Gli scrittori della porta accanto

Social e media: dal burkini al bimbo sull'ambulanza, notizie e riflessioni da spiaggia


Il bombardamento di social e media: cani in spiaggia, burkini, IS, guerra, immigrati e governo. Riflessioni sotto l'ombrellone: tutte valide o tutte sbagliate?

Strano ferragosto, stimolati di continuo da emozioni opposte e tutte valide o tutte sbagliate.
Leggo su Repubblica Paolo Flores d'Arcais che ragiona sul burkini ed è contrario a concederne l'uso e mi trovo d'accordo, interessanti e convincenti le sue argomentazioni. Subito di fianco un'altra firma dello stesso giornale che sostiene il contrario, supportata dal concetto di libertà individuale, ognuno si veste o sveste come vuole. Come non essere d'accordo. Gara sui media per mettere foto a supporto dell'una o dell'altra tesi. Donne in burkini felici e sorridenti, in effetti meglio che stare a casa; suore al mare vestite da suore, come dire: anche l'occidente ha il suo burka. Paragone improponibile ed ebete ma sui social ci sta tutto.
I cani in spiaggia, che problemi ci sono? Ci sono persone che si comportano peggio di animali: bottiglie di plastica, cicche sulla sabbia. Hanno ragione, perché no anche il cane? Ma non è igienico se per sbaglio fa la pipi, i bambini si siedono sopra col culetto santo. Hanno ragione anche gli anti cani sulle spiagge. Tra l'altro, ho appena visto un cagnolino defecare vicino a un castello di sabbia, sopra una boccia gialla, il padrone ha fatto no con la testa e se n'è andato.
Tutti a protestare perché ci sono i venditori sulle spiagge e tutti a comprare cazzate a prezzi ridicoli.
Come si fa a combattere l'IS senza bombardare? Poi siamo giustamente distrutti per la foto del bimbo sull'ambulanza e non ci passa certo per la mente che almeno lui si sia salvato e avrà una probabile buona vita, è famoso, lo vogliono tutti.
Sento parlare Renzi: però neanche male qualcosa ha fatto questo governo. Poi incappo su Di Battista che smonta tutto e lo insulta... come ha ragione.
Siamo sbattuti da un sentimento all'altro, è meglio il giorno o la notte, il caldo o il freddo.
Ancora in spiaggia vedo una signora che cammina tranquilla senza reggiseno avrà avuto la sesta e la figlia di otto anni, totalmente piatta col reggiseno. Che ci sia invece bisogno del reggisenno?
Ferragosto terribile per il mio cervello, sono confuso, continui cambi di emozioni. Poi, in auto, sto guidando e mia moglie in un momento tenero mi dice: "caro, non cambiare mai".
Ho fatto 30 chilometri in prima.


Angelo Gavagnin
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità