Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Canzoni come poesie: «Perdonare» di Nek

Canzoni come poesie: «Perdonare» di Nek

Musica Di Tamara Marcelli. Dai versi alle note, quando le canzoni sono poesie: «Perdonare» di Nek, alias Filippo Neviani, dall'ultimo album Il mio gioco preferito – Parte seconda (Warner Music Group) del 2020.

Dieci milioni di dischi venduti in tutto il mondo.
Nek, alias Filippo Neviani, è un cantautore italiano, nato a Sassuolo, il 6 gennaio del 1972.
Ha iniziato la sua carriera negli anni '80. Come solista si presentò nel 1991 al Festival di Castrocaro con la canzone «Io ti vorrei». Non vinse ma si guadagnò un contratto con la Fonit Cetra, importante casa discografica. Nell'anno successivo realizzò il suo primo album registrato in studio dal titolo Amami e nel 1993 partecipò al Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte, arrivando al terzo posto con la canzone «In te». Lo stesso anno pubblicò il suo secondo album e nel 1994 il terzo dal titolo Calore Umano che contiene «Angeli nel ghetto» che diventerà un tormentone. Nel 1996, dopo aver cambiato etichetta discografica, arrivato alla Warner Music Italy, ha pubblicato il suo quarto album dal titolo Lei, gli amici e tutto il resto.

Nel 1997 il grande salto: partecipa al Festiva di Sanremo con la canzone «Laura non c'è», classificandosi settimo.

Ma l'album raggiunse il milione e mezzo di copie vendute nel mondo. Nel 1998  pubblica il quinto album In due anche in lingua spagnola e partecipa al Festivalbar con la canzone «Se io non avessi te» ottenendo un ottimo successo. Nel 2000 pubblica il sesto album dal titolo La vita è, anche in lingua spagnola. Nel 2002 pubblica il settimo album dal titolo Le cose da difendere che contiene la canzone «Sei solo tu», duetto con Laura Pausini.
Nel 2003 pubblica una raccolta dal titolo The best of Nek - anno zero che contiene la canzone «Almeno stavolta». Nel 2005 partecipa al Festivalbar e vince con la canzone «Lascia che io sia» che poi farà parte dell'ottavo album Una parte di me pubblicato anche in lingua spagnola per l'America Latina dove Nek ha molto successo. Nel 2006 vince un importante premio Poesia del rock o Premio Lunezia con il brano «Nella stanza 26» che darà il titolo al nono album pubblicato nello stesso anno.

Nel 2009, a seguito del terremoto che ha colpito L'Aquila, Nek partecipa al progetto "Uniti per l'Abruzzo - Domani"  insieme ad altri importanti artisti italiani. 

L'intero incasso è stato devoluto alla ricostruzione del Conservatorio e del Teatro de L'Aquila. Progetto autonomo inserito nell'ambito del "Salviamo l'arte in Abruzzo". Il cd ha venduto oltre 450 mila copie oltre i downloads digitali.
Nel novembre del 2009 duetta con Claudio Baglioni e  Roy Paci nel brano «Cosa non si fa».
Nel 2012 partecipa al concerto per il terremoto dell'Emilia con alcuni grandi artisti italiani.
Nel 2013 esce il singolo «Congiunzione Astrale» che anticipa l'album Filippo Neviani. Lo stesso anno duetta con Max Pezzali nel brano «Nessun rimpianto».
Nel 2015 partecipa al Festival di Sanremo e si classifica al secondo posto con il brano «Fatti avanti amore», guadagnando anche il premio miglior arrangiamento e quello della sala stampa. Inoltre vince il premio per la migliore esibizione di cover con il brano della grandissima Mina «Se telefonando». Quattro anni dopo partecipa invece con il brano «Mi farò trovare pronto».


Nel 2020 in piena pandemia da Covid-19 esce l'album Il mio gioco preferito - parte seconda che contiene il brano «Perdonare».

Una canzone che guarda al futuro con un messaggio chiaro e forte: lasciarsi dietro il passato, gli errori, le bruttezze... ripartire da qui, da ora, da noi stessi... anche se non è facile. «Vedrai che cambierà... rialziamoci da terra, ripartiamo da qui...»
Da ascoltare per apprezzare le cose semplici, gli affetti, un sorriso, uno sguardo. Un messaggio positivo al futuro, superando le difficoltà dando importanza alle cose vere, lasciando da parte il resto. Perché non conta, non serve. Si può credere e capire per aprirsi al futuro, brindando al passato... perché nulla è perduto, tutto ha un senso. Anche quando non sembra averne. «In mezzo alla tempesta noi siamo ancora qui, tenendoci più forte per non perderci...»
Si può anche perdonare e darsi un'altra possibilità. Si può ricordare i giorni passati, ma guardare insieme davanti a sé e camminare vicini. Superando ogni ostacolo. Per continuare a crescere. Insieme. «La somma dei nostri difetti ci rende perfetti...»
Un album che culla le emozioni di ogni giorno, per imparare a guardare le cose con occhi diversi, facendo forse un salto indietro nel l'io che eravamo per poter guardare in avanti.
La semplicità paga sempre. E per utilizzare il titolo di una sua canzone, "La vita è" proprio questo: essere quel che si è. Essere se stessi.

«Perdonare» è un singolo dell'album Il mio gioco preferito – Parte seconda

  1. Perdonare
  2. Ssshh!!!
  3. Imperfetta così
  4. Una canzone senza nome
  5. E sarà bellissimo
  6. Amarsi piano
  7. Le montagne
  8. A mani nude
  9. Allora sì
  10. E da qui (family version)

Difficile volersi bene
Non metterci mai le catene
La somma di tutti gli errori
Ci ha reso comunque migliori
In mezzo al casino del mondo
Negli occhi hai il senso profondo di questa vita

Difficile per ogni uomo
Non restare sempre bambino
Mi accetti per quello che sono
Mi senti per quello che suono

E ora che giorno per giorno
Ci metto il mio istinto, l'impegno
Esiste soltanto averti accanto ed esserne degno

In mezzo alla tempesta noi siamo ancora qui
Tenendoci più forte per non perderci
Vedrai che cambierà, cambierà
E se cambierà vale anche perdonare, perdonare
Non è mai facile
Rialziamoci da terra, ripartiamo da qui
Se ancora due destini dicono di sì
Lo so che cambierà, cambierà
E se cambierà ti posso perdonare, perdonare

Difficile crescere insieme
Mischiare veleno col miele
La somma dei nostri difetti
Insieme ci rende perfetti

E ora che giorno per giorno
Ci metti il tuo istinto, l'impegno
Senza regole esiste soltanto averti al centro ed esserne degno

In mezzo alla tempesta noi siamo ancora qui
Tenendoci più forte per non perderci
Vedrai che cambierà, cambierà
E se cambierà vale anche perdonare, perdonare
Non è mai facile
Rialziamoci da terra, ripartiamo da qui
Se ancora due destini dicono di sì
Lo so che cambierà, cambierà
E se cambierà tu mi sai perdonare, perdonare

Così questo cuore ti è grato
E non ti darà per scontato
È tutto quello in cui credo
Sei in tutto quello che vedo
E ora che abbiamo capito
E abbiamo spazio infinito
Brindiamo al nostro passato
Buttiamo alle spalle quello che è stato

Vedrai che cambierà, cambierà
E se cambierà vale anche perdonare, perdonare
Non è mai facile
Rialziamoci da terra, ripartiamo da qui
Se ancora due destini dicono di sì
Lo so che cambierà, cambierà
E se cambierà amare è perdonare, perdonare

Un consiglio: sul profilo Instagram di Nek  potrete trovare il video del brano girato a Sassuolo... da non perdere!

Lyrics powered by www.musixmatch.com


Tamara-Marcelli

Tamara Marcelli
Artista poliedrica, eccentrica, amante dell'arte in tutte le sue forme. Una sognatrice folle. Ha studiato Lettere e Tecniche dello Spettacolo, canto e recitazione per oltre dieci anni e ha lavorato come attrice in alcuni importanti Teatri del Lazio. Scrive poesie, romanzi, testi teatrali, articoli e saggi.
Il blu che non è un colore, Gli Scrittori della Porta Accanto (seconda edizione).
Il sogno dell'isola, Gli Scrittori della Porta Accanto (seconda edizione).
Ponti sommersi, Gli Scrittori della Porta Accanto.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Isola TM

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità