• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Una felicità leggera leggera" di Loriana Lucciarini, pag. 69 | #98

pagina-69-una-felicità-leggera-loriana-lucciarini-romance

Una felicità leggera leggera, di Loriana Lucciarini, Le Mezzelane, 2017. Due cuori che s'incontrano trasformando la solitudine in colore.


123 pagine |  ebook 2,99€

Dal diario di Miriam. 18 aprile.
Cosa fai, Yair? Così mi spiazzi. Perché ora che mollo la presa su di te, ora che non sono più aggrappata tenacemente a questa storia e che mi allontano, ti fai sentire di nuovo? Ti manca la mia presenza? Ti manca il mio disperato bisogno di te? Il sentirti indispensabile?
Non sei mai tu a trattenermi, fai solo in modo che io non ti molli. Perché fai così?
Non volevi una cosa occasionale? Non volevi “niente che interferisse con la tua esistenza”?
Non riesco a capire, ma in fondo non voglio farlo. Ora devo concentrarmi su quello che desidero io. Sono come tu mi hai voluta. Ora vediamo se questa Miriam ti basta. L’altra Miriam, quella che faceva fatica a contenere il sentimento verso di te, la Miriam che ti dedicava teneri attimi di sensibilità, che ti apriva il suo cuore e la sua anima ai ricordi, che ti scriveva lettere chiedendo di avere frammenti sparsi di te, si è stancata. Certo, a te faceva comodo prendere senza mai dare. Mi chiedo come potevi pensare che una cosa così potesse durare e quanto ancora io avrei potuto farmi bastare l’amore che provavo, senza riceverne da te, per trarne forza. Quella Miriam non c’è più.
Non l’hai voluta in modo completo e allora prenditi il niente che ti offre: una Miriam vuota... A te, son certa, andrà bene anche così, magari non noterai neanche la differenza. Peccato. Non sai quello che ti perdi, oppure lo sai e non ti importa.

22 aprile.
Di solito non uso strategie, questa però la seguirò punto per punto, perché in fondo mi tutela; non tronca i rapporti, lascia spazio al destino e mi dà tempo per riflettere e capire.
Quindi non ti cercherò più, sparirò per un po’, farò in modo di sembrare occupata a far altro quando ci incontreremo, ma tutto ciò dovrà apparire casuale, per non metterti in allarme.
I probabili risultati (a rigor di logica) saranno questi: se davvero ne avrai voglia mi cercherai, intanto io riprenderò fiato, per ritrovare un po’ di equilibrio. Se tieni a me, percepirai il rischio di perdermi.

~ 69 ~

Quarta di copertina
"Una felicità leggera leggera" di Loriana Lucciarini.

Una donna piena di sfumature. Un uomo chiuso nel suo mondo grigio e spento. Due cuori che s'incontrano trasformando la solitudine in colore.
Ma fino a che punto l'amore può diventare la ragione per tradire?
Quanto i legami e le paure possono impedire a Miriam di raggiungere quel pezzo di cielo che tanto desidera?
Un romanzo intenso e delicato, capace di scavare a fondo nell'anima, restituendoci squarci di emozioni inchiostrate di parole.

Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...