. Let freedom ring from the mighty mountains of New York.
Let freedom ring from the heightening Alleghenies of Pennsylvania. Let freedom ring from the snow-capped Rockies of Colorado. Let freedom ring from the curvaceous slopes of California. But not only that: Let freedom ring from Stone Mountain of Georgia. Let freedom ring from Lookout Mountain of Tennessee.
Let freedom ring from every hill and molehill of Mississippi. From every mountainside, let freedom ring. And when this happens, and when we allow freedom ring, when we let it ring from every village and every hamlet, from every state and every city, we will be able to speed up that day when all of God’s children, black men and white men, Jews and Gentiles, Protestants and Catholics, will be able to join hands and sing in the words of the old Negro spiritual: Free at last! Free at last! Thank God Almighty, we are free at last!

E perciò, amici miei, vi dico che, anche se dovrete affrontare le asperità di oggi e di domani, io ho sempre davanti a me un sogno.
È un sogno profondamente radicato nel sogno americano.
Ho il sogno che un giorno questa nazione si leverà in piedi e vivrà fino in fondo il senso delle sue convinzioni: "Noi riteniamo ovvia questa verità, che tutti gli uomini sono creati uguali".
Ho il sogno che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.
Ho il sogno che un giorno perfino lo stato del Mississippi, colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia.
Ho il sogno che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere.
Ho un sogno, oggi! Ho il sogno che un giorno, là in Alabama, con i suoi feroci razzisti, con il suo governatore con le labbra grondanti di parole di “interposizione” e “annullamento” – un giorno proprio lì in Alabama i ragazzini e le ragazze nere potranno unirsi ai ragazzini bianchi e ragazze bianche come sorelle e fratelli.
Ho un sogno, oggi! Ho il sogno che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno.
È questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud. Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza. Con questa fede saremo in grado di lavorare insieme, di pregare insieme, di lottare insieme, di andare insieme in carcere, di difendere insieme la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi.
Quello sarà il giorno in cui tutti i figli di Dio sapranno cantare con significati nuovi: paese mio, di te, dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove morirono i miei padri, terra orgoglio del pellegrino, da ogni pendice di montagna risuoni la libertà; e se l’America vuole essere una grande nazione possa questo accadere. Risuoni quindi la libertà dalle poderose montagne dello stato di New York.
Risuoni la libertà negli alti Allegheny della Pennsylvania. Risuoni la libertà dalle Montagne Rocciose del Colorado, imbiancate di neve. Risuoni la libertà dai dolci pendii della California. Ma non soltanto. Risuoni la libertà dalla Stone Mountain della Georgia. Risuoni la libertà dalla Lookout Mountain del Tennessee.
Risuoni la libertà da ogni monte e monticello del Mississippi. Da ogni pendice risuoni la libertà. E quando lasciamo risuonare la libertà, quando le permettiamo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleriamo anche quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, protestanti e cattolici, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio inno: “Liberi finalmente, liberi finalmente; grazie Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente.






Dr. Martin Luther King, Jr. bswise
Testo e traduzione a cura di My English School


Stefania Bergo


Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla NEWSLETTER SETTIMANALE per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Oppure potresti offrirci UN CAFFÈ o sostenerci acquistando i GADGET ispirati ai nostri libri. Te ne saremmo davvero grati!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo, il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Tuttavia, verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti a insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Parole chiave


Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Repubblica Dominicana




Libri in evidenza