Gli scrittori della porta accanto

Recensione: I barbari, di Alessandro Bricco

Baricco fa nel 2006, una cosa strana, che mi è sembrata molto moderna. Stampa, per Universle Economica Feltrinelli, una raccolta di articoli usciti con la Repubblica, dal titolo “I Barbari”. Baricco, ogni cinque giorni pubblicava una puntata che poi ha raccolto e dato alle stampe così come erano apparse sul quotidiano. In totale trenta puntate che una ad una, lette velocemente al bar, erano come una chiacchierata sul nostro mondo e che, dentro un libro, nonostante si tratti della stessa cosa, assumono nuova autorevolezza, diventando “un saggio”, cioè, come dice Baricco, “un tentativo di pensare scrivendo”.
Chi sono alla fine i nuovi barbari, i saccheggiatori, senza violenza, della società?
Ad esempio, Baricco parla del vino: gli americani, dopo la seconda guerra mondiale, si portano a casa il ricordo del vino Italiano e Francese, e cominciano a produrre un vino Americano che invaderà il mondo, venduto in Cambogia, Egitto, Messico. Il calo della qualità coincide con l’aumento della quantità. È una parola forte, diciamolo piano, vino da barbari.
Altro esempio di barbarie per Baricco, l’entrata di enormi quantità di denaro nel mondo del calcio. E il calcio perde l’anima, deve rispondere a qualcos’altro, alle TV a pagamento. Un'immagine della barbarie diventa, ad esempio, Roberto Baggio in panchina, lo sport che non fa scendere in campo il suo punto più alto, il talento, l’artista anche irrazionale, forse perché oscura qualche allenatore o non va bene a qualche potente.
Ecco, qualche esempio. Ma in questo libro, nel nostro mondo moderno più o meno saccheggiato, c'è molto di più: i libri, google, la musica...
Cosa vale la pena e cosa riusciamo a salvare nel passaggio da una generazione all’altra?






"Dovendo riassumere, direi questo: tutti a sentire, nell'aria, un'incomprensibile apocalisse imminente; e, ovunque, questa voce che corre: stanno arrivando i barbari. Vedi menti raffinate scrutare l'arrivo dell'invasione con gli occhi fissi nell'orizzonte della televisione. Professori capaci, dalle loro cattedre, misurano nei silenzi dei loro allievi le rovine che si è lasciato dietro il passaggio di un'orda che, in effetti, nessuno però è riuscito a vedere. E intorno a quel che si scrive o si immagina aleggia lo sguardo smarrito di esegeti che, sgomenti, raccontano una terra saccheggiata da predatori senza cultura. I barbari, eccoli qua. Ora: nel mio mondo scarseggia l'onestà intellettuale, ma non l'intelligenza. Non sono tutti ammattiti. Vedono qualcosa che c'è. Ma quel che c'è, io non riesco a guardarlo con quegli occhi lì. Qualcosa non mi torna."






di Alessandro Bricco  | Feltrinelli  Saggio  
ISBN 978-8807883033 cartaceo 7,23€  Amazon  | ebook 5,99€  Amazon   



Angelo Gavagnin


Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla NEWSLETTER SETTIMANALE per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Oppure potresti offrirci UN CAFFÈ o sostenerci acquistando i GADGET ispirati ai nostri libri. Te ne saremmo davvero grati!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo, il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Tuttavia, verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti a insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Parole chiave


Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Repubblica Dominicana




Libri in evidenza