Gli scrittori della porta accanto

Scrittori, intervista a Stefano Pietri

Scrittori, intervista a Stefano Pietri

Caffè letterario A cura di Silvia Pattarini. Intervista a Stefano Pietri, in tutti gli store online col suo nuovo romanzo Hypnos (LFA Publisher): «Leggere è vivere una storia, scrivere è crearla vivendola».

Diamo il benvenuto a Stefano Pietri. Grazie per avere scelto il nostro web magazine culturale Gli Scrittori della Porta Accanto – Non solo libri.  Per scrivere un libro è necessario avere una storia da raccontare: qual è stata quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti ha spinto a scrivere  Hypnos?

Innanzitutto vi ringrazio per l’opportunità che mi avete dato. Dopo i miei precedenti romanzi ed alcuni racconti pubblicati, avevo voglia di misurarmi con una storia diversa dalle precedenti che avevo raccontato e cercavo, nel marasma di editori che pubblicano chiedendo un contributo all’autore, la soddisfazione di trovare una casa editrice no EAP, cioè che credesse in me, in quello che scrivo e mi trattasse come uno scrittore “vero”. Infatti purtroppo, visto che pagando può pubblicare un libro quasi chiunque, in Italia il livello dei romanzi scritti da esordienti e non è decisamente basso.

Ci ricordi i titoli delle tue precedenti pubblicazioni? 

Il primo è stato Uozzamericanboys, dedicato ad Alberto Sordi ed il secondo  Non credevo di trovarti su facebook, scritto quando i social cominciavano ad essere conosciuti in Italia.

Hypnos, Perché hai scelto proprio questo titolo?

Una parte del romanzo è caratterizzata da sedute di psicoterapia a cui si sottopone il protagonista del libro. Ad un certo punto il terapeuta, per scendere più profondamente nel suo inconscio, gli propone di fare un tentativo di ipnosi. Da qui il titolo del romanzo, riportato in greco antico, per dargli un po' più di enfasi.

Stefano Pietri ci riveli qualche indiscrezione sulla trama, così da farci addentrare meglio nel tuo contesto?

Il romanzo narra la vicenda di Paolo, un ragazzo brillante che, oltre a lavorare, suona in un gruppo rock e svolge una vita apparentemente normale. Ma questa normalità viene meno a seguito dell’uccisione di tre ragazze, tutte abitanti nello stesso quartiere e che avevano avuto poco tempo prima una breve relazione con lui.
Questi avvenimenti chiaramente turbano il protagonista e le cose si complicano ancora di più quando conosce Fabiola, che abita anche lei nello stesso quartiere. Paolo infatti se ne innamora e, visto quello che è accaduto alle altre ragazze, teme per la sua incolumità. Comincia così a comportarsi in modi strani, cosa che lo porterà prima ad allontanarsi da lei in maniera sofferta, poi ad intraprendere un duro percorso di analisi interiore per cercare di gestire la sofferenza. Dopo aver sperimentato anche l’ipnosi, come detto poc’anzi, Paolo arriverà finalmente a scoprire dove si cela la verità, anche se la sorte ha ancora in serbo per lui un colpo di scena finale.
Hypnos di Stefano Pietri

Hypnos

di Stefano Pietri
LFA Publisher
Narrativa | Giallo Psicologico
ISBN  978-8833431819
cartaceo 15,20€

Perché consiglieresti Hypnos?

Perché è una storia che comprende più aspetti. C’è il giallo, il mistero, c’è la parte psicologica ed una storia d’amore e, alla fine, più di un colpo di scena.

C'è una domanda che avresti voluto ti facessi? E quale sarebbe la risposta?

Sì, una domanda semplice, ma importante allo stesso tempo: Perché scrivi?
Perché amo leggere, amo le storie, mi piace emozionarmi e quando scrivo mi emoziono tantissimo e mi dà una grande soddisfazione sentire che i miei libri suscitano emozioni nelle persone.

Scrivere, a volte, diventa terapeutico. Ma non credo sia solo questo lo scopo del tuo libro. C'è qualche altra motivazione?

Sono d’accordo sulla funzione terapeutica della scrittura. Ma, come dicevo prima, è l’emozione che mi spinge a scrivere, oltre alla voglia di creare, d’inventare storie, che ho sempre avuto, sin dai tempi della scuola.

Ringraziamo tantissimo Stefano Pietri per essere stato ospite degli Scrittori della porta accanto e, anche a nome dei nostri lettori, gli auguriamo in bocca al lupo per suoi progetti futuri.

Silvia Pattarini

Silvia Pattarini
Madre di tre figli, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.
Il tempo di un caffè, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Silvia P.

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità