• Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Noi e il 68
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Maria Giuseppina Pennarola presenta: L'ombra della fiamma

Maria Giuseppina Pennarola, L'ombra della fiamma - Libri, gli scrittori della porta accanto

Presentazione Libri | Intervista a cura di Silvia Pattarini. L'ombra della fiamma, di Maria G. Pennarola, 0111 Edizioni, 2017. Un viaggio dal nord al sud Italia, tematiche più o meno delicate narrate in modo fantasioso, la disperazione del protagonista braccato da delinquenti.


L'OMBRA DELLA FIAMMA

di Maria Giuseppina Pennarola
0111 Edizioni
Giallo
ISBN 978-8893701471
cartaceo 12,32€
ebook 3,99 €

Ferragosto di un anno imprecisato.
La sera in cui Riccardo torna a Milano dalla Polonia, dove lavora da anni, degli sconosciuti entrano in casa, mentre lui all’ultimo momento riesce a nascondersi. La moglie Francesca, che ha assistito a distanza alla scena grazie alle telecamere di sicurezza, intuisce che Riccardo è in pericolo e crede di sapere cosa vogliono gli intrusi, quindi suggerisce al marito di rifugiarsi a casa di suo padre, un giudice in pensione che ora vive sulla costiera amalfitana.
Nel suo viaggio verso sud, tra terre di nessuno, piccoli feudi ipertecnologici e mercatini abusivi, Riccardo scopre una realtà trasfigurata dalla crisi, cui le persone sono ormai assuefatte. Braccato dai delinquenti che si erano introdotti in casa e tormentato dal sospetto che Francesca gli stia nascondendo qualcosa, quando tutto sembra volgere al meglio, Riccardo apprende una notizia che lo getta nella disperazione. Una disperazione che non tocca Francesca, che forse ha davvero mentito a tutti fino a quel momento.


L'autore racconta



Buongiorno Maria Giuseppina Pennarola, benvenuta! Come è nata l’idea di questo romanzo? È nata prima la trama o prima il titolo?
L’idea è nata nell’estate 2016, quando per motivi di lavoro sono rimasta in città tutta l’estate. Il 2016 è stato l’anno dopo l’Expo, quando la crisi economica si è manifestata anche a Milano, che tra “installazioni” e orde di turisti di tutte le nazionalità, fino ad allora sembrava averla scampata. Invece, una volta chiuso il sipario, la magia è svanita, i tanti locali e localini spuntati come funghi nei mesi precedenti, hanno iniziato a chiudere uno dopo l’altro. Ad agosto, che è il mese della desolazione per eccellenza, sembrava fosse appena stata sganciata una bomba nucleare.
Da questo scenario è nata l’idea, la trama è scaturita naturalmente dalla penna, o meglio dalla tastiera del computer, mentre il titolo è stato frutto di diversi ripensamenti.

Che target di pubblico ambisci conquistare?
Oddio, al target non ci pensavo mentre scrivevo, più che altro sentivo impellente la necessità di raccontare una storia. A cose fatte penso sia un libro un po’ per tutti i gusti: c’è un po’ di suspense, un po’ di musica, dei gatti e tanti aneddoti.

Qualcuno ha affermato che lo scrittore è un “ladro di vite”. Per creare i tuoi personaggi hai “rubato” la vita a persone di tua conoscenza? Quanto c’è di autobiografico e quanto di romanzato in L'ombra della fiamma?
Come anche precisato all’inizio del libro, è tutto frutto di fantasia; come si dice? “Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale”. Ma è inevitabile che ci sia molto di mio come l’amore per la musica e per i gatti, d’altra parte è sempre meglio parlare di argomenti che si conoscono.

Presentazioni e Caffè Letterario Leggi altre Interviste di Silvia Pattarini

Concordo pienamente. I luoghi del romanzo: dov’è ambientato L'ombra della fiamma? Si è reso necessario un lavoro di ricerca per descrivere gli ambienti e i paesaggi o non è stato necessario? Hai scelto queste location per necessità, per moda o per altri motivi?
L’ombra della fiamma racconta di un viaggio attraverso l’Italia da nord a sud. Il viaggio è un pretesto per svelare al lettore e al protagonista, da tempo lontano da casa, cosa è successo nel frattempo e come si è trasformata la società.
A parte la località della costiera amalfitana, che mi sono inventata di sana pianta, la maggior parte delle tappe di Riccardo sono luoghi a me familiari e che amo molto, altri invece sono stati inseriti, diciamo così, per “esigenze di copione”, ma in questi casi mi sono limitata a descrizioni sommarie.

Un proverbio svedese cita così: “in un buon libro la cosa migliore è fra le righe”. Tra le righe è celato qualche messaggio particolare o il tuo obiettivo è esclusivamente quello di intrattenere piacevolmente il lettore?
L’ipotesi sullo scenario economico-sociale prossimo futuro non è neanche tanto fra le righe, non svelo nulla se dico che è il secondo protagonista della storia. Poi c’è un altro messaggio, che è anche il motivo per cui ho scelto questo particolare titolo. Ma non voglio influenzare i miei futuri lettori, in fondo ciascuno ha il diritto di capire quello che vuole.

Le recensioni sono la speranza e il cruccio di ogni autore. Secondo te, Maria Giuseppina, i potenziali lettori leggono le recensioni o, si affidano all’immagine di copertina o alla sinossi? O a tutte queste cose insieme?
Non sono sicura che le recensioni riescano a influenzare le scelte dei lettori, perlomeno non le mie. Tuttavia rappresentano uno dei modi di “far girare la voce”, come minimo di far sapere che il libro esiste. Se poi il libro ha la fortuna di comparire negli scaffali di una libreria, una copertina accattivante ha il potere di attirare l’occhio del potenziale lettore che lo prenderà in mano, leggerà la sinossi e capirà se quella è una storia che gli può interessare.

Per concludere, sei fiera di ciò che hai scritto?
I complimenti uno non se li deve mai fare da solo, però se me lo chiedi… sì, non posso negarlo, ne sono soddisfatta.

Allora te li faccio io: complimenti! Grazie Maria Giuseppina Pennarola per essere stata con noi, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.
Silvia Pattarini

Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO
#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram