• Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Giulia Mastrantoni autrice

Giulia Mastrantoni
Conduttrice di RadioBook







Giulia Mastrantoni



Nasco a Frosinone nel 1993, mi laureo in Inglese e Francese a Udine e nel frattempo vivo tra Italia, Inghilterra, Canada, Germania e Australia, sia per motivi di studio che per tirocini di vario genere.
Dato che scrivere è quello che mi rende viva, durante gli studi collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare. Attualmente scrivo per Gli Scrittori della Porta Accanto e Berlino Magazine, mentre porto avanti i miei progetti letterari.
A proposito di questi ultimi, i miei racconti fanno parte di svariate antologie, sono pubblicati su vari siti e sono stati trasposti in audio per alcune radio. Ma è nel 2015 che arrivano i traguardi importanti.
Vinco il primo premio per la sezione Narrativa Giovani al concorso internazionale Napoli Cultural Classic e mi classifico seconda al Premio Marudo. Nel maggio dello stesso anno, pubblico la raccolta di racconti Misteri di una notte d’estate con Edizioni Montag.
Nel 2016, viene pubblicato il mio romanzo breve Veronica è mia, per Panesi Edizioni, e inauguro la collana digitale di racconti brevi Short Tales. Nel frattempo, vengono pubblicate diverse traduzioni di romanzi di autori emergenti da me curate.
Nel dicembre 2016, per concludere l’anno in bellezza, mi classifico terza al premio letterario Lugalè per romanzi brevi.
Per non farmi mancare nulla, nel 2015, ho co-condotto il programma radio #rockYOU per band emergenti in FVG e negli anni precedenti mi sono dedicata all’interpretariato per vari festival di cinema e letterari. Annoiarmi non mi piace proprio.
In prossima pubblicazione ci sono due nuove opere: La felicità nel cassetto per Echos Edizioni in versione cartacea e One Little Girl. From Italy to Canada per Genesis Publishing in edizione digitale in inglese.
Tra i progetti per il futuro: scrivere, viaggiare e imparare il più possibile. Perché non esiste un traguardo, ma solo una vita da vivere appieno. Oh, e sbarcare con Gli Scrittori della Porta Accanto sul pianeta delle webradio grazie alla collaborazione con Radio Big World. Let’s go for it!


I miei libri



LA FORMA DEL SOLE

LA FORMA DEL SOLE

Autore: Giulia Mastrantoni
Editore:  StreetLib
Collana: Gli scrittori della porta accanto
Genere: Racconti
ASIN: B075HV41V9
Costo Ebook: 0,99€ 
Amazon
Kobo
Costo Cartaceo: 8,99€ 
StreetLib
Amazon


Ci sono libri che aprono ferite, altri che le guariscono. E poi ci sono loro, le storie scritte per isolarsi dal mondo, per recuperare il sorriso e la voglia di vivere, imparando a convivere con le cicatrici. La forma del sole è nato come un tentativo di ritrovare la luce, laddove c’erano troppe ombre, valorizzando ogni cicatrice e intessendovi sopra delle storie che ne demistificassero la realtà del passato. Ѐ la voglia di trasformare in lezioni di vita interiore le piccole paure del quotidiano, le piccole delusioni che fanno male all’anima, ma che possono tramutarsi in arcobaleni che seguono la tempesta. Questi racconti cercano un riparo dal mondo, una stanza colorata in cui esista solo lo spazio per pensare a come trasformare in luce il pensiero più svogliato.
Questi racconti sono privi di qualunque pretesa, ma si fanno portatori della speranza di rendervi felici. La felicità non sta nel mondo esterno, quanto nella nostra capacità di sorridere della vita, imparando che, anche quando non tutto va come vorremmo, c’è quella meravigliosa possibilità chiamata futuro che può regalarci una vita nuova. Sono racconti che fanno ironia in modo delicato, lasciando che la fantasia faccia il resto. Ci sono Brad Pitt e il Bianconiglio che rincorrono il tempo perduto, un vecchio che prepara cioccolate calde alle storie d'amore a brandelli e vampiri che non sono protagonisti della loro storia. Ci sono anche stralci di oroscopo, perché il futuro è un grande punto interrogativo che ci accompagna in ogni momento. La forma del sole è la ricerca di un mondo parallelo e felice, in cui i pensieri colorino ogni angolo della mente.





Veronica è mia

Veronica è mia

Editore: Panesi Edizioni
Genere: Erotico
ASIN: B01B3UCIDC

Costo ebook 1,99€

Kobo
Bookrepubblic
Veronica è una ragazza giovane, timida, innocente. La sua voglia di amare ed essere amata si scontra con quella di possedere di Max, ragazzo impassibile che entra nel suo corpo e nei suoi pensieri. Max di giorno, Max di notte, Max in ogni fibra del suo essere: Max è ossessione e sogno effimero. Veronica, nel tentativo di non dimenticarlo, lo ricerca e rivive nei corpi vuoti e indifferenti di altri uomini. Solo una grande forza interiore sarà in grado di rimettere tutto in discussione.
"Veronica è mia" è pornografia dell'anima, grido di forza e speranza, inno alla rinascita.

Da quando aveva fatto sesso la prima volta con Max, la sua vita era diventata un disastro. Il suo corpo non rispondeva più al cervello, i suoi sentimenti comandavano su tutto, la nostalgia di lui si faceva sentire in ogni piccola cosa. La prima volta che avevano fatto l’amore, era stata anche l’ultima. Il mattino successivo, lui aveva improvvisamente chiuso ogni rapporto con lei: le aveva detto che non sarebbero andati da nessuna parte insieme, che erano troppo diversi, che a lui lei non piaceva e che non era disposto a fingere il contrario. Aveva smesso di rispondere a messaggi e chiamate, chiuso ogni finestra di contatto e iniziato a scoparsi un’altra immediatamente dopo la breve conversazione di addio avuta con lei. Ironia della sorte, anche la nuova bambola gonfiabile si chiamava Veronica.
Se il suo cuore avesse potuto smettere di battere tanto rapidamente quanto era stata repentina la decisione di lui, probabilmente lo avrebbe fatto: la delusione, il dolore e l’assoluta nostalgia di ogni parte di Max erano tali che Veronica era certa di non poter sopravvivere a tutto quell’esercito di emozioni. Ognuna di esse era un pugnale che la trafiggeva e che faceva gocciolare trionfalmente il suo sangue.
Smarrimento e disperazione erano i due soli pilastri che sorreggevano le sue giornate. Dov’era lui ora? Ma, soprattutto, e ancora una volta, perché?
Si svegliava stanca: il mal di testa continuava a torturarla, la sua mente non trovava pace e continuava a cercare qualcosa, qualunque cosa, che potesse riavvicinarlo a lei. Un filo, seppure flebile, che li tenesse ancora uniti, una speranza, un segno che prima o poi le cose si sarebbero aggiustate. Cosa poteva fare? Cosa aveva il diritto di pretendere da lui? Probabilmente nulla, perché sapeva bene che avrebbe solo dovuto fermarlo prima. Ora non c’era molto da dire e non c’era altro da fare se non provare a ragionare con lui. Inutile quanto provare a fare ragionare lei: non c’era spazio per niente che non fosse un’estenuante discesa verso la follia. Veronica era lacerata dentro.

Recensioni dal web

1.
“Veronica è mia” è una lettura forte, non di quelle che, mentre leggi ti turbano e poco dopo hai già dimenticato. No, questo romanzo è forte e ti turba nel bene e nel male, nelle cose che riesci a capire, a sentire anche un po’ tue, nel dolore, nella sofferenza, nella rinascita... questo romanzo ti segna nel profondo e non ti lascia più. Nella lettura entriamo nel mondo, nella testa, nell’ interno di Veronica, ragazza profondamente innamorata, o meglio, profondamente ossessionata. Il suo unico pensiero ininterrotto è: Max! Il suo corpo, le sue mani, la sua lingua, il suo membro. Ogni cellula di Max, entrata nel profondo di Veronica, l’ha segnata, marchiata, è una violenza fisica e mentale. Veronica ormai vive solo per Max, convive con il ricordo del suo corpo, dei profondi piaceri che lui le ha donato... ma, Max non la cerca, non si fa sentire e Veronica cerca in altri ciò che Max le ha conficcato nell’ anima. Veronica prova, giorno dopo giorno, corpi dopo corpi, prova a sentire quelle scosse, quella scintilla di Max ma, niente, fino a quando Max si fa risentire, e Veronica ricade nell’estasi del suo Max. Abbiamo capito però che, Max così come arriva va’ via, e la nostra Veronica ricade nel delirio di Max, Max, Max. Veronica comincia a elaborare il pensiero che, forse dovrebbe smetterla con Max, capisce che cercarlo in altri non serve, è solo altro dolore per lei, è una perdita di vita... Max torna, Veronica è combattuta, Veronica capisce che deve riprendersi la sua vita, anzi, si rende finalmente conto che lei è viva! Dopo aver donato anima e corpo, Veronica risorge, forse riesce a vedere la luce, il barlume di speranza che si cela dietro alle dipendenze. Veronica vuole rinascere e vivere, e la speranza si accende in lei. Veronica è mia è un insegnamento, non solo per il sesso, per la facilità delle persone nel viverlo quotidianamente con chiunque, una “svendita” del proprio corpo, della propria anima e della propria vita. È un insegnamento per la fragilità delle donne, degli uomini... delle persone, ci fa capire quanto sia sottile la linea di confine tra realtà e delirio, tra la realtà con sani pensieri, a orrori di ossessioni, ci insegna che è così tanto facile illudersi delle menzogne, anche delle menzogne create dalla nostra stessa mente... i pericoli che si celano nella mente delle persone, nelle nostre menti. È facile perdersi, è facile non rendersi conto, autodistruggersi lentamente, giorno dopo giorno ma, di bello c’è che, è altrettanto facile risalire, aprire gli occhi, vedere! La bellezza della consapevolezza, il riappropriarsi della propria vita. Complimenti Giulia, il romanzo è scritto alla perfezione, la sua ossessione è in ogni singola parola. Veronica è mia è sicuramente un inno alla rinascita.
di Sara Arrow

2.
Il romanzo di Giulia Mastrantoni “Veronica è Mia” non è solo romanzo che trasmette, è romanzo che parla: parla dei contrasti, degli attimi e delle mille sfaccettature di cui è composto l’animo umano. La protagonista, Veronica, è una ragazza che attende ma che spera, una ragazza nel quale si incarnano due valori contrastanti: l’amore e la passione. Non è un semplice romanzo erotico, quello di Giulia, ma una storia nel quale è presente l’elemento essenziale dell’amore che va per poi ritornare, e che spesso si tramuta invece in fiume che scorre liberamente. I pensieri di Veronica sono diretti costantemente verso un’unica persona: Max. Tutto il suo mondo ruota attorno a lui e niente ha la capacità di lasciarlo andare via. E’ proprio per questo che la ragazza si tuffa completamente in storie senza importanza, a volte sfuggendo da sé stessa, a volte sfuggendo da quella realtà che è diventata insopportabile. Ha così luogo una storia senza tempo, in cui non esiste passato, presente o futuro. Il mondo di Veronica diventa un non-luogo conosciuto solo da lei stessa; Max va, per poi ritornare, entra nella mente e scappa ancora, diventando a volte una sfumatura nell’universo. Descrivendo spontaneamente le analisi psicologiche dei personaggi, l’autrice riesce a definire la personalità della protagonista implicitamente, quasi riportandola dinnanzi agli occhi del lettore, come un’opera da ammirare e capire. Un romanzo breve ma dotato di una grande carica emotiva e intensità psichica.
di Stefania Meneghella

3.
Un'ossessione tratteggiata attraverso il flusso di coscienza della protagonista.

Veronica è una ragazza dei nostri tempi, vive in una grande metropoli occidentale. Un giorno incontra Max, un uomo nel cui corpo e nella cui mente riconosce senza incertezze quello che crede essere l'amore eterno. Tuttavia, come Giulia Mastrantoni illustra chiaramente utilizzando una sorta di monologo interiore vicino a tratti a un flusso di coscienza, nel nostro mondo molto di rado le cose vanno come si vorrebbe. Così l'immagine di Max muta, diventa un'ossessione per Veronica. Ne sconvolge l'esistenza spingendola a concedersi sessualmente al di fuori di qualsiasi logica, nel solo tentativo destinato al fallimento di replicare una sensazione e un'esperienza, quelle con Max. Le pagine della Mastrantoni si riempiono di tratti esplicitamente erotici nelle descrizioni, dipingendo gli incontri malinconici ed effimeri di Veronica, bilanciando queste parti con altre in cui l'ossessione per Max, il suo ricordo quotidiano, diventano quasi tangibili, ponendo la protagonista come davanti a uno specchio in cui ogni azione è rapportata a quella possibile o immaginata della controparte. Ed è proprio nel racconto di queste fasi che risiede la parte più solida e forte del romanzo. Il finale lascia aperta la porta alla reazione di questa donna fragile e sconvolta dall'incubo che essa stessa ha costruito e cucito addosso ed è probabilmente il più appropriato. Nonostante, come già detto, raramente nella realtà la forma della luce prevalga su quella del buio.
di Tommaso Versetti

