• La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ad ali spiegate, Ornella Nalon - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Mwende. Ricordi di due anni in Africa, di Stefania Bergo

Mwende. Ricordi di due anni in Africa, di Stefania Bergo - Recensione

Libri Recensione di Ornella Nalon. Mwende. Ricordi di due anni in Africa, di Stefania Bergo, Gli Scrittori della Porta Accanto,  2018. Un intenso diario romanzato, due anni di vita in un ospedale missionario, tra volontariato e viaggi on the road

Stefania Bergo ha scritto due libri e io li ho letti entrambi con profondo interesse e piacere. Sono due romanzi simili, perché sia l'uno che l'altro raccontano della sua esperienza come missionaria in Africa, eppure sono anche tanto diversi, poiché raccolgono i ricordi di due periodi ben distinti.
Con la mia valigia gialla è stato tracciato sulle impressioni di un lungo viaggio in solitaria, verso un paese sconosciuto e misterioso e un incarico nell'Ospedale St. Orsola altrettanto ignoto, con al seguito soltanto una valigia che conteneva pochi vestiti ma stipata di timore e una voglia immensa di fare e di trovare del bene. Invece Mwende. Ricordi di due anni in Africa narra del ritorno, tre anni dopo, nello stesso ospedale, ma questa volta con il ruolo di direttrice. Dunque, in questo caso, il viaggio presenta meno incertezze e l'autrice è decisamente più consapevole di ciò che l'attende, anche se non ha piena coscienza di quali saranno le specifiche mansioni del suo ruolo.
Ma perché il titolo è Mwende?, cosa significa? La parola è in lingua kitharaka e significa “amata”. È il nome che viene assegnato a Stefania Bergo dalla gente locale e non mi è difficile credere che possa suonarle come una onorificenza, un premio immateriale ma di grande valore che rende omaggio al suo operato.
In effetti, oltre all'insicurezza e alla modestia di fondo, tra le righe traspare una grande generosità e un incontenibile desiderio di rendere al massimo delle proprie potenzialità, il che fa della missionaria/direttrice una persona oltremodo coscienziosa.

Mwende. Ricordi di due anni in Africa è scritto con uno stile a tratti poetico, che denota una buona componente di sensibilità, ed è principalmente centrato sugli eventi accaduti durante i due anni trascorsi a Matiri da Stefania Bergo.

Ma riporta anche degli interessanti excursus sulla condizione di vita di quel tratto di terra africana, con particolare riguardo a quella femminile, tra cui spicca l'annoso e sempre persistente rito dell'infubulazione, che continua a creare gravissimi problemi, a volte anche con conseguenze mortali, al momento del parto. In questo libro, Stefania Bergo si lascia completamente andare alla memoria e sembra non porre freni di alcun tipo al suo flusso. Non si risparmia nemmeno nel raccontare alcune sue mancanze, nel riportare pensieri ed emozioni che mostrano i suoi lati più deboli. È evidente la totale assenza di una strategia narrativa atta ad ingraziarsi il compiacimento del lettore, dimostrando così la sua totale spontaneità.
Al termine della lettura di questo intenso libro si conoscerà un po' di più l'Africa e si proverà per essa pena e passione, ma ancora di più si conoscerà la personalità dell'autrice: una donna fragile e insicura, ma altrettanto decisa e forte e non si può fare a meno di sentirla uguale a tutti noi, nelle nostre umane debolezze ma di sentirla anche diversa per il suo ardire e per il suo grande cuore.
E saremo grati di avere conosciuto Mwende.


Mwende

di Stefania Bergo
Gli Scrittori della Porta Accanto
Narrativa di viaggio | Romanzo autobiografico
ISBN 978-8827565001
ebook 2,99€
Cartaceo 10,62€

Sinossi
Emozioni intense, natura prepotente di indescrivibile bellezza, persone straordinarie, vita quotidiana in un ospedale missionario, viaggi on the road tra Kenya, Tanzania, Zanzibar e Sudan.
A 35 anni, malgrado una carriera avviata come ingegnere clinico, Stefania sente il bisogno di cambiare rotta. Decide di mollare tutto, un lavoro sicuro e gli affetti, e riparte con la sua valigia gialla per trasferirsi nell’arido villaggio di Matiri, in Kenya, come Direttore generale dell'ospedale St. Orsola. Lì conoscerà altri volontari, troverà amici tra i residenti, si scontrerà con una realtà a volte affascinante altre difficile da accettare, spesso combattuta tra ciò che le bisbiglia la testa e quello che le grida il cuore, sperimentando indimenticabili e logoranti montagne russe emozionali. E inaspettatamente, Stefania troverà anche l’amore.
In questo memoir, sequel del suo romanzo d’esordio “Con la mia valigia gialla”, l’autrice ripercorre la sua vita durante quei due anni, raccontando a volte fedelmente, a volte romanzandole per esigenze narrative, le storie che si è trovata a vivere. Per dare una sbirciatina alla sua Africa, una delle tante facce del seducente continente.


Ornella Nalon
Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, 0111 Edizioni.
Una luce sul futuro, StreetLib collana Gli scrittori della porta accanto.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram