Gli scrittori della porta accanto

Le merende di Pasquetta

Le merende di Pasquetta

Lifestyle Di Francesca Gnemmi. La Pasquetta: un'occasione per trascorrere qualche ora in mezzo alla natura, tra grigliate in compagnia e picnic sui prati e sulle spiagge.

Insieme alla Primavera arrivano anche le festività. La Pasqua, oltre alla ricorrenza religiosa, è ancora oggi un insieme di usanze e ricette tradizionali: lunghi pranzi elaborati da assaporare seduti a tavola in famiglia. La Pasquetta però è tutta un’altra storia…
La giornata è sempre più spesso dedicata convivialità all’aria aperta. Nonostante per tradizione il meteo non sia l'alleato migliore delle merende del Lunedì dell’Angelo, gli italiani non rinunciano alle grigliate in compagnia, alle scampagnate o pic nic sui prati o sulle spiagge insieme agli amici o in famiglie. Qualsiasi sia la scelta fatta, l’importante è trascorrere qualche ora in mezzo alla natura, dimentichi del traffico, il cemento delle città e le costrizioni degli spazi chiusi.

Da qualche anno le occasioni per unire cultura e plein air non mancano.

Molteplici sono in giro per l’Italia i castelli e i musei che organizzano eventi nel giorno di Pasquetta. Visite guidate, giochi e cacce al tesoro per grandi e bambini seguite da gustose merende.
Le tradizioni enogastronomiche differiscono di regione in regione ma ovunque tengono in considerazione la stagionalità dei prodotti. Uovo di cioccolato e Colomba pasquale presenti su ogni tavola ma ogni cestino contiene prelibatezze diverse e originali, a seconda dei gusti delle cuoche e dei desideri degli invitati. Per citarne alcune: la Torta Pasqualina di spianaci, ricotta e uova, il Casatiello napoletano, lievitato partenopeo dal ripieno generoso da preparare utilizzando anche gli avanzi del pranzo di Pasqua, l’insalata di puntarelle fresca e saporita o ancora la frittata con gli asparagi o le erbe aromatiche. Dolci fruttati alle fragole fresche o tradizionali ai formaggi o al cioccolato completano sfiziosi pic nic.

Il profumo della carne alla griglia inonda giardini e cortili, facendo venire appetito.

Costine di maiale abbrustolite, braciole croccanti e spiedini misti e colorati rallegrano i piatti, rigorosamente di plastica. Salamelle e wurstel pronti per farcire panini faranno la felicità dei più piccoli. Nelle zone di mare, i fuochi vengono accesi per grigliare il pesce fresco e i sapori mediterranei abbondano sulle tovaglie stese a terra. Spaghettate, calici di vino e frutti di mare appena pescati per i palati più fini.
In ogni caso in questi giorni di festa non si bada alla dieta, ma ai sorrisi e alle risa.
Curiosità. Pochi lo sanno ma la scelta delle famiglie di trascorrere questa giornata fuori città è legata a un’antica tradizione che affonda le sue radici nel passo evangelico in cui Gesù appare ai discepoli sulla strada di Emmaus, a pochi chilometri da Gerusalemme.


Torta rustica

  • 300 g di patate lesse
  • 500 g di farina 00
  • 1 cubetto di lievito
  • 150 g di burro
  • sale
  • 2 uova
  • 200 g di prosciutto cotto
  • 1 confezione di wurstel
  • 2 mozzarelle medie
  • 3 sottilette

Dosi per: 4 persone. Difficolatà: facile. Preparazione: 70 minuti. Cottura: 30-35 minuti. Forno: 180°.

Lavare le patate e lessarle in abbondante acqua salata. Scolarle e ancora calde pelarle e passarle allo schiacciapatate.
Disporre la farina a fontana sulla spianatoia, sbriciolare il lievito e aggiungere le patate.
Sciogliere a bagnomaria il burro e unirlo alla farina, poi aggiungere il sale. Sbattere le uova e impastare il tutto. Lavorare l’impasto per 10 minuti circa (deve risultare compatto).
Cuocere i wurstel al vapore, nel microonde o in padella e tagliarli a rondelle.
Dividere poi l’impasto in due panetti, uno più grande dell’altro. Stendere con il mattarello quello più grande e ottenere un cerchio di circa 30 cm.
Foderare una teglia con carta forno e adagiare il primo cerchio. Farcirlo con i wurstel, il prosciutto cotto, le mozzarelle a pezzetti e le sottilette.
Stendere il secondo panetto e adagiarlo sul primo. Chiudere bene i bordi e bucherellare la superficie con una forchetta.
Far lievitare per un’ora e mezza.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 30/35 minuti circa finché non sarà dorata.

Le merende di Pasquetta
Di Francesca Gnemmi per www.gliscrittoridellaportaaccanto.com





Francesca Gnemmi
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità