Gli scrittori della porta accanto

Monologo da Giorni felici, di Samuel Beckett

Monologo da Giorni felici, di Samuel Beckett - Teatro

Palcoscenico Di Tamara Marcelli. Il monologo teatrale di Winnie, dal dramma in due atti del 1961 Giorni felici, di Samuel Beckett. «Un'ennesima straordinaria esplorazione beckettiana della vita, ai margini della follia.»

Giorni felici, di Samuel Beckett, Einaudi 1997  cartaceo 8,50€

Samuel Beckett. Dublino 13 aprile 1906 - Parigi 22 dicembre 1989.
Scrittore, drammaturgo, sceneggiatore irlandese, rappresentante del "Teatro dell'assurdo", genere teatrale e filosofico che rompe gli schemi del costrutto drammaturgico razionale, che scombina i naturali percorsi logico-mentali. Gli eventi, i dialoghi, i pensieri dei protagonisti si susseguono in maniera scomposta, apparentemente senza alcun filo che li leghi. In realtà quel filo, seppur labile e sottilissimo, esiste, nascosto tra una emozione e una tragica risata. L'inazione diventa il fulcro della condizione umana espressa con continue e granitiche metafore che rendono il dramma quasi intellegibile. Nel teatro beckettiano le parole stridono contro l'immagine.
Samuel Beckett scrisse romanzi, drammi, poesie, racconti, traduzioni, sceneggiature. Nel 1969 vinse il Premio Nobel per la Letteratura. Famoso per la sua opera principale "Aspettando Godot" (Waiting for Godot) del 1952.
Il critico Vivian Mercier scrisse:
Beckett ha realizzato il teoricamente impossibile, un'opera in cui non succede nulla, ma che tiene incollati gli spettatori ai loro posti. In più, considerando che il secondo atto è una ripresa leggermente differente del primo, ha scritto un'opera in cui non succede nulla, due volte.
- Articolo pubblicato su "Irish Times" il 18 febbraio 1956

Giorni felici è un dramma in due atti del 1961.

Prima assoluta il 17 settembre 1961 al Cherry Lane Theatre di New York.
In Italia questa opera fu allestita straordinariamente nel 1982 da Giorgio Strehler al Piccolo Teatro di Milano (da lui stesso fondato nel 1947, primo Teatro stabile italiano) con gli attori Giulia Lazzarini e Franco Sangermano.
Quando mi viene chiesto da quanto sono io qui, io rispondo "Un secondo..." o "Un giorno..." o "Un secolo". Tutto dipende da che cosa io intendo per "qui" e "io" e "sono".


Monologo di Winnie






Tamara Marcelli
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Isola TM

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità