• Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ad ali spiegate, Ornella Nalon - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Noi e il 68
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Recensione: Il rumore del mondo, di Benedetta Cibrario

Recensione: Il rumore del mondo, di Benedetta Cibrario

Libri Recensione di Beatrice Rurini. Il rumore del mondo di Benedetta Cibrario, Mondadori 2018. Idee, emozioni, gesti, figure che portano con sé i modi comportamentali della società di inizio '800.

Un romanzo italiano ambientato tra la Londra di fine '700 e l'Italia della prima metà dell'800, scritto con la consapevolezza di avere tra le mani un piccolo tesoro di narrativa. Scrupoloso fino all'inverosimile, Benedetta Cibrario intreccia una storia consolidata (cambiano solo i nomi) con il periodo preparatorio alla prima guerra d'indipendenza, il tutto con una scorrevolezza impressionante.
Un giovane rampollo di nobili origini, Prospero Vignon, viene mandato d'istanza a Londra e qui conosce e sposa una giovane fanciulla, Anne Bacon, figlia di un commerciante di sete e tessuti piuttosto ricco. Ma quando è il momento di seguire il consorte nel nuovo Paese, Anne si ammala di vaiolo e ne rimane deturpata.
Quando i giovani sposi si rincontrano, lui trova una persona diversa sia nel fisico che nei comportamenti. Questa situazione sarà il nodo di Il rumore del mondo di Benedetta Cibrario, infatti Anne verrà isolata e relegata in una tenuta di famiglia al di fuori dei giri e delle feste della Torino di inizio secolo. Solo la tenacia e la forza di volontà della ragazza la metteranno in evidenza agli occhi del suocero, che farà di tutto per riavvicinare gli sposi. Ovvio che la Storia faccia il suo corso e quelle che erano solo voci di rivolta diventano una vera e propria guerra: Prospero parte e ovviamente muore in battaglia.
Oltre che una trama semplice e comune per l'epoca, Il rumore del mondo presenta anche una serie perfetta di insegnamenti biologici, per la passione del marchese padre che investe tempo e denaro in favore di una tenuta di famiglia ove verrà poi isolata Anne, e di tecnologia ed innovazione industriale, poiché costei avrà il suo momento di riscatto nel portare le sue conoscenze a favore della famiglia Vignon. Non viene tralasciata la parte scientifica: il vaccino del vaiolo viene scoperto ed utilizzato proprio in quegli anni e le malattie iniziano a essere curate con metodo scientifico.
Benedetta Cibrario ottiene un ottimo risultato scrutando e studiando le lettere dell'epoca, facendo una scrupolosa ricerca sia a livello culturale che ponendosi direttamente nei panni dei personaggi: le descrizioni particolareggiate offrono uno spaccato di ciò che era l'estetica, l'abbigliamento, le tribolazioni, i dubbi e i sentimenti. Nulla sfugge al suo occhio e il romanzo offre a 360 gradi una vita familiare che rimarrà salda nella nostra biblioteca.

Il rumore del mondo, di Benedetta Cibrario

Il rumore del mondo

di Benedetta Cibrario
Mondadori
ISBN 978-8804705000
Cartaceo 18,70€
Ebook 10,99€

Sinossi
Prima metà dell'Ottocento. L'ufficiale piemontese Prospero Carlo Carando di Vignon, di stanza a Londra, sposa Anne Bacon, figlia di un mercante di seta, ma, richiamato dal suo reggimento, torna a Torino. Anne decide di raggiungere lo sposo più tardi, ma è costretta a fermarsi ulteriormente, colpita da un attacco di febbre vaiolosa. La malattia passa, ma i segni delle cicatrici restano. Quella che infine arriva a Torino è un'Anne molto diversa dalla giovane vivace e un po' frivola di pochi mesi prima. Prospero l'accoglie con la fredda correttezza dell'uomo che mantiene fede ai patti, ma la vita coniugale si annuncia come un piccolo inferno domestico. Il suocero Casimiro invita Anne a occuparsi della proprietà del Mandrone, del cui futuro soltanto lui - conservatore di ferro - sembra preoccuparsi. Tra i due si stabilisce un'imprevedibile complicità e Anne matura un profondo amore per quella campagna, per la vita appartata e operosa che vi conduce, per le prospettive legate a un accorto sfruttamento delle risorse. Enrico Verra, giovane vigoroso e sempre più ricco produttore di seta, condivide la febbrile immaginazione di Anne. Il racconto delle vicende di Anne Bacon e della famiglia Vignon si intreccia ai fili (che non sono solo quelli della seta) dello spirito del tempo, degli eventi in cui non si insinua - anche quando le coordinate sono ideologicamente regressive - lo spasmo del futuro. Siamo di fronte a un romanzo della nazione - a una nazione di potenzialità che guardano al di là dei confini, che non hanno confini. Viene da chiedersi se Anne, Prospero, Enrico, Casimiro (e i numerosi incisivi comprimari) appartengano davvero a un'era felice. Viene da rispondere che Cibrario, narrativamente parlando, ci racconta idee, emozioni, gesti, figure che non sono "in costume", ma portano con sé i modi comportamentali della società, quando si muove, quando produce movimento.

Beatrice-rurini

Beatrice Rurini
Sono appassionata di lettura e musica sin da piccola. Ho conseguito la maturità magistrale (senza insegnare), studiato pianoforte e violoncello. Lavoro come restauratrice d'arte. Sono sposata con prole e, soffrendo d'insonnia, mi appoggio alla lettura per evitare di stare con le mani in mano.

About Davide Dotto

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO
#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram