• Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Corpo di vento
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L età dell erba
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lettera alle parole
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Scrittori: intervista a Fiorella Malchiodi

Scrittori: intervista a Fiorella Malchiodi

Caffè letterario A cura di Silvia Pattarini. Intervista a Fiorella Malchiodi Albedi, al suo esordio con la raccolta Caldo cosmico e altri racconti (Eretica edizioni).

Benvenuta Fiorella Malchiodi Abedi, grazie per avere scelto il nostro web magazine culturale. Per scrivere un libro è necessario avere una storia da raccontare: qual è stata quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti ha spinto a scrivere Caldo cosmico e altri racconti?

La scintilla è stata un titolo. Un’amica mi aveva chiesto se volevo partecipare ad un concorso di scrittura tra amici. Io ho cortesemente declinato l’invito: non avevo mai scritto prima di allora, né avevo mai sentito il bisogno di farlo. Lei ha insistito, dicendo che era solo un gioco, che si doveva scrivere un racconto breve di cui si era già scelto il titolo, e che nessuno aveva esperienza di scrittura. Io ho continuato a rifiutare, ed è stato solo per curiosità che le ho chiesto quale titolo avessero scelto. “Tacchi a spillo”. Il titolo è stato incredibilmente evocativo. All’istante ho visto la scena che poi avrei narrato, e da cui è nato il mio primo racconto, che ora è in questa raccolta. E mi si è aperto un mondo. Ed anche una nuova prospettiva di visione del quotidiano, che ora mi appare una miniera infinita di spunti narrativi. Sono molto riconoscente a quell’amica, senza di lei non so se tutto ciò sarebbe cominciato.

Fiorella Malchiodi, ci riveli qualche curiosità sulla trama di Caldo cosmico e altri racconti?

Più che sulla trama, sui protagonisti. Ho scoperto che i personaggi dei racconti sono imprevedibili e che a un certo punto possono cominciare ad avere una vita propria. Ad esempio, solo a posteriori, mi sono resa conto che i protagonisti di due diversi racconti, scritti a distanza di un paio d’anni uno dall’altro, erano la stessa persona, in epoche diverse della sua vita. È stato come se il personaggio del primo racconto avesse continuato a vivere, nella mia totale inconsapevolezza, ed io lo avessi rincontrato, senza riconoscerlo, raccontando un altro pezzo della sua storia. Fare questa scoperta è stata una grande emozione. Da allora, ogni volta che finisco un racconto, mi chiedo se incontrerò di nuovo il suo protagonista.

Caldo cosmico e altri racconti si fa portavoce di qualche messaggio particolare, o si propone esclusivamente di intrattenere piacevolmente il lettore?

I miei racconti non vogliono veicolare un messaggio particolare. Descrivono i normali fatti della vita, come un incontro imprevisto, un regalo inaspettato, la scoperta di un tradimento, in cui i personaggi tentano di barcamenarsi, chi con maggiore, chi con minor successo. La mia attenzione va spesso a questi ultimi e il senso di inadeguatezza a vivere è forse il vero filo conduttore dei miei racconti. Il tutto condito a volte da un vago tono surreale, cosa che mi ha molto divertito, perché non l’ho cercato intenzionalmente ma è nato spontaneamente.

Fiorella Malchiodi Albedi preferisce scrivere con carta e penna, o meglio la tastiera?

Tastiera, seduta sul letto, con il portatile sulle ginocchia. Ho sempre scritto al computer, per il mio lavoro, e ormai ho quasi difficoltà a scrivere a mano. Ma dicono che sia una grande perdita per le nostre capacità cognitive e mi sono ripromessa di ricominciare ad usare carta e penna.

Ti è mai capitato di doverti confrontare col famigerato “blocco dello scrittore”? Come l’hai superato?

Sì, capita ogni tanto che abbia l’impressione di non aver più nulla da dire e che l’ispirazione si sia irrimediabilmente inaridita. Allora aspetto. So per esperienza che prima o poi le cose cambiano da sole. Se invece ho un problema che non riesco a risolvere in un racconto, ad esempio c’è uno snodo della trama non mi convince, o un finale che non mi soddisfa, è molto probabile che trovi la soluzione durante le mie corse al parco.

Fiorella Malchiodi Albedi, ti ringrazio tantissimo per essere stata con noi e, a nome degli Scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo ultimo libro, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!



Caldo cosmico e altri racconti di Fiorella Malchiodi Albedi

Caldo cosmico e altri racconti

di Fiorella Malchiodi Albedi
Eretica edizioni
Racconti
ISBN 978-8833440187
cartaceo 9,90€

Sinossi
"Ieri, passeggiando lungo via Nomentana, cosa che non facevo da anni, mi sono ricordata improvvisamente della storia degli aquiloni. Erano anni che non ci pensavo. Mi sono tornati in mente perché è stato proprio tra i rami di un maestoso platano della strada che ne ho visto uno per la prima volta."
I racconti di questa raccolta sono quasi tutti ambientati a Roma nel quartiere di Città Giardino, dove l'autrice vive. Protagonista è la normalità della vita, con le sue contraddizioni e insensatezze. In essa i personaggi tentano di barcamenarsi, chi con maggiore, chi con minor successo, con il senso di inadeguatezza a vivere come filo conduttore. Una scelta narrativa che si nutre dei ricordi e delle emozioni dell'autrice, che si svelano al lettore con discrezione e riservato pudore. Ogni tanto, nella quotidianità del vissuto, si insinua un vago tono surreale, un'atmosfera magica leggera e inaspettata, come a cercare un riscatto dalla banalità della vita.

Silvia Pattarini

Silvia Pattarini
Madre di tre figli, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.
Il tempo di un caffè, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni.

About Silvia P.

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page
Pubblicità
Amazon Prime



Novità editoriali



Pubblicità
Booking.com


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram