Gli scrittori della porta accanto

Jane Eyre, di Charlotte Brontë: pagina 69

Jane Eyre, di Charlotte Brontë: pagina 69

Pagina 69 #146 Jane Eyre, di Charlotte Brontë, Newton Compton 2015. L’affresco vivissimo di un’epoca e di una società, la storia di una proposta d’amore inaccettabile per la morale del tempo, il tormento della passione. Una potente figura femminile.

Camminai  un gran pezzo su e giù per la camera, coll'idea di esser lì solo a rimpiangere la mia perdita, e pensare al modo di ripararla. Ma, terminate le mie riflessioni, mi accorsi che il pomeriggio era passato, e la sera era già molto avanzata, e feci un'altra scoperta nei miei riguardi, ossia che nel frattempo ero stata soggetta a un processo di trasformazione; che il mio spirito si era liberato da tutto quello che aveva avuto in prestito dalla signorina Temple, o meglio, che essa si era portata via con sé l'atmosfera serena che aveva creato intorno, e ora ero rimasta nel mio elemento naturale, e provavo lo stimolo delle mie vecchie emozioni. Era sparito un appoggio, o meglio era partito un movente. Non era la possibilità di essere tranquilla che mi mancava, ma non esisteva più la ragione per la tranquillità. Il mio mondo in quegli anni era stato Lowood. La mia esperienza non era uscita dai suoi regolamenti e dalle sue abitudini. In quel momento mi rendevo conto che il mondo era vasto, e che un campo pieno di speranze e di paure, di sensazioni e di esaltazioni aspettava chi aveva il coraggio di affrontarlo, e di cercare la vera conoscenza della vita fra i suoi pericoli.
Andai alla finestra, l'aprii e guardai fuori. Si vedevano le due ali del fabbricato, il giardino, le mura di Lowood; poi, all'orizzonte, le colline. Il mio sguardo scivolò su tutti gli oggetti vicini, e si fermò su quelli più lontani, le cime azzurre. Erano quelle che desideravo valicare. Tutto entro i loro confini di rocce e di erica pareva una prigione, un esilio. Riconobbi la strada bianca che serpeggiava su per la montagna e scompariva in una gola. Come avrei voluto seguirla! Rammentai il tempo che avevo percorso quella strada in carrozza; ricordai che avevo disceso quella collina al crepuscolo. Sembrava un secolo dal giorno che ero venuta per la prima volta a Lowood! Da allora non l'avevo mai lasciato. Avevo passato tutte le mie vacanze nella scuola. La signora Reed non mi aveva chiamata a Gateshead; né lei né alcuno della sua famiglia era mai venuto a trovarmi. Non avevo mai avuto comunicazione per lettera o a voce col mondo esterno. I regolamenti della scuola, i doveri della scuola, le abitudini della scuola, e le opinioni, le voci, i volti, le frasi, i costumi, le preferenze e le antipatie della scuola: questo era quello che conoscevo dell'esistenza. Sentivo ormai che non bastava. In un solo pomeriggio avevo avvertito la stanchezza del tran tran di otto anni. Aspiravo alla libertà, anelavo la libertà, e pronunciai una preghiera per ottenere la libertà; mi sembrò che fosse dispersa dal debole soffio del vento. La lasciai perdere e concepii una supplica più umile. Anche questa supplica mi parve si dissolvesse nello spazio. "Almeno", gridai quasi disperata, "mi sia concessa una nuova servitù!"
La campana suonò l'ora della cena. Discesi. 



Quarta di copertina
Jane Eyre, di Charlotte Brontë

Jane Eyre è il capolavoro di Charlotte Brontë, l’affresco vivissimo di un’epoca e di una società, la storia di una proposta d’amore inaccettabile dal punto di vista della morale corrente ma che innesca il tormento della passione e la conseguente repressione. Potente figura femminile, l’eroina del romanzo ha ispirato numerose versioni cinematografiche. Cenerentola priva del candore della fiaba, Jane è la piccola governante che affascina e poi sposa il suo padrone, né bella né attraente secondo i canoni ottocenteschi della femminilità, forse ignara delle arti sottili della seduzione, ma animata da una volontà incrollabile che travolge ogni ostacolo e la preserva immune dalle tentazioni disseminate sull’aspro cammino che conduce alla realizzazione di sé come donna.

«Impossibile far la passeggiata quel giorno. La mattina, invece, avevamo errato un’ora per le macchie spoglie, ma dopo pranzo (la signora Reed, quando non aveva compagnia, pranzava presto) il freddo vento invernale aveva ammassato delle nuvole così cupe, e cadeva una pioggia così insistente, che di andar fuori non si parlò neppure.»
Charlotte Brontë


Leggi le altre pagine 69:


Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Isola TM

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità