Recensione: Il matrimonio è una fiaba a lieto inizio, di Fulvio Fiori

Recensione: Il matrimonio è una fiaba a lieto inizio, di Fulvio Fiori

Libri Recensione di Andrea Pistoia. Il matrimonio è una fiaba a lieto inizio di Fulvio Fiori (Tea). Un libro introspettivo sull’amore e ciò che gli orbita intorno.

Cosa accade ad Angelo quando vede il mondo crollargli davanti agli occhi, con una moglie ormai diventata ex e dei figli che non vogliono avere più nulla a che fare con lui? Semplice: tocca il fondo.
Ma è proprio in quel momento che, circondandosi di buoni amici (ovvero di Riccardo ma soprattutto della sua confidente sciamanica Marta) e compiendo un viaggio in solitaria attraverso alcune capitali europee, cercherà le risposte per riconquistare la perduta pace interiore e troverà le soluzioni per risolvere le questioni insolute.
Questa è la trama in breve.
Urge adesso la recensione a caldo!
In primis, la storia non è lineare ma salta continuamente da un periodo temporale all’altro, ovvero da quello felice e romantico della coppia (dalla convivenza del protagonista con Alice fino al matrimonio e all’arrivo dei figli) a quello "oscuro" (quando, durante il viaggio in solitaria, rivive la fine della storia d’amore e tutto ciò che ne è conseguito, ovvero il divorzio, le lotte per accaparrarsi i figli, le difficoltà di comunicazione con questi ultimi e gli screzi con l’ex moglie). Il tutto è narrato attraverso brevi episodi che dipingono fedelmente e con profondità l’evoluzione (divenuta poi involuzione) di un matrimonio come se ne vedono tanti in questi anni, il quale parte con i fuochi d’artificio ma prosegue con il lento e inesorabile sgretolarsi di un rapporto che sembrava sarebbe durato in eterno.
In pratica, si vede come un amore nasce, cresce e poi muore nel peggiore dei modi. Tutto ciò attraverso piccole e grandi vittorie e sconfitte, affettive e non.

Il matrimonio è una fiaba a lieto inizio, di Fulvio Fiori: a lettura conclusa, cosa ne penso di questo romanzo?

Innanzitutto che in certi punti ho trovato la scrittura di Fulvio Fiori molto poetica, sentita e sofferta. L’autore sviscera tutte le emozioni, i tumulti interiori e le riflessioni inerenti all’amore, al matrimonio e al rapporto conflittuale con i figli. Abbraccia così un caleidoscopio ampio e intenso di emozioni, da quelle più spensierate a quelle più dolorose ma anche da scatti di ira a reazioni inaspettate che mantengono vivo l’interesse del lettore.
Fulvio Fiori imbastisce una storia dove non solo analizza gli stati d’animo e i pensieri più reconditi del padre/marito ma anche della moglie, al punto che in alcuni punti non si capisce più chi sia la vittima e chi il carnefice, chi il buono e chi il cattivo.
Tutto questo porta a veri e propri momenti di empatia tra il lettore e il protagonista, in quanto ci si specchia inesorabilmente nelle sofferenze e gioie di Angelo. Infatti ci si immerge così tanto nelle vicissitudini e stati d’animo del protagonista che basta poco a sentirsi euforici durante il suo matrimonio, emozionati nel suo nuovo ruolo di padre e profondamente delusi nel vedersi negato l’amore dei propri figli.
In tutto questo, non mancano anche i voli pindarici, di fantasia, in cui il protagonista ha un dialogo con Freud, il quale psicanalizza il suo rapporto con i figli, ma soprattutto con Marta, la sua amica sciamanica, la quale gli elargisce perle di saggezza che lo aiutano a comprendere meglio la sua situazione e ad affrontare questo difficile momento della vita.
Non di meno, il suo viaggio nelle città straniere (che io ho visitato e di conseguenza posso asserire siano descritte in modo accurato) è un modo per entrare ancor più dentro se stesso e nel suo mondo ormai sottosopra, con tanto di metafore tra ciò che lo circonda e la sua situazione attuale (vedi ad esempio quando si trova davanti al Danubio e il fiume diventa una metafora del suo rapporto con i figli).
Conclusioni?

Il matrimonio è una fiaba a lieto inizio di Fulvio Fiori è un libro introspettivo che analizza e sviscera tutti gli aspetti inerenti l’amore e ciò che gli orbita intorno. 

Ergo, tutti si possono identificare nei tumulti interiori del protagonista (anche chi non è mai stato sposato, in quanto tutti abbiamo comunque vissuto certi dolori “da abbandono”).
I dialoghi profondi, le continue metafore, i momenti toccanti che addolciscono o rattristano l’anima, il toccare città straniere così vicine a noi quanto sconosciute e gli episodi struggenti ma tristemente realistici fanno di questo romanzo un punto fermo per chi ha sofferto (o tutt’ora soffre) per amore. In quanto tale, è consigliato a tutti, uomini e donne. Per non dimenticare che per quanto uno possa toccare il fondo, c’è sempre un modo per risalire e per tornare ad essere felici.


Il matrimonio è una fiaba a lieto inizio

di Fulvio Fiori
Tea
Narrativa
ASIN B078GY3ZYJ
Ebook 2,99€

Sinossi
Questo romanzo racconta la storia di Angelo, un uomo come tanti che la vita ha messo a dura prova e che i suoi amici, un'amica sciamana in particolare, e la scrittura hanno aiutato a tirarsi fuori dall'abisso di dolore in cui era precipitato.
In un bel giorno di settembre, sotto lo sguardo vigile delle sue amate montagne, Angelo si ritrova marito di Alice, innamorato e pieno di progetti. Il matrimonio è proprio una fiaba a lieto inizio, e la famiglia che in breve tempo prende corpo – Angelo, Alice, Alessandro, Pietro e Andrea – va a vivere in una splendida villa in collina. Poi, in un quadro che sembra perfetto, si aprono le prime, inspiegabili crepe. Quasi senza accorgersene, e senza colpe, Angelo comincia a perdere i pezzi della propria vita: il lavoro, la passione, la fiducia, fino al colpo più duro, che lo allontana dalla famiglia e lo trasforma da marito e padre felice in un estraneo, un uomo solo seduto in un aeroporto in attesa di un volo e di un futuro…
Ma Angelo non è solo: la risalita sarà dura, piena di ostacoli, incomprensioni e passi falsi, ma ci sarà qualcuno che non lo abbandonerà e che lo aiuterà a capire che quando un uomo perde tutto, forse può finalmente trovare se stesso.
Andrea-Pistoia

Andrea Pistoia
Nasco in una solare giornata di luglio a Vigevano. A dodici anni scoppia l’amore per la letteratura. Affronto la scuola come un condannato a morte. In compenso la mia cultura extra-scolastica cresce esponenzialmente. Dopo due anni vissuti a Londra, torno in Italia come blogger, giornalista, recensore di fumetti e sceneggiatore di un fumetto online per una nota casa editrice. Chitarrista dei ‘Panama Road’, direttore editoriale di una fanzine online.
Ancora e mai più (nelle mutande), Youcanprint.
Di donne, di amori e di altre catastrofi, Youcanprint.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità