• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Francesca Gnemmi, autrice di "Il tempo delle lucciole"

Francesca Gnemmi



Sono nata e cresciuta a Novara, vivo nei pressi della città insieme alla mia famiglia. Mamma di due bambini, mi dedico alla scrittura per passione: poesie, favole e novelle ambientate nel dopoguerra. Affascinata dai racconti che ascoltavo quando ero bambina, ho sempre amato immedesimarsi nelle parole dalla nonna, in un periodo storico difficile, in una famiglia che, nonostante l’amore, nascondeva una profonda sofferenza.
Il tempo delle lucciole, il mio primo romanzo storico, è edito da Silele edizioni da settembre 2015.
Amo vivere all’aria aperta, dedicandomi alla cura di orto e giardino. Circondarmi di bambini e trasmettere loro l’amore e il rispetto per la natura e gli animali, lasciando che a loro volta mi ricordino come essere spensierata e sognatrice di piccole cose.
Rammento con lieve nostalgia i viaggi compiuti prima di avere famiglia, nella speranza di ricominciare presto a esplorare il mondo. Nel frattempo ho imparato a scovare gli angoli più caratteristici e suggestivi d’Italia, che meritano gli stessi riguardi dei Paradisi lontani.
Mi diletto in cucina con discreto successo e ancora di più apprezza stare con “le gambe sotto il tavolo”.
Scrittura, lettura, viaggi, botanica, gioco o cucina: sempre di creatività e scoperta si tratta.
Recensore | Redattrice






Il tempo delle lucciole

Editore: Silele Edizioni
Genere: Romanzo storico
ISBN: 978-8899220198


Costo cartaceo 17,00€

Amazon








1915 l'Italia entra in guerra.
Tre anni di scontri che lasceranno profonde cicatrici nel nostro paese, famiglie distrutte, altre riunite.
Un uomo stanco e provato si ferma davanti al cancello di casa Montali, nella pianura parmense; scorge una bimbetta dallo sguardo vivace e l'espressione curiosa. Riconoscerebbe quegli occhi ovunque. Emma sa che quello è il suo papà, assomiglia un poco alla fotografia che sua madre le mostra quando parla di lui. Corre ad abbracciarlo, per la prima volta.
Tra i due nasce un rapporto esclusivo, che nel tempo si trasformerà in conflitto. Una battaglia silenziosa e dolorosa tra un padre padrone e la sua unica figlia, che segnerà la crescita di una giovane donna, forte e determinata a proteggere se stessa e sua madre, per ritrovare il sorriso e il suo posto nel mondo.



I MIEI ARTICOLI




LETTO E RECENSITO




About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...