• Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Noi e il 68
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Il Dottor Zivago, di Boris Pasternak: pagina 69

Il Dottor Zivago, di Boris Pasternak: pagina 69

Pagina 69 #154 Il Dottor Zivago, di Boris Pasternak (Feltrinelli). Un grande classico della letteratura russa che valse a Pasternak il Nobel per la letteratura nel 1958.

Durante tutto il tempo che essi si trattennero con gli Sventickij, Lara era in sala. Benché non fosse in abito da ballo e non conoscesse nessuno, a volte, abulicamente, come in sogno, si lasciava trascinare da Koka Kornakòv nel ballo, per poi vagare, accasciata, per la sala.
Una o due volte si sera fermata esitante sulla soglia del salotto, nella speranza che Komarovskij, seduto col viso rivolto alla sala, la vedesse. Ma lui guardava le carte, che teneva nella sinistra come uno schermo davanti a sé; e o non la vedeva davvero, o fingeva di non notarla. Lara si era sentita mancare il respiro per l’umiliazione. Intanto, dalla sala era entrata nel salotto una ragazza, che lei non conosceva. Komarovskij la fissò con lo sguardo che le era fin troppo noto. La ragazza, lusingata, gli sorrise, arrossì e s’illuminò. A quella vista, per poco Lara non gridò. Un rossore di vergogna le salì sul viso; le si imporporarono anche la fronte e il collo. “Una nuova vittima,” pensò. Vedeva come in uno specchio se stessa e la propria storia. Ma non aveva ancora rinunciato all’idea di parlare con Komarovskij e, decidendo di rimandare il tentativo a un momento più adatto, si costrinse alla calma e tornò nella sala.
Al tavolo di Komarovskij sedevano altre tre persone. Uno dei suoi partner, quello accanto a lui, era il padre del bellimbusto che aveva invitato Lara al valzer. Lara lo dedusse da due o tre parole che aveva scambiato con il suo cavaliere mentre ballavano. E l’alta donna bruna, vestita di nero con gli strani occhi ardenti e il collo sgradevolmente teso, simile a un serpente, che ogni momento passava dal salotto in sala, invadendo il campo d’azione del figlio, o viceversa, avvicinandosi al marito che giocava, era la madre di Koka Kornakòv. Poi, per caso seppe che la ragazza che le aveva causato tante complesse emozioni, era la sorella di Koka e le sue supposizioni si rivelarono infondate.
“Kornakòv,” si era presentato Koka. Ma Lara non aveva afferrato il nome. “Kornakòv,” aveva ripetuto all’ultimo giro, accompagnandola alla poltrona, e si era inchinato. Questa volta Lara aveva capito. “Kornakòv, Kornakòv,” rifletteva. “Non mi è nuovo. Qualcosa di spiacevole.” Poi ricordò. Kornakòv era il sostituto-procuratore della Corte di Giustizia di Mosca. Era stato lui il pubblico ministero al processo dei ferrovieri, nel quale era stato condannato Tiverzin. Su preghiera di Lara, Lavrentik Michàilovič era andato a parlargli, perché non infierisse troppo, a non aveva ottenuto nulla. “Così allora! Ah, così, così. Interessante. Kornakòv, Kornakòv.”

Era passata la mezzanotte, forse anche l’una. Jura aveva le orecchie che gli ronzavano. Dopo l’intervallo, durante il quale avevano bevuto in sala da pranzo il tè con i petit-fleurs,le danze ripresero e quando le candele dell’albero furono consumate, nessuno più le sostituì.


Quarta di copertina
Il Dottor Zivago, di Boris Pasternak

Le vicende di un medico travolto dall'impatto della rivoluzione russa e dalla successiva vacuità spirituale in cui precipita il suo paese. Questo, in estrema sintesi, il contenuto di un romanzo che valse a Boris Pasternak il Nobel per la letteratura nel 1958 e l'ammirazione di critica e lettori.


Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO
#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram