Gli scrittori della porta accanto

Recensione: Altri libertini, di Pier Vittorio Tondelli

 Recensione: Altri libertini, di Pier Vittorio Tondelli

Libri Recensione di Beatrice Rurini. Altri libertini di Pier Vittorio Tondelli, Feltrinelli 2013. Sei racconti, situazioni estreme di un periodo di decadenza generale, nel lontano 1979.

Pier Vittorio Tondelli è un ottimo scrittore. Il noi collettivo che spesso usa serve ad annullare il punto di vista e a immergere il lettore nel suo caos linguistico. Lo stile è impetuoso, aggredisce la sintassi e la grammatica, affastella pensieri e descrizioni nell’urgenza del narrare, una narrazione pulita e sincera che nulla lascia al compiacimento di sé e a quello molto più facile e redditizio del lettore.
È un puro cantore dei sogni e dei bisogni d’amore di una generazione allo sbando, di chi stava perdendo gli ideali del ’68 e aveva davanti la prospettiva sordida di una Milano da bere e dello yuppismo che già sgomitava sui canali della tv.
Altri libertini, di Pier Vittorio Tondelli, rappresenta gli estremismi di una generazione e pertanto nel linguaggio, negli episodi raccontati, emerge la crudezza e la volgarità, l’ignoranza dei più miseri alternata alla controcultura dei giovani studenti senza soldi, drogati, bisessuali, esponenti di una condizione sociale ai margini, abitatori delle stazioni, delle piazze notturne, delle periferie, delle balere, alla ricerca non tanto della felicità quanto della comprensione di quel disagio interiore che sale dentro l’anima e non trova sfogo vero.
Le parole di Pier Vittorio Tondelli sono incredibilmente fluide e non ripulite, un maestoso torrente in piena. E non è solo l'avvio di un nuovo modo di scrivere ma anche la capacità di rappresentare una generazione, senza filtri né interpretazioni. Tutto pur di correre lontano, anche lontano da se stessi.
Un insieme intricato di linguaggio, immagini, esperienze. O prendi tutto o niente.
L'ho riletto con più consapevolezza.


Altri libertini

di Pier Vittorio Tondelli
Feltrinelli
ISBN 978-8807883811
Cartaceo 7,65€
Ebook 6,99€

Sinossi
Altri libertini ha avuto fin dagli inizi una vita avventurosa: pubblicato nel 1980, sequestrato per oscenità e poi assolto dal tribunale ("con formula ampia"), è stato contemporaneamente giudicato dalla critica una delle opere migliori degli ultimi anni e ha imposto Tondelli tra i nuovi autori italiani più letti anche all'estero. I sei episodi, storie di gruppi più che di individui, legittimano l'adozione di una vera e propria soggettività plurale, di un Noi narrativo che fa del romanzo un ritratto generazionale.

Beatrice-rurini

Beatrice Rurini
Sono appassionata di lettura e musica sin da piccola. Ho conseguito la maturità magistrale (senza insegnare), studiato pianoforte e violoncello. Lavoro come restauratrice d'arte. Sono sposata con prole e, soffrendo d'insonnia, mi appoggio alla lettura per evitare di stare con le mani in mano.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità