Gli scrittori della porta accanto

Hellboy torna al cinema, diretto da Neil Marshall

Hellboy torna al cinema, diretto da Neil Marshall

Cinema Di Lara Zavatteri. Hellboy, il demone rosso che combatte per il bene, torna sul grande schermo, diretto da Neil Marshall. Ma non si tratta del sequel dei film di Guillermo Del Toro.

Protagonista di due film precedenti, Hellboy, eroe dei fumetti creati da Mike Mignola poi portato sul grande schermo, è un demone rosso originariamente chiamato dai nazisti durante la seconda guerra mondiale per evocare Rasputin – il mago impostore vicino alla famiglia imperiale russa – che anziché venire ucciso viene salvato da uno scienziato che gli farà da padre. L'originaria missione di Hellboy era quella di distruggere il mondo, ma sceglierà invece, grazie agli insegnamenti paterni, di cercare e di praticare il bene.
Caratteristiche di Hellboy sono una zampa enorme, sproporzionata rispetto al corpo e di un materiale imprecisato, il rosso fuoco della sua pelle, una coda e due corna che a Hellboy non piacciono, per cui ciclicamente, ogni volta che ricrescono, se le taglia.
Hellboy è un demone buono, con uno spiccato senso dell'umorismo, sa amare e tra i suoi vezzi c'è  fumare il sigaro.
In Hellboy, in uscita questo mese nelle sale, diretto da Neil Marshall, il supereroe, detective di un'organizzazione che si occupa di proteggere la Terra da mostri e creature sovrannaturali che la minacciano, viene chiamato nel Regno Unito per combattere tre giganti, ma dovrà sconfiggere anche Nimue (l'attrice Milla Jovovich) strega che brama di vendicarsi dell'umanità e allo stesso tempo tenta di sedurre Hellboy. Hellboy, interpretato dall'attore David Harbour, dovrà sconfiggere la strega o sarà la fine, letteralmente, del mondo.


Non si tratta del sequel di Hellboy di Guillermo Del Toro, che ha diretto i primi due film.

Nell'aspetto è cambiato e in generale fa più paura, anche se si sa che è un demone buono. L'idea è stata non proporre un sequel alle due pellicole precedenti, ma ricominciare velocemente da quando Hellboy nasce, per poi introdurlo in un mondo popolato da una notevole quantità di cattivi, siano streghe, mostri vari o demoni, con scontri molto più frequenti. Insomma in questo film pare sia messo maggiormente in risalto lo scontro tra bene e male rispetto alla storia personale, anche se il demone dovrà, anche qui, scoprire le sue origini e come comportarsi di conseguenza.


Finora le recensioni di chi ha già visto il film non sono molto positive. Si critica l'idea di ricominciare da capo, anziché proporre la continuazione della storia, ma anche l'eccesso di effetti speciali. Inoltre Hellboy è stato trasformato da demone grande e grosso ma con una faccia simpatica ad uno che incute un certo timore – qui ha anche i capelli lunghi e muscoli messi troppo in evidenza –, insomma ne è stato fatto un demone vero e proprio anche nell'aspetto esteriore.
Per i fan di Hellboy che hanno visto gli altri film, non resta che vedere se questo nuovo Hellboy può reggere il paragone con il “vecchio” oppure se la pellicola non è all'altezza degli action movie di Del Toro, capaci di mescolare ai combattimenti per il bene ironia dei protagonisti e divertimento. L'appuntamento è al cinema per il verdetto.



Lara Zavatteri

Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle,Un cane di nome GiulianoRisparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.La strada di casa, Edizioni del Faro.
Agata. Come un funerale ti salva la vita, Youcanprint.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità