• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Tiziana Viganò: “Banana Latina” di Nicoletta Marinelli e Massimo Mariotti


Banana Latina” di Nicoletta Marinelli e Massimo Mariotti, 2015.

Ogni pagina di questi due libri autopubblicati,Banana Latina” 1 e 2, che raccontano un sogno, un viaggio d’anime, di corpi e di esperienze, è la conferma di un famoso aforisma di Aldous Huxley «la realtà non è ciò che accade, ma ciò che facciamo con quello che accade». Interessanti e avvincenti sul piano razionale, ricchissimi sul piano emozionale, sono libri che si fanno ricordare, che entrano nel cuore e nel cervello, portando ricchezza di pensieri.
Che siate viaggiatori nel vero senso della parola o che siate amanti dei viaggi sulla poltrona di casa, le parole di Nicoletta Marinelli, scrittrice, giornalista e attrice, vi condurranno per settantamila chilometri nel lungo viaggio da El Salvador alla Patagonia Argentina; assieme al marito Massimo Mariotti, fotografo, attore, musicista professore di italiano e chef, e a compagni di viaggio che si alternano durante la narrazione, scoprirete Messico, Belize, El Salvador, Nicaragua, Costa Rica e Panama (nel primo libro); Colombia, Ecuador, Amazzonia, Perù, Bolivia e Argentina (nel secondo libro).
Se il primo libro rispecchia l’entusiasmo ma anche le difficoltà dell’inizio dell’esperienza, il secondo è più maturo e meditativo, con pagine bellissime di riflessione sulla vita, sulla gente, sulla Natura.
La vita si impara viaggiando e questi libri insegnano molto. Paesaggi umani e geografie, uomini e lingue, sociologia e storia, quella raccontata dagli uomini reali, come nell’antica tradizione orale, quando le informazioni passavano di bocca in bocca: tutto sul campo, attraversando difficoltà e acquisendo esperienze.
Viaggiare non è distendersi su un tappeto di petali di rose – come può succedere nelle vacanze rilassanti all inclusive di cui peraltro tutti possono aver bisogno -, ma sapersi adattare alle spine che spuntano numerose in mezzo ai fiori. Belle o brutte le esperienze confluiscono tutte in insegnamenti, possibilità, incontri con la diversità dell’altro in un cammino di crescita che è insieme pulizia spirituale e fisica, che allontana i pregiudizi, gli stereotipi, che apre la mente alla molteplicità del reale.

Viaggiare è una responsabilità! E’ proprio nel viaggio che spesso si incontra se stessi. Tutto quello che sei te lo porti nello zaino: incontri le tue paure, le maschere che porti addosso, il tuo io-bambino. Ovunque tu vada è la tua anima che stai incontrando.

Cambiare orizzonte cambia l’anima, lasciare il superfluo per arrivare all’essenziale non è cosa facile all’inizio, ma lasciare indietro pesi inutili, zavorre materiali o psicologiche, oggetti o bisogni ci rende veramente liberi.
Il gruppo dei nostri viaggiatori assorbe l’energia di tutte le persone con cui viene a contatto, ma piano piano seleziona inconsciamente il buono da quello che si deve scartare, per arrivare a avere veramente solo contatti utili all’anima e al corpo: l’energia positiva degli scambi reciproci cresce con il passare del tempo, il gruppo trova aiuti insperati in ogni difficoltà (e quante se ne presentano ogni giorno!), il dare e l’avere non hanno secondi fini. Assistenza ospitalità generosità lealtà creatività gratitudine protezione sono emozioni che emergono in ogni momento di questo lungo viaggio, in un’armonia di vita che incanta: è un regalo continuo la vita. “La gente è divenuta la nostra guida, la nostra maestra, il nostro angelo custode”.
Ogni volta che incontrano problemi succede poi qualcosa di bellissimo o incontrano gente meravigliosa.
Perché quando si guarda la vita con occhi puri ed energia pulita la realtà assume colori diversi, altri significati e automaticamente richiama energia positiva, in uno scambio reciproco che arricchisce.
Così come in Costa Rica il saluto tradizionale è “Pura vida!”.

«Lo dice la parola stessa. Significa vivere ogni momento, la bellezza della vita, la sua purezza, la quotidianità, il sorriso che ti dona una persona o un momento di solitudine nella natura. Pura vida è vivere in tranquillità e semplicità. Questo non significa non avere obbiettivi per il futuro per crescere. Ma sempre con... con pura vida, con calma e filosofia.»

Ma la libertà, la ricerca di sé, il sogno non sono gratuiti: la gente difficilmente sopporta le persone che vivono una vita soddisfacente, che sono felici: preferisce sapere che non tutto va per il meglio, che ci sono rovesci di fortuna, incidenti di percorso, magari malattie, o peggio... basta guardare la morbosità con cui i mass media propinano disgrazie quotidiane con record di ascolti. Anche il gruppo passa momenti estremamente difficili, faticosi, rinuncia a molte cose, anche agli affetti in nome della sua libertà di scelta: respinge le critiche, l’invidia perfino il rifiuto degli stessi famigliari.
Ma tira dritto per la sua strada, convinto delle sue scelte e delle idee che condivide.
La loro missione ecologista si traduce in uno spettacolo teatrale con pagliacci ecologici “¿Qué onda con la mamá?” che porterà fin nei più remoti villaggi, dove il teatro non arriva mai, un divertimento educativo per grandi e piccini.
Così anche lavorare viaggiando assume una nuova prospettiva.

«Vivere viaggiando mi ha aiutato a dare al lavoro una nuova definizione: ora è un modo per stare a contatto con altri esseri umani. Viaggiare lavorando ti permette di conoscere i paesi in un modo molto diverso. Fare lo spettacolo è per me condividere il sorriso dei bambini, vendere il borsellino riciclato, è la possibilità di incontrare, dare corsi di formazione è un'occasione per fare amici. Quando spostiamo l'attenzione sull'altro tutto cambia. Ora non concepisco più il lavoro per essere ma per stare, stare bene con me stessa e con gli altri. Ho imparato che il lavoro non deve scegliere più per me ma sarò io a scegliere lui e come stare. E ora sono felice di stare in un altro posto!»



Molti paesi scorrono nelle pagine dei libri, diversi tra loro per ordinamento politico, storia, situazione economica e sociale: molto simili per le forti disuguaglianze, per i disastri ambientali, per la pericolosità (soprattutto per il narcotraffico, il riciclaggio, la delinquenza senza controllo e la corruzione). Poi appaiono perle rare come la Costa Rica, dove non c’è povertà, dove l’ecologia è una bandiera da sventolare orgogliosamente, dove c’è pace; o l’arcipelago di San Blas in Panama, dove il popolo Kuna vive come nel passato, isolato dal mondo e appena toccato dal turismo che vorrebbe trasformarlo distruggendo il sistema sociale e l’ecosistema, la solitudine di Mompox, gli altipiani dell’Equador e i fiumi dell’Amazzonia, l’incanto senza tempo del lago Titicaca…
E come dimenticare la mitica Banana! Un furgoncino Wolksvagen giallo di 35 anni d’età che mostra sul muso un enorme naso rosso da pagliaccio: indistruttibile, ricchissimo di esperienze, ha viaggiato in tutto il mondo trasportando i suoi passeggeri come mezzo di trasporto, casa, ufficio. Più che un veicolo è uno stile di vita, con allegria, semplicità e apertura al tutto.

«Ma nel torrente di sentimenti che ci investe quotidianamente quello che non vorremmo dimenticare mai è la gratitudine. Sentirlo ci addolcisce, ci fa ri-conoscere come esseri umani sensibili. Stavolta più che mai dobbiamo ringraziare moltissime persone perché se siamo arrivati fino a qua è stato per l'amicizia e l'aiuto, anche economico, di molte persone....che non ci hanno mai chiamato pazzi, che non hanno mai deriso né criticato il nostro sogno ma anzi, fin dall'inizio, lo hanno appoggiato senza condizioni....
E' grazie a ognuno di loro che abbiamo potuto riunire la somma e il coraggio necessario per continuare il nostro sogno. Ci siamo aperti alla gente e abbiamo trovato una umanità solidale, abbiamo scoperto la compartecipazione umana, abbiamo ricevuto l'aiuto disinteressato di coloro che, senza conoscerti, cospirano affinché tu e l'umanità sia felice. Con queste condizioni tutti noi possiamo arrivare ovunque e realizzare l'impresa più impossibile.»


I due libri di “Banana latina” non si possono perdere: le riflessioni di Nicoletta Marinelli sul viaggio, sulla realtà, sul modo di vedere la vita, arricchiscono e conquistano, portandoci nel contempo a esplorare una parte del Nuovo Mondo con occhi e orecchie nuove, ma nei modi e nei tempi dei grandi libri di viaggi del passato quando tutto era una scoperta meravigliosa e affascinante.
Ci suggeriscono che la felicità va ricercata, ognuno nei suoi modi e con i suoi tempi, perché è un dovere verso se stessi e verso gli altri, che vengono contagiati dal nostro stato: in una tenda accampata davanti all’Oceano o nella propria casa cittadina, in una vita nomade o stanziale, ma sempre a contatto col proprio Essere e con la propria Libertà di Essere, lontani dai condizionamenti di una società infelice, nutrendosi della Natura e della gente semplice del mondo con il suo grande cuore.



Fate le valigie perché quella che vi aspetta è una vera avventura. E' la storia di un viaggio lungo come mezzo mondo: dal Messico all'Argentina.
Vi chiederete: cosa potrà mai fare un furgone in giro per l'America Latina? Sarà un viaggio da avventurieri strampalati dell'ultima ora? Vi garantisco che un furgone può ricamare un sogno. La mappa del viaggio della Banana, a ben vederla, sembra una tela su cui una mano sapiente ha cucito dei ghirigori matti e attorcigliati. 'Le mappe mi piacciono, e mi spaventano', racconta ad un certo punto Nicoletta. Eppure, forse senza accorgersene, in questa sua piccola grande opera vi svelerà i segreti di un ricamo tanto operoso.
Questo libro racconta di magie e vulcani, di nasi rossi e surfisti, nuvole e cicale. Di addii, e di arrivederci. Ci sono persino delle ricette: di cucina, di bellezza e persino per imparare a costruire un collettore solare, per non farsi mancare nulla. Non parliamo poi della miriade di amici che Nico e Massi hanno conosciuto in giro per il mondo, e che conoscerete a breve. Vi smarrirete come neanche in un romanzo russo, ne perderete il conto. Non importa. Il filo ricamato del viaggio della Banana vi porterà a conoscere le loro mille famiglie, e a lasciarle lungo il percorso senza perderle mai. Si fanno delle scelte, nella vita. Lasciarsi alle spalle l'Italia, i parenti, gli amici, è una scelta coraggiosa. La solitudine è forse lo scotto da pagare, ma quel che insegna il mondo è impagabile. Naturalmente in questo libro non c'è solo spensieratezza, ma ci sono anche delle riflessioni coraggiose sull'essere donna, e l'essere madre.

Parte 1: Messico e America Centrale.
Parte 2: Colombia, Ecuador, Perù, Amazzonia, Bolivia e Argentina.


di Nicoletta Marinelli | Biografia di viaggio
ebook 6,99€ Acquista | cartaceo 12,00€


di Tiziana Viganò
Le idee migliori per scrivere, gli incipit e i finali si insinuano nella mia mente in quell’ora del mattino che precede di poco il risveglio, come nella nebbia, mentre sono ben sveglia quando in cucina mi diverto a inventare ai fornelli e sperimentare intrugli con erbe e spezie. Viaggiare è la mia passione e il mondo delle donne sta al centro dei miei interessi di scrittrice.
Come le donne, Editrice Monti.
Milano in 100 parole, Giulio Perrone Editore.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!