L'invenzione del colpevole: a Trento una mostra sul falso culto del Simonino

L'invenzione del colpevole: a Trento una mostra sul falso culto del Simonino

Arte Di Lara Zavatteri. L'invenzione del colpevole: al Museo Diocesano Tridentino fino ad aprile, una mostra racconta la propaganda antisemita prima della Shoah nel culto di Simonino da Trento.

L'antisemitismo non è nato con la Shoah, nel Novecento. Semmai quello è stato il culmine dell'odio verso gli ebrei, che però nella Storia c'è sempre stato. Si pensi ai cattolicissimi Isabella d'Aragona e Ferdinando di Castiglia, i “re cattolici” che costrinsero gli ebrei spagnoli a convertirsi oppure a lasciare la Spagna. Parliamo del Quattrocento, ma episodi come questi se ne possono trovare moltissimi guardando indietro.
Basti pensare che gli ebrei fuggiti dall'Egitto, come racconta la Bibbia, in quell'Egitto erano schiavi e per questo cercarono una nuova terra.

L'antisemitismo c'era anche in una città come Trento, famosa per il caso del “Simonino”, raccontato in una mostra aperta al pubblico al Museo Diocesano Tridentino (Palazzo Pretorio) fino al prossimo 13 aprile.

La mostra, dal titolo L'invenzione del colpevole. Il “caso” di Simonino da Trento, dalla propaganda alla storia a cura di Domenica Primerano (autrice di un libro con lo stesso titolo) in collaborazione con altre persone e realtà del territorio, racconta attraverso opere come disegni, immagini, incunaboli, sculture, xilografie la storia di Simone, un bambino che diventò un martire e della cui morte venne accusata, ingiustamente, la comunità ebraica (video RAI L'invenzione del colpevole. La storia di Simonino da Trento).
Siamo nella Trento del XV secolo, precisamente il 23 marzo 1475, un Giovedì Santo. Scompare un bambino di due anni, Simone (detto Simonino) che verrà ritrovato a Pasqua in una roggia nei pressi dell'abitazione di Samuele, uno degli esponenti di maggior spicco della comunità ebraica locale.
Il bambino, senza vita, diviene subito un martire cristiano e gli accusati, tutti ebrei, mandati a morte. Si diffonde la credenza che gli ebrei, per Pasqua, siano usi a compiere riti sacrileghi specialmente sui corpi dei bambini, anche questa una falsità che contribuì non poco al culto del Simonino, sempre raffigurato mentre patisce pene indicibili.


Il culto del Simonino non si ferma per secoli, tanto da essere abrogato dalla Chiesa solamente nel 1965, riconoscendo l'infondatezza di tutte le accuse mosse verso gli ebrei.

Ma com'è stato possibile tutto questo?
Per capire la Trento di allora e la storia del Simonino, il suo falso culto arrivato fino al Ventesimo secolo, la mostra si completa anche con video che lo rappresentano nelle chiese locali (ma anche nell'Italia centro-settentrionale) oltre ad una sala multimediale (a cura di Aurora Meccanica) che con suoni, testi e immagini tratti dai documenti illustra come appunto sia stato possibile inventarlo e portarlo avanti.
Grande spazio è riservato poi ai protagonisti, a coloro che resero possibile far giungere alla verità fino all'abrogazione del culto.
Per visitare la mostra: il Museo Diocesano si trova in piazza Duomo a Trento, la mostra è aperta con orario 10-13 e 14-18, chiusa il martedì e il giorno di Pasqua. L'ingresso costa 7 euro, ridotto a 5 euro ed è gratuito ogni prima domenica del mese.
Per maggiori informazioni: www.museodiocesanotridentino.it.

Lara Zavatteri

Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle,Un cane di nome GiulianoRisparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.
Agata. Come un funerale ti salva la vita, Aroma di caffè e profumo di fieno, Youcanprint.



About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità
Promozione laFeltrinelli