• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Emma Fenu: "Mi sa che fuori è primavera" di Concita De Gregorio

Mi sa che fuori è primavera.
La terra bruna e dura si è schiusa, partorendo un nuovo fiore.
Le lande innevate cominciano a sciogliersi, mostrano i campi da arare.
Gli uccelli danzano seguendo lo spartito mai scritto di un minuetto d’amore.
Mi sa che fuori è primavera, che la vita non si è arresa, che la rinascita è un’occasione da cogliere: dammi la mano, portami a te, scaldami con il tuo sole.

Il romanzo di Concita de Gregorio, “Mi sa che fuori è primavera”, racconta stralci dell’esistenza di una donna il cui nome non ci è nuovo, perché la cronaca nera lo ha reiterato troppo, per poi abbandonarlo nell’oblio del passato. Si tratta di Irina Lucidi, la madre delle gemelle di sei anni, Alessia e Livia, di cui non si ha più traccia dopo il suicidio del padre, un ingegnere svizzero tedesco.
Non è un libro che sconfina nel morboso strazio del dolore, per farne notizia, facendo sentire tutti un po’ investigatori, un po’ voyeur, di un’indagine condotta in modo discutibile.
No. Attraverso un’altalena di lettere, riflessioni e incontri, il romanzo può essere definito un thriller psicologico, molto ben orchestrato, la cui grandezza sta nell’attingere alla realtà, senza esibizione di colpi di scena, perché la vita stessa è imprevedibile e non la si imbriglia nella carta, neppure per un attimo.
Irina è viva, nonostante tutto: lo sa, lo sente, lo vuole, lo difende questo diritto ad esistere.
Custode della memoria, madre per sempre di eterne bambine, mai corpi sotto lapidi, mai donne di carne. Eppure lei non si arrende: trova le figlie negli abissi del mare, cullate dal canto delle balene, in un universo parallelo ma tangibile, fatto di liquido amniotico e legami invisibili, di spazi infiniti in cui ci si sente sirene.
Trova le figlie nella brezza calda che sa di spezie e granelli del deserto, attraverso folate in cui si perdono voci e volti, nella speranza di risfiorarsi ancora, per un attimo.
Le trova nell’idioma dolce di un compagno che sa che todo quadra, nella vita, in qualche strano modo che non è sempre dato comprendere. Si respira avvinti ad una certezza: ci sarà un nuovo giorno, una nuova primavera. Basta concedersi la dolcezza del sogno e pensare che un raggio di sole è un filo, un cordone ombelicale. Infinitamente lungo, ma disperatamente forte, che ci congiunge ad avi e a progenie.

{
L’assenza è una presenza costante: ti sfida in un corpo a corpo quotidiano, ti assedia. Ti vuole nella lotta, misura il tuo respiro. La nostalgia è fisica, poi. È proprio impossibile colmare la mancanza di un corpo vivo: quell’odore, quella morbidezza della pelle, quella voce quando ti chiama. Quel tipo di resistenza docile dell’abbraccio, quel modo di piegare il collo. Non c’è niente, nessuno che possa sostituire l’assenza di qualcuno. Solo il sogno. Quando tornano profumate e vive nei sogni, con i corpi e con le voci. Sono felice quando le sogno. Mi sveglio felice.
}



di Concita De Gregorio 
Narratori Feltrinelli  
Romanzo di formazione | Narrativa non fiction 
ISBN  9788807031588 
cartaceo 11,05€ | Amazon 
ebook 9,99€ | Amazon

Questa è la storia di Irina, che ha combattuto una battaglia e l’ha vinta. Una donna che non dimentica il passato, al contrario: lo ricorda, lo porta al petto come un fiore.
Irina ha una vita serena, ordinata. Un marito, due figlie gemelle. È italiana, vive in Svizzera, lavora come avvocato. Un giorno qualcosa si incrina. Il matrimonio finisce, senza traumi apparenti. In un fine settimana qualsiasi Mathias, il padre delle bambine, porta via Alessia e Livia. Spariscono. Qualche giorno dopo l’uomo si uccide. Delle bambine non c’è più nessuna traccia.
Pagina dopo pagina, rivelazione dopo rivelazione, in un ritmo che fa di questo libro un autentico thriller psicologico e insieme un superbo ritratto di donna, coraggiosa e fragile, Irina conquista brandelli sempre più luminosi di verità e ricuce la sua vita. Da quel fondo oscuro, doloroso, arriva una luce nuova. La possibilità di amare ancora, l’amore che salda e che resta.



di Emma Fenu
Nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vive, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Laureata in Lettere e Filosofia, ha, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrive per lavoro e per passione.
Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena, Abel Books.
Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità, Echos Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO