• Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano oggi

Canne al vento, di Grazia Deledda

Canne al vento, di Grazia Deledda - Recensione, Libri, Scrittori

Libri | Recensione di Ornella Nalon. Canne al vento, di Grazia Deledda, Mondadori, 2012. Una terra aspra, in cui i miti e le leggende segnano il corso della vita della sua gente.

Tre sorelle nubili, di nobili origini ma oramai ridotte in povertà, posseggono solo un piccolo podere da cui ricavano il loro sostentamento, una grande casa quasi diroccata e la fedeltà totale e incondizionata di un vecchio servitore: Efix. La storia si svolge nel paesino di Galte, situato sulla costa tirrenica della Sardegna, nei primi anni del millenovecento.
Ruth, Ester e Noemi Pintor, trascorrono le loro giornate con la solita monotonia, oramai rassegnate a non trovare marito e sempre più provate dal loro stato di indigenza. A portare una ventata di novità, sarà l'arrivo di Giacinto, il nipote sconosciuto avuto dalla sorella Lia, l'unica a trasgredire gli ordini ferrei del padre/padrone e a scappare di casa per raggiungere il “continente”. Lia ha rappresentato un grande disonore per tutta la famiglia e da nessuno dei suoi membri è mai stata perdonata.
La comparsa di Giacinto, rimasto oramai orfano, è vista come una fonte di grande imbarazzo da parte delle zie e come una benedizione da Efix, il quale vede in lui un virgulto di rinascita per la casata. Tuttavia, il sentore delle donne dell'arrivo di nuove calamità si rivela un'intuizione.
Il ragazzo, se pur mosso da buone intenzioni, si dimostra fatuo e immaturo e sarà fonte di nuovi problemi anche se, alla fine, riuscirà a riscattare la sua figura e a portare un po' di pace nella sventurata famiglia. E proprio quando questo avviene, il fedele servo muore, ma la sua dipartita è serena poiché ha ottenuto ciò che voleva ed è aiutato, nel trapasso, dalle cure amorevoli di una delle sue padrone.

Di fatto, Efix è il personaggio cardine del romanzo. Gran parte della storia verte su di lui, sulle sue emozioni, i travagli interiori, le sue paure, le speranze, le fantasie e le sue azioni. 

La sua assoluta fedeltà alle donne Pintor sembra esagerata, ma durante lo svolgimento della trama si viene a sapere che in gran parte è dovuta a un forte senso di colpa. Se pur non intenzionalmente, ha causato la morte di Don Zame, il capofamiglia, mentre in preda ad un'ira furibonda, cercava di inseguire la figlia scappata di casa. Nessuno mai lo verrà a sapere, ma la sua coscienza non gli dà tregua e sembra tacere soltanto quando annulla la sua personalità in funzione del bene della famiglia. Una persona umile Efix, così come lo sono quasi tutti i protagonisti di Canne al vento. Lo è Giacinto che approda sull'isola senza arte né parte, lo è Griselda, chiesta in sposa dallo stesso, che si sente impegnata anche quando lui scappa da Galte per cercare di ricostruirsi un futuro in un'altra città. Dimessa è anche Kallina, l'usuraia, che trascorre le sue giornate in cortile a filare e Zuannantoni che suona la fisarmonica per alleviare le sue pene e quelle altrui.
Tutta gente che accetta il suo destino stoicamente, con rassegnazione, così, come le canne si piegano inesorabilmente al vento, ma che poi sono pronte a rialzarsi appena questo si smorza.
Con una scrittura semplice e fluente, Grazia Deledda racconta di eroi nel loro essere forti di fronte alle avversità della vita, alla loro fragilità, alla consapevolezza di un destino già segnato.
Racconta di una terra affascinante e aspra, piena di miti e di leggende che interagiscono con la vita dell'uomo, segnando profondamente il suo corso.
Descrive la sua terra con abbondanza di particolari e la sua storia con dovizia, tanto che i suoi libri possono quasi assumere la funzione di testo storico.
E sta proprio in questa caratteristica, a mio avviso, la sua maggiore forza.


Canne al vento

di Grazia Deledda
Mondadori Editore
Narrativa classica
ISBN 978-8844031916
Cartaceo € 8,90€ - Newton Compton 2016
Ebook 2,99€

Sinossi
Unica donna insignita dal Nobel nell'ambito della letteratura italiana e autrice di più di cinquanta volumi tra romanzi e novelle, Grazia Deledda è forse ancora tutta da scoprire, un po' come la sua Sardegna. "Canne al vento" è in questo senso un'opera esemplare: induce, già nel titolo, un'inconfondibile immagine dell'aspro ed essenziale paesaggio dell'isola, ma evoca nel contempo l'immagine universale, "biblica" dell'uomo, fragile e oscillante creatura battuta dalla sorte, ma sempre tentata da un confronto diretto con la forza potente di una misteriosa Giustizia. Forse, dopo aver letto il romanzo, molti lettori avranno come l'impressione che in Sardegna non si va, ma dalla Sardegna si viene.




Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra, 0111 Edizioni.
Una luce sul futuro, StreetLib collana Gli scrittori della porta accanto.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO