Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Recensione: Matrigna, di Teresa Ciabatti

Recensione: Matrigna, di Teresa Ciabatti

Libri Recensione di Beatrice Rurini. Matrigna di Teresa Ciabatti (Solferino). Un romanzo che non lascia molto al lettore, con un finale poco probabile.

Un inizio fuori dagli schemi che in sé potrebbe portare ad uno sviluppo di trama pazzesco ma che invece, col progredire del romanzo, ha ben poco da lasciare nella memoria del lettore.
La punteggiatura è un optional, non so se fa parte delle licenze poetiche ma forse, scritto nel flusso dei pensieri, distrae il lettore dalla trama e ne complica l'assimilazione. Probabilmente sbaglio.
Certo si legge con poco sforzo, se lo consideriamo lettura meccanica, ma nel complesso risulta inconsistente.
Provo a raccontarlo: una bambina di nove anni perde il fratellino più piccolo in un giorno di ressa, mentre la madre cammina qualche passo avanti. Poi il bambino sparisce.
Questo fratellino è il più amato, vezzeggiato, adorato e fotografato. Mentre la bambina rimane spettatrice e colpevole anche di fronte agli inquirenti che cercano di capire di che famiglia si tratti. La madre sembra succube di questo fanciullo tanto che, col passare del tempo, si piega su se stessa e cessa ogni briciolo di amore anche verso la figlia.
Il tempo passa (non si capisce il salto temporale) la ragazza cresce e un bel giorno trova in casa, dopo che i genitori si sono separati, un ragazzo bello e biondo che ha rivitalizzato la madre. Non si capisce però il suo ruolo: amante?, amico e confidente? Certo è simile, molto simile ai loro lineamenti e potrebbe nascondere un passato ambiguo.
Il finale è strapazzato e sinceramente è poco probabile.
Se ne poteva fare a meno.

Matrigna

di Teresa Ciabatti
Solferino
Narrativa
ISBN 978-8828200338
Cartaceo 12,38€
Ebook 9,99€

Sinossi
Andrea è un bambino speciale: capelli biondi, occhi azzurri, tutta la dolcezza del mondo. Noemi è una bambina ordinaria: capelli castani, occhi marroni, un fisico sgraziato. Ma cosa succede quando il bambino speciale sparisce, durante la festa di Carnevale? Uno sconosciuto, una ladra di figli altrui, un trafficante, un parente, stretto, strettissimo? E la sorella, non avrebbe dovuto tenerlo per mano? Domande che a nove anni puoi solo rimuovere, ma che ti restano dentro nonostante la fuga in città, l'università, gli amici, il fidanzato, il lavoro. Nonostante una vita normale. E quel passato troppo prossimo può tornare tutto insieme, all'improvviso, basta una telefonata. Noemi da Roma è richiamata al paese, là dove tutto è cominciato e dove tutto è finito. Ma al posto della madre sconfitta e ingrigita che si aspetta, trova una donna frivola e bionda che insieme a un giovane amico esce la sera, frequenta locali, pianifica viaggi e cambi di casa. Chi è Luca e cosa lo lega a un'indagine archiviata, a un bambino mai ritrovato? Teresa Ciabatti ci immerge nel racconto di un mistero, con un romanzo sui ruoli che non si finisce mai di attribuire: padre, madre, fratello, sorella. Dove la famiglia dispiega tutte le sue ossessioni, manifestandosi prima come rifugio, poi come condanna.

Beatrice-rurini

Beatrice Rurini
Sono appassionata di lettura e musica sin da piccola. Ho conseguito la maturità magistrale (senza insegnare), studiato pianoforte e violoncello. Lavoro come restauratrice d'arte. Sono sposata con prole e, soffrendo d'insonnia, mi appoggio alla lettura per evitare di stare con le mani in mano.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità