• Un modo lo trovo, Paola Napoleone
  • Mal di terra
  • Dai graffi del cuore nascono parole, di FraSté - Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di mare a di orizzonti - Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Il mare e la nebbia di Rosa Santi
  • Sei mesi di prova
  • Petrolio bollente
  • Copertina del libro
  • La ricamatrice Maurizio Spano
  • Andrà tutto bene
  • Un errore di gioventù   Elena Genero Santoro
  • Telma - Claudia Gerini
  • Il buio d'Etiopa - Nicolò Maniscalco
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Grilli e Sangiovese
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Mal di terra, il romanzo d'esordio di Tomas Gazo

Mal di terra, il romanzo d'esordio di Tomas Gazo

Libri Comunicato stampa. Mal di terra (PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto), il romanzo d'esordio di Tomas Gazo: una storia per chi ama navigare sul mare e non saprebbe vivere senza, una storia che sa di vele bagnate, legno e salsedine.

Il ponente di quel pomeriggio era semplicemente perfetto. Francesco poteva tenere la barra del timone e parlare con il suo “equipaggio”. Elisabetta, dal canto suo, poteva cercare un suo riflesso nell’acqua. Ci fu un momento in cui pensò anche di tuffarsi. Poi desistette.
Il tempo passò e il sole si abbassò sull’orizzonte.
Francesco pensò con preoccupazione all’arrivo sullo scalo. Doveva tirare su la deriva, togliere il timone e sventare le vele senza l’aiuto che avrebbe normalmente avuto dal suo amico. Non poteva contare su Elisabetta. A pochi metri dall’arrivo la sua felicità, invece, aumentò quando vide gli occhi della ragazza che brillavano.
«Lo ammetto – gli disse lei con un grande sorriso – la vela è proprio fantastica. Non ho capito praticamente niente di quello che hai fatto ma voglio capirlo, voglio diventare una velista anch’io!»
Fece una pausa.
«Però mi dovresti spiegare una cosa. Adesso sento la terra che si muove e non capisco, sono assolutamente ferma!» «Si chiama “mal di terra”», rispose Francesco.
«Di terra?»
«Sì, succede a chi ha poca abitudine a stare in barca e continua a sentire il movimento delle onde anche quando è sulla terraferma. Anche a me succede, ma solo quando rimango in mare per tanto tempo, almeno per una giornata. Se navigassi più spesso non proverei neppure io questa sensazione. E comunque è fastidiosa ma passa presto.»
Lui, con l’unica mano libera, l’altra a un capo della corda, stringeva quella di lei. Tomas Gazo, Mal di terra

Mal di terra

di Tomas Gazo
PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto
Narrativa
ISBN 978-8833666815
cartaceo 10,00€
ebook 2,99€

Sinossi

Anni ‘50, Liguria. Francesco ha venticinque anni e lavora, insieme al suo migliore amico Leonardo, come apprendista maestro d’ascia nel cantiere di padron Berto. Un lavoro che gli dà modo di coltivare la sua grande passione per la vela.
La perdita del padre gli preclude la possibilità di laurearsi e di evadere dalla sua piccola realtà che sente stretta. Alla morte della madre, per arrotondare, nella stagione estiva affitta le camere della sua umile casa sul mare. Conosce così Elisabetta, venuta a godersi le vacanze col padre, ingegnere lombardo. I due condividono serate, sguardi: s’innamorano.
Elisabetta deve tornare a Milano, mentre Francesco resta a vivere al Borgo, sognando un giorno di poter andare per mare con una barca tutta sua. I primi mesi la lontananza è tenuta viva da lettere d’amore, poi lei gli comunica che dovrà sposare un giovane in grado di risollevare le sorti dell’azienda di famiglia.
Pochi anni e il progresso arriva anche al Borgo: padron Berto è costretto a chiudere il cantiere e Francesco e Leonardo a iniziare una nuova vita: uno diventa marinaio in giro per il mondo, l’altro trova lavoro al paese come pescatore.
Francesco tornerà dopo un anno senza aver mai rinunciato alla barca dei suoi sogni o aver dimenticato Elisabetta. Ma forse, non è mai troppo tardi…
Una storia che sa di vele bagnate di mare, legno e salsedine.



Tomas Gazo

Tommasino Gazo, nato a Imperia nel 1946, ha svolto incarichi in qualità di direttore dei servizi generali amministrativi presso diversi istituti scolastici statali della città. Collabora dal 1990 con il quotidiano «Il Secolo XIX» edizione Imperia-Sanremo e da oltre due decenni con il magazine mensile «Vela e Motore».
Nel 2012 ha vinto il premio speciale della Giuria per il miglior racconto di mare al Premio Internazionale di narrativa “Il Prione” a La Spezia. Dopo la maturità ottenuta presso il Liceo Scientifico “G.P. Vieusseux” di Imperia si trasferisce a Milano per conseguire il Diploma universitario in Statistica nei primi anni ’70 presso l’Università Cattolica.
Non saprebbe vivere lontano dal mare.
Nella sua città natale trova occupazione in ambito statale soltanto per poter essere vicino all’acqua salata. La passione per il mare e la vela, che gli hanno fatto vivere molte stagioni di regate, hanno sempre segnato la sua esistenza. 

ESTRATTI E RECENSIONI




About Stefania Bergo

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità
Promozione laFeltrinelli


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram