• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Funziona nella città di …" di Gilberto Cavallina, recensione di Andrea Pistoia

"Funziona nella città di …". Già dal titolo s’intuisce che si è di fronte ad un libro fantasioso ed imprevedibile.
‘Cosa c’è di così fantasioso nel titolo?’, mi chiederete voi.
In primis, "Funziona" è il nome del protagonista. Senza contare che la città dov’è ambientata la storia si chiama "…" (già, proprio così: "Trepunti").
La trama è alquanto lineare: il protagonista raggiunge questo luogo pronto a risolvere problemi inusuali di persone stravaganti.
L’evoluzione della vicenda si dipana attraverso brevi capitoli tanto veloci da leggere quanto ricchi di situazioni e dialoghi tra l’esilarante e l’ingegnoso.
Per quanto il romanzo sia sostanzialmente il preambolo ad una storia più ampia ed articolata, ciò non toglie che racchiuda già in sé una storia ricca di trovate e di episodi degni di nota.
Il lettore fa così la conoscenza di personaggi atipici, sopra le righe, i quali interagiscono tra loro attraverso continui botta e risposta filosofici al limite del paradossale e deduzioni talmente folli da risultare perfettamente logiche nel loro paradosso.
Non è tanto la trama in sé che colpisce, quanto la caratterizzazione dei personaggi e le atmosfere oniriche.
Ho trovato lo stile dell’autore affine a quello di Baricco (non per niente è tra i suoi scrittori preferiti), specialmente quello delle sue prime opere:"Oceanomare" e "Castelli di rabbia".
Eppure, rispetto a questi, ho trovato il romanzo di Gilberto più accessibile, diretto e spontaneo, limpido nel suo esporre riflessioni astratte e concetti profondi (che spaziano da quelli con una loro poesia intrinseca, quali "Il buio è il silenzio degli occhi", a considerazioni che strappano un sorriso, come "Se prendo una camera doppia avrò doppia colazione?", a sottili deduzioni, tipo "Max è l’allungativo di Ma?").
In conclusione: un libro veloce da leggere (solo 120 pagine) ma ricco di spunti riflessivi e di episodi tanto originali quanto fantasiosi ad un prezzo veramente irrisorio. Quindi… Cos’aspettate ad acquistarlo?


Funziona-nella-città-di
Qui cominciano le avventure di Funziona, inconsapevole specialista in soluzioni. Arrivato nella città di ... (si legge Trepunti) farà la conoscenza di personaggi come il cuoco zen, l'architetto che progetta ombre e lo spadaccino non vedente. 
Ma i personaggi non sono la cosa più strana della città, dato che l'hotel in cui alloggia è estremamente meritocratico: ogni stanza nasconde un enigma, e ciascun piano è un premio che va meritato. 
Funziona avrà cinque giorni per arrivare in cima all'hotel, scoprire la città di ... e, magari, trovare qualcuno che lo capisca davvero. A cominciare da se stesso. 

"Sorprendente. Ironico, leggero, sottile, demenziale il giusto. Si legge bene, si sorride, si sta meglio."





di Gilberto Cavallina | Fantastico, Umoristico  
ASIN B015KYJWJA
cartaceo 6,99€  Acquista | ebook 0,99€  Acquista


Andrea-Pistoia

Andrea Pistoia
Nasco in una solare giornata di luglio a Vigevano. A dodici anni scoppia l’amore per la letteratura. Affronto la scuola come un condannato a morte. In compenso la mia cultura extra-scolastica cresce esponenzialmente. Dopo due anni vissuti a Londra, torno in Italia come blogger, giornalista, recensore di fumetti e sceneggiatore di un fumetto online per una nota casa editrice. Chitarrista dei ‘Panama Road’, direttore editoriale di una fanzine online.
Ancora e mai più (nelle mutande),

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...