4.
Che dire ... è la prima volta che leggo un romanzo di genere erotico. Ero curioso e ho deciso di avvicinarmi a questo genere scegliendo un romanzo breve. Appunto. Breve, e intenso. La storia non si perde in nessun tipo di narrazione superflua. L'autrice va dritta al punto. Una storia d'amore unilaterale che si snoda senza fronzoli attraverso l'amore e il desiderio di una ragazza completamente succube dell'uomo che ama (o forse sarebbe più corretto dire, che idolatra).
La storia non ha di fatto una trama, ma è più che altro un susseguirsi frenetico di istantanee fatte di sofferenza, sesso, amore e molto altro. L'autrice alterna scene di sesso esplicito a momenti di riflessione della protagonista, riuscendo così a dare un buon ritmo alla storia, che scivola via con naturalezza, dando al lettore la sensazione di arrivare alla fine del romanzo troppo presto. Cosa accadrà alla piccola Veronica ? E che fine farà MAX ? Chi può saperlo, magari Giulia Mastrantoni ce lo rivelerà nel suo prossimo lavoro!
di Alessandro Casalini

5.
L’amore non corrisposto è una minaccia per tutti. Chiunque ha provato almeno una volta nella vita la frustrazione del rifiuto, l’attesa spasmodica di una telefonata che non arriva mai, l’ansia di sentire i propri sentimenti trasformarsi inesorabilmente in un’ossessione malata. Veronica è una di noi, ha un corpo e un cuore che batte dentro di esso, e la prima volta che lo fa in modo assoluto è per Max, il suo primo vero grande amore. Lui la seduce, prende la sua verginità, usa il suo corpo per il proprio piacere, poi come da manuale la scarica scomparendo dalla sua vita. Per Veronica iniziano anni di dolore, la sua mente non riesce a staccarsi dal ricordo idealizzato del suo amore e il suo corpo lo cerca in ogni uomo che le capiti a tiro. Piomba così in un vortice oscuro fatto di incontri occasionali, sesso a tre, rapporti brutali e privi di emozione in cui il suo corpo diventa l’oggetto del piacere altrui senza più tenere conto di quello proprio. Tutto, pur di dimenticare Max. Perché a detta della protagonista, la sua mancanza è più sopportabile mentre un uomo, uno qualsiasi, la possiede. Sembra un baratro senza fondo, ogni volta che Veronica sente di iniziare la risalita Max si fa sentire proponendole incontri che finiscono sempre con rapporti sessuali che la fanno ricadere sempre più in basso. Passano mesi, anni, e nulla cambia. Anzi, tutto peggiora sempre di più. Un barlume di luce arriva dall’incontro con un ragazzo apparentemente speciale, uno diverso dagli altri, in grado di rispettare Veronica facendole provare un piacere che credeva di aver perduto per sempre, e che per la prima volta dopo tanto tempo saprà dare a lei l’illusione di sentirsi ancora speciale e in grado di provare amore per qualcuno. Ma si tratterà soltanto di un’illusione, anche questa volta. “Veronica è mia” è un romanzo intenso, sensuale, con forti tinte erotiche e un linguaggio a tratti brutale. Uno specchio dei tempi, del consumismo dei rapporti, della vittoria del corpo sull’anima, dell’aridità dei sentimenti che dilaga ovunque nella nostra società. Ma è anche un monumento all’autostima, all’amore per se stessi, senza il quale non è possibile uscire dall’abisso nel quale ognuno di noi, almeno una volta nella vita, è caduto perdendo di vista se stesso.
di Giovanni Lucchese

Della stessa autrice

Misteri di una notte d'estate (Paperback Edition), Montag Edizioni, maggio 2015

Per la collana in e Book Short Tales

Traduzioni per Babelcube Inc.

I MIEI ARTICOLI




LETTO E RECENSITO




I PODCAST DI RADIOBOOK




About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

1 commenti:

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO