Gli scrittori della porta accanto

L'elefante è già in valigia, di Paola Casadei

L'elefante è già in valigia di Paola Casadei, Lettere Animate, 2015.

L’elefante è già in valigia narra la storia di una famiglia di origini italiane che ha trascorso tantissimi anni in Africa, e che d’un tratto è costretta a trasferirsi in Italia. Il punto di vista si alterna spesso fra le due figure femminili: Carlotta, 16 anni, e Giulia, sua madre. Gli altri componenti della famiglia sono Pierre, marito di Giulia, e Giacomo, figlio adottivo di entrambi.
La storia si alterna fra presente e passato, con numerosi flashback che svelano gli antefatti e le esperienze di vita fra i diversi Paesi africani in cui i protagonisti hanno vissuto, soprattutto Mozambico e Sudafrica. Dopo il trasferimento in Italia, la famiglia si ritrova in un mondo che, per quanto “vicino” in termini genetici, è lontano anni luce dalla vita trascorsa nel continente a sud dell’Europa. Per Carlotta la difficoltà maggiore consiste nel doversi ambientare in una cittadina caotica, fatta prevalentemente di bianchi (e di razzismo nei confronti dei neri) e di ricordi che non le appartengono; tutto esprime estraneità, a partire dal Natale fatto di neve, maglioni e camini accesi (laddove invece in Sudafrica il Natale è sinonimo di calore ed estate). Per Giulia, sua madre, il problema è riadattarsi a una cultura lasciata alle spalle per tanti anni; a delle persone abbandonate e ritrovate; a una vita frammentata.
Ciò che colpisce di questo testo, a metà fra un romanzo, un diario di viaggio e un memoir, è l’introspezione culturale, la volontà di scandagliare e “vivere” la cultura africana. Dal breve scambio di battute con l’autrice ho saputo che lei e il suo compagno hanno vissuto per 12 anni in Africa: e si vede, gli odori e le sensazioni del continente nero trasudano in ogni pagina, in ogni riga, in ogni aneddoto. Personalmente è ciò che intendo quando affermo che un romanzo dovrebbe essere ambientato solo in luoghi ben conosciuti, altrimenti si perde la genuinità del tutto. È lodevole inoltre l’idea di narrare dei problemi dell’Africa: le guerre, le conseguenze del colonialismo europeo, la corruzione, la droga, le malattie, l’apartheid sudafricana. Sono tutti elementi fortemente caratterizzanti e di cui il romanzo è pregno.
Anche troppo, direi. E qui arriviamo alle note un po’ dolenti del testo: la prolissità e la ripetitività. Mi è già capitato di leggere romanzi e racconti pubblicati da Lettere Animate, una casa editrice giovane e intraprendente ma che non spende molti sforzi nell’editing e nella cura del testo. Questo è un romanzo che, se accuratamente lavorato, potrebbe dare molto di più, e conservare il suo spirito intatto anche dopo un trattamento “snellente”. Molte pagine sono dedicate ai ricordi, alla malinconia, alla tristezza della partenza: ma si potrebbero esprimere diversamente questi concetti, magari, appunto, rendendo il tutto più scorrevole.
Altro elemento problematico sono i continui refusi, non ortografici quanto in termini di punteggiatura. Alcune parole a volte sono scritte con iniziale maiuscola a volte minuscola; i dialoghi a volte hanno il punto dentro i caporali, a volte li hanno fuori; ci sono spazi ripetuti, e così via.
Insomma, per concludere, questo è un testo di cui consiglio la lettura, sapendo sin dall’inizio che non è un romanzo d’azione, quanto piuttosto di riflessione.
Ma un consiglio (indiretto) che voglio dare a quelli di Lettere Animate è: investite di più sui vostri testi, perché correte il rischio di mandare in commercio dei prodotti un po’ grezzi (come qualsiasi testo è prima dell’editing).



L'elefante è già in valigia

di Paola Casadei
Lettere Animate Editore
Narrativa di viaggio
ISBN 978-88-6882-318-4
cartaceo 15,00€
ebook 1,99€

Sinossi

Carlotta è una ragazza molto sensibile, ha 16 anni e dopo una vita trascorsa in Africa - Senegal, Sudafrica, Mozambico (suo padre Pierre è medico epidemiologo, sua madre Giulia è veterinaria) - si trasferisce questa volta in Italia, in una città piuttosto chiusa e borghese del centro nord. Finora ha studiato nel sistema scolastico francese, nella sua scuola erano rappresentate almeno 30 nazionalità diverse. Da 10 anni ha un fratello, che ora ha 11 anni, Giacomo, Nelson di secondo nome, come Mandela : un piccolo africano adottato. La passione di Carlotta per la fotografia le ha riempito la casa di foto di tutta la loro vita in Africa, e in ogni momento di difficoltà le guarda da sola o con Giacomo, e le mostra alle persone più care, per farsi forza e vincere le difficoltà del rientro e dell’inserimento nella società e nella scuola. Lentamente, nel corso di tutto un anno, riesce ad ambientarsi, a sentirsi più leggera, a vincere paure tenute nascoste in un cassetto della scrivania, e tutto questo grazie ad una famiglia premurosa ma non ossessiva, a Skype che permette il contatto con le amiche sparse per il mondo, e anche ad un compagno di scuola, Filippo, che piano piano prenderà un posto sempre più importante nella sua vita fino ad essere invitato per un viaggio in India, vicino ai luoghi dove Pierre deve ancora lavorare prima di aprire il suo maneggio in Italia e abbandonare la cooperazione internazionale. Il viaggio è stato organizzato da Pierre per invitare la moglie a conoscere il suo lavoro in questo o questi anni di transizione, e per permettere a sua figlia di rivedere una delle sue amiche, partita a vivere in Asia controvoglia..
.
David Valentini
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Oppure potresti sostenerci acquistando tazze letterarie, magliette, borse di tela, borracce e puzzle ispirati ai nostri libri o semplicemente offrirci un caffè. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti a insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